Home » Testo CEI 2008 » Libri Sapienziali » Salmi
Sal
Capitolo 37            Salmo 37

 
1 Di Davide.

Alef Non irritarti a causa dei malvagi,
non invidiare i malfattori.

2 Come l'erba presto appassiranno;
come il verde del prato avvizziranno.

Bet 3 Confida nel Signore e fa' il bene:
abiterai la terra e vi pascolerai con sicurezza.

4 Cerca la gioia nel Signore:
esaudirà i desideri del tuo cuore.

Ghimel 5 Affida al Signore la tua via,
confida in lui ed egli agirà:

6 farà brillare come luce la tua giustizia,
il tuo diritto come il mezzogiorno.

Dalet 7 Sta' in silenzio davanti al Signore e spera in lui;
non irritarti per chi ha successo,
per l'uomo che trama insidie.

He 8 Desisti dall'ira e deponi lo sdegno,
non irritarti: non ne verrebbe che male;

9 perché i malvagi saranno eliminati,
ma chi spera nel Signore avrà in eredità la terra.

Vau 10 Ancora un poco e il malvagio scompare:
cerchi il suo posto, ma lui non c'è più.

11 I poveri invece avranno in eredità la terra
e godranno di una grande pace.

Zain
12 Il malvagio trama contro il giusto,
contro di lui digrigna i denti.

13 Ma il Signore ride di lui,
perché vede arrivare il suo giorno.

Het 14 I malvagi sfoderano la spada e tendono l'arco
per abbattere il povero e il misero,
per uccidere chi cammina onestamente.

15 Ma la loro spada penetrerà nel loro cuore
e i loro archi saranno spezzati.

Tet 16 È meglio il poco del giusto
che la grande abbondanza dei malvagi;

17 le braccia dei malvagi saranno spezzate,
ma il Signore è il sostegno dei giusti.

Iod 18 Il Signore conosce i giorni degli uomini integri:
la loro eredità durerà per sempre.

19 Non si vergogneranno nel tempo della sventura
e nei giorni di carestia saranno saziati.

Caf 20 I malvagi infatti periranno,
i nemici del Signore svaniranno;
come lo splendore dei prati,
in fumo svaniranno.

Lamed 21 Il malvagio prende in prestito e non restituisce,
ma il giusto ha compassione e dà in dono.

22 Quelli che sono benedetti dal Signore avranno in eredità la terra,
ma quelli che sono da lui maledetti saranno eliminati.

Mem 23 Il Signore rende sicuri i passi dell'uomo
e si compiace della sua via.

24 Se egli cade, non rimane a terra,
perché il Signore sostiene la sua mano.

Nun 25 Sono stato fanciullo e ora sono vecchio:
non ho mai visto il giusto abbandonato
né i suoi figli mendicare il pane;

26 ogni giorno egli ha compassione e dà in prestito,
e la sua stirpe sarà benedetta.

Samec 27 Sta' lontano dal male e fa' il bene
e avrai sempre una casa.

28 Perché il Signore ama il diritto
e non abbandona i suoi fedeli.
Ain Gli ingiusti saranno distrutti per sempre
e la stirpe dei malvagi sarà eliminata.

29 I giusti avranno in eredità la terra
e vi abiteranno per sempre.

Pe 30 La bocca del giusto medita la sapienza
e la sua lingua esprime il diritto;

31 la legge del suo Dio è nel suo cuore:
i suoi passi non vacilleranno.

Sade 32 Il malvagio spia il giusto
e cerca di farlo morire.

33 Ma il Signore non lo abbandona alla sua mano,
nel giudizio non lo lascia condannare.

Kof 34 Spera nel Signore e custodisci la sua via:
egli t'innalzerà perché tu erediti la terra;
tu vedrai eliminati i malvagi.

Res 35 Ho visto un malvagio trionfante,
gagliardo come cedro verdeggiante;

36 sono ripassato ed ecco non c'era più,
l'ho cercato e non si è più trovato.

Sin 37 Osserva l'integro, guarda l'uomo retto:
perché avrà una discendenza l'uomo di pace.

38 Ma i peccatori tutti insieme saranno eliminati,
la discendenza dei malvagi sarà sterminata.

Tau 39 La salvezza dei giusti viene dal Signore:
nel tempo dell'angoscia è loro fortezza.

40 Il Signore li aiuta e li libera,
li libera dai malvagi e li salva,
perché in lui si sono rifugiati.




LA SORTE DEL GIUSTO E DELL’EMPIO
37 La disposizione alfabetica (vedi nota a Sal 9) e il contenuto che lo caratterizza collocano questo salmo nella linea della meditazione sapienziale. Di fronte agli enigmi e alle contraddizioni della vita il salmista dichiara la sua fiducia in Dio giusto giudice ed esorta chi è dubbioso ad affidarsi totalmente a lui, senza lasciarsi ingannare dall’apparente successo degli empi.
37,2 l’erba … il verde del prato: l’erba presto bruciata dal sole (v. 20) è immagine frequente, nella Bibbia, della sorte degli empi e della caducità della vita umana (Gb 8,12; Sal 90,5; Is 40,6).
37,3 terra: quella promessa da Dio al suo popolo, ma anche il simbolo dei beni che la benedizione e la protezione di Dio accordano a chi è fedele (vedi anche vv. 9.11.22.29.34).
37,11 I poveri invece: la beatitudine dei miti (Mt 5,5) è un richiamo a questo versetto, specialmente nella versione dei LXX.
    << precedente successivo >>    
A A