Home » Testo CEI 1974 » Libri Profetici » Sofonia
Sofonia
Nonostante la genealogia (1,1) risalente a Ezechia, che però non sembra essere il famoso re di Giuda, di questo profeta si può dire con certezza soltanto che visse alla fine del sec. VII a.C. nel regno di Giuda e che esercitò il suo ministero prima di Geremia, alla vigilia della grande riforma religiosa del re Giosia (612 a.C.). La lampeggiante pagina di 1, 2-18 fa di lui il profeta dei dies irae. Nel solco di Amos, egli annuncia il giudizio di Dio contro il culto idolatrico che s’era diffuso in Giudea, contro i costumi stranieri che travisavano il volto spirituale del popolo di Dio, contro i falsi profeti e le ingiustizie sociali. La gioiosa apertura messianica e universalistica di 3, 9-20, che è nella linea di Isaia, attenua la violenza del messaggio di Sofonia, a volte espresso in chiave apocalittica.

Capitolo 1            Contro i Giudei Idolatri
1
- 1. Il profeta esercitò il suo ministero prima della riforma religiosa di re Giosia (621 a.C.). Allora cominciò anche l'attività di Geremia.
Parola del Signore rivolta a Sofonìa figlio dell`Etiope, figlio di Godolia, figlio di Amaria, figlio di Ezechia, al tempo di Giosia figlio di Amon, re di Giuda. 2 Tutto farò sparire dalla terra. Oracolo del Signore. 3
3. L'estensione degli interventi divini alle creature è giustificato dal loro rapporto con l'uomo e dall'uso che questi ne fa.
Distruggerò uomini e bestie; sterminerò gli uccelli del cielo e i pesci del mare, abbatterò gli empi; sterminerò l`uomo dalla terra. Oracolo del Signore. 4
4-5. Distruzione dei culti idolatrici che infestavano il regno di Giuda. La milizia del cielo allude ai culti astrali; Milcom era una divinità degli Ammoniti.
Stenderò la mano su Giuda e su tutti gli abitanti di Gerusalemme; sterminerò da questo luogo gli avanzi di Baal e il nome stesso dei suoi falsi sacerdoti; 5 quelli che sui tetti si prostrano davanti alla milizia celeste e quelli che si prostrano davanti al Signore, e poi giurano per Milcom; 6 quelli che si allontanano dal seguire il Signore, che non lo cercano, né si curano di lui. 7
7. 'Silenzio!' come in Am 6, 108, 3. Il giudizio di Dio - il suo giorno - è come un rito religioso: Dio sacrifica Giuda.
Silenzio, alla presenza del Signore Dio, perchè il giorno del Signore è vicino, perchè il Signore ha preparato un sacrificio, ha mandato a chiamare i suoi invitati. 8 Nel giorno del sacrificio del Signore, io punirò i prìncipi e i figli di re e quanti vestono alla moda straniera; 9
9. Il salto della soglia era un rito pagano. Il padrone è il dio.
punirò in quel giorno chiunque salta la soglia, chi riempie di rapine e di frodi il palazzo del suo padrone. 10 In quel giorno - parola del Signore - grida d`aiuto verranno dalla Porta dei pesci, ululati dal quartiere nuovo e grande fragore dai colli. 11
11. Il Mortaio era il quartiere dei commercianti nella città bassa.
Urlate, abitanti del Mortaio, poichè tutta la turba dei trafficanti è finita, tutti i pesatori d`argento sono sterminati.
Il giorno del Signore 12
12. L'immagine delle fecce indica una falsa sicurezza.
In quel tempo perlustrerò Gerusalemme con lanterne e farò giustizia di quegli uomini che riposando sulle loro fecce pensano: "Il Signore non fa né bene né male". 13 I loro beni saranno saccheggiati e le loro case distrutte. Hanno costruito case ma non le abiteranno, hanno piantato viti, ma non ne berranno il vino. 14
14. Classico brano sul giudizio punitivo di Dio: cfr. Am 5, 18Gl 1, 152, 1 ss.
E` vicino il gran giorno del Signore, è vicino e avanza a grandi passi. Una voce: Amaro è il giorno del Signore! anche un prode lo grida. 15 "Giorno d`ira quel giorno, giorno di angoscia e di afflizione, giorno di rovina e di sterminio, giorno di tenebre e di caligine, giorno di nubi e di oscurità, 16 giorno di squilli di tromba e d`allarme sulle fortezze e sulle torri d`angolo. 17 Metterò gli uomini in angoscia e cammineranno come ciechi, perchè han peccato contro il Signore; il loro sangue sarà sparso come polvere e le loro viscere come escrementi. 18 Neppure il loro argento, neppure il loro oro potranno salvarli". Nel giorno dell`ira del Signore e al fuoco della sua gelosia tutta la terra sarà consumata, poichè farà improvvisa distruzione di tutti gli abitanti della terra.

Note Capitolo 1.
- 1. Il profeta esercitò il suo ministero prima della riforma religiosa di re Giosia (621 a.C.). Allora cominciò anche l'attività di Geremia.
3. L'estensione degli interventi divini alle creature è giustificato dal loro rapporto con l'uomo e dall'uso che questi ne fa.
4-5. Distruzione dei culti idolatrici che infestavano il regno di Giuda. La milizia del cielo allude ai culti astrali; Milcom era una divinità degli Ammoniti.
7. 'Silenzio!' come in Am 6, 108, 3. Il giudizio di Dio - il suo giorno - è come un rito religioso: Dio sacrifica Giuda.
9. Il salto della soglia era un rito pagano. Il padrone è il dio.
11. Il Mortaio era il quartiere dei commercianti nella città bassa.
12. L'immagine delle fecce indica una falsa sicurezza.
14. Classico brano sul giudizio punitivo di Dio: cfr. Am 5, 18Gl 1, 152, 1 ss.
successivo >>    
A A