Amos
      Autore e ambiente storico
Nel secolo VIII a.C. il regno d'Israele, situato a nord di quello di Giuda, vive in un periodo di relativa tranquillità politica ed economica. Per la debolezza delle nazioni vicine, specialmente di Aram (o Siria), non teme alcuna minaccia dall'esterno, mentre gli scambi commerciali sono fonte di prosperità. Questa situazione favorisce il diffondersi di un clima di sicurezza e si riflette nello splendore delle manifestazioni del culto. Ma la realtà è ben diversa: l'agiatezza economica è di poche persone, perciò la divisione tra le classi sociali aumenta; la solidarietà tra i membri del popolo viene meno e regna lo sfruttamento dei deboli da parte dei più forti. La corruzione non risparmia neppure i tribunali che emettono sentenze ingiuste nei riguardi dei più indifesi.

In questa situazione si inserisce il messaggio del profeta Amos. Egli è originario di Tekoa, una cittadina del regno di Giuda, al sud, ma è chiamato dal Signore a predicare nel regno d'Israele. Amos è il primo profeta il cui messaggio è stato raccolto in un libro.

      Caratteristiche principali
Il libro inizia con l'annunzio del giudizio di Dio sulle nazioni che circondano Israele, colpevoli di violenze e ingiustizie. Ma il giudizio di Dio è ancora più severo verso Israele: è, infatti, il popolo scelto da Dio, chiamato a manifestare la sua grandezza. Ha perciò una responsabilità precisa, che non può limitarsi alla celebrazione solenne di riti religiosi, anche se solenni (1-3). Amos ricorda ai suoi contemporanei che il culto gradito a Dio si esprime nell'umiltà e nella giustizia. Dio ha stabilito un diritto che non può essere calpestato ed egli è il difensore dei deboli. Il giudizio contro il regno d'Israele continua nei capitoli 4-6;. e Amos prospetta l'avvicinarsi della potenza assira che, nel 721, distruggerà Samaria, la capitale del regno d'Israele. Negli ultimi capitoli del libro Amos riferisce cinque visioni, che simboleggiano l'approssimarsi dell'intervento di Dio. Ma il libro termina con un annunzio di salvezza (7-9).

      Schema
- Presentazione 1, 1-2
- Dio giudica i popoli e Israele 1, 3-3, 2
- La missione del profeta 3, 3-8
- Il Signore condanna Israele 3, 9-6, 14
- Cinque visioni annunciatrici dell'intervento di Dio 7, 1-9, 10
- Dio ricostruirà il regno di Davide 9, 11-15

      AMOS


Capitolo 1
        


1Queste sono le parole di Amos, che era un pastore del villaggio di Tekoa. Due anni prima del terremoto, mentre Ozia era re di Giuda e Geroboamo figlio di Ioas era re di Israele, Dio rivelò ad Amos tutte queste cose riguardanti Israele. 2Amos ha detto: "Il Signore ruggisce dal monte Sion, la sua voce tuona da Gerusalemme. Per questo i pascoli si seccano e la verde cima del monte Carmelo ingiallisce".

      Dio giudica i popoli e Israele
Aram
3IlSignore dice: "La gente di Damasco ha commesso una violenza dopo l'altra; certamente io la punirò. Ha trattato gli abitanti di Galaad con incredibile crudeltà. 4Per questo, io darò fuoco alla casa del re Cazael e brucerò le fortezze del re Ben-Adad. 5Sfonderò le porte delle mura di Damasco, toglierò i governatori delle città di Bikeat-Aven e di Bet-Eden. Il popolo di Aram sarà deportato a Kir", dice il Signore.

Filistea
6Il Signore dice: "La gente della città d Gaza ha commesso una violenza dopo l'altra certamente io la punirò. Ha deportato gli abitanti di interi villaggi per consegnarli nelle mani del popolo di Edom. 7Per questo, io darò fuoco alle mura di Gaza e brucerò le sue fortezze. 8Toglierò di mezzo i governatori delle città di Asdod e di Ascalon, colpirò duramente la città di Accaron, e moriranno tutti i Filistei rimasti", dice Dio, il Signore.

Tiro
9IlSignore dice: "La gente della città di Tiro ha commesso una violenza dopo l'altra; certamente io la punirò. Ha venduto come schiava la popolazione di interi villaggi alla gente di Edom, e non ha mantenuto il patto di amicizia che aveva fatto. 10Per questo, darò fuoco alle mura di Tiro e brucerò le sue fortezze".

Edom
11Il Signore dice: "La gente di Edom ha commesso una violenza dopo l'altra; certamente io la punirò. Ha perseguitato i suoi fratelli, gli Israeliti, e non ne ha avuto pietà. Si è mostrata implacabile nella sua ira. 12Per questo, darò fuoco alla città di Teman e brucerò le fortezze della città di Bozra".

Ammon
13Il Signore dice: "La gente di Ammon ha commesso una violenza dopo l'altra; certamente io la punirò. Per conquistare nuovi territori nella regione di Galaad non ha esitato a sventrare donne incinte. 14Per questo, darò fuoco alle mura della città di Rabba e brucerò le sue fortezze. Nel giorno della battaglia ci saranno grida e il combattimento infurierà come una tempesta. 15Il re degli Ammoniti e i suoi ministri andranno in esilio", dice il Signore.

Moab
successivo >>    
A A