Sofonia
      Autore e ambiente storico
Sofonia svolge la sua missione di profeta nel regno di Giuda verso la fine del secolo VII, probabilmente prima di Abacuc e prima della riforma religiosa del re Giosia (vedi 2 Re 23,1-28). Le introduzioni a Naum e Abacuc hanno già descritto questo periodo di crisi. Il regno di Giuda non era estraneo agli intrighi politici che coinvolge vano i piccoli stati nei confronti delle due potenze tra loro nemiche: l'Egitto e l'Assiria, la quale presto lascerà il posto all'impero neo-babilonese. All'interno del regno di Giuda era forte l'influsso delle pratiche religiose straniere e chi aveva responsabilità verso il popolo pensava solo al proprio interesse.

      Caratteristiche principali
Il libro si apre con l'annunzio che Dio ha deciso di punire Gerusalemme e il regno di Giuda, perché hanno peccato contro di lui, vivendo nell'idolatria e nella violenza (1,1-13). Questo giudizio si compirà nel giorno della collera del Signore e vi sarà una grande distruzione (1,14-18), ma quelli che ubbidiscono al Signore si salveranno (2,1-3). Il giudizio e la distruzione coinvolgeranno non solo il regno di Giuda, ma anche le nazioni vicine (2,4-15). Gerusalemme e le persone più importanti hanno ignorato il Signore: per questo la città sarà colpita (3,1-8). Ma dalla morte risorgerà la vita: il Signore trasformerà le nazioni, ed esse gli daranno il culto che gli spetta; formerà con i sopravvissuti un nuovo popolo che lo onorerà. Allora Gerusalemme e i suoi abitanti esulteranno di gioia, perché il Signore avrà manifestato il suo amore (3,9-20).

Ai suoi contemporanei, i quali si domandano se Dio s'interessa degli uomini e se guida veramente la storia, Sofonia annunzia l'intervento di Dio, che trasformerà completamente le cose e rivelerà il suo amore e la sua bontà verso i piccoli e gli umili (2,3; 3,12).

      Schema
- Il giorno del Signore 1,2-2,3
- Giudizio sui popoli vicini a Israele 2,4-15
- Condanna e promessa di salvezza 3,1-20


      SOFONIA


Capitolo 1
        


1Questo è il messaggio che il Signore rivolse a Sofonia quando Giosia, figlio di Ammon, era re di Giuda. Sofonia era figlio di Cushi e nipote di Godolia, figlio di Amaria. Amaria era figlio di Ezechia.

      Il giorno del Signore

      Il Signore punirà la terra
2Il Signore annunzia:
"Sto per distruggere sulla faccia della terra
ogni essere vivente.
3Annienterò gli uomini e gli animali,
gli uccelli e i pesci,
gli idoli e i loro adoratori;
farò sparire l'uomo dalla faccia della terra.

      Il Signore punirà il regno di Giuda
4"Io agirò contro la gente di Giuda
e gli abitanti di Gerusalemme:
farò sparire da questo luogo
quel che resta del culto di Baal,
anche il ricordo dei sacerdoti
che lo servivano.
5Sterminerò quelli che salgono sui tetti,
per adorare le stelle,
quelli che mi rendono culto
con giuramenti di fedeltà a me,
e poi giurano in nome del dio Milcom.
6Distruggerò chi si allontana
da me, il Signore,
chi non si rivolge più a me,
e non mi chiede consiglio".

7Fate silenzio davanti a Dio, il Signore,
il giorno della sua collera è vicino:
il Signore si è preparato
come per un sacrificio,
ha già purificato i suoi invitati.

8Il Signore dichiara:
"Nel giorno del sacrificio
punirò i capi, i figli del re
e chi segue costumi stranieri.
9Punirò tutti quelli che entrano nel tempio
saltando la soglia come gli idolatri
e quelli che riempiono la casa
del loro padrone
con ricchezze frutto di violenza e di frode.
10In quel giorno, a Gerusalemme,
si sentiranno grida d'aiuto
dalla porta dei Pesci,
urla dal quartiere nuovo,
un grande fragore dalle colline.
11Urlate abitanti della città bassa,
tutti i commercianti saranno eliminati
e i trafficanti saranno annientati.
12In quel giorno
prenderò una lampada
e cercherò in tutti gli angoli della città
quegli uomini che si sentono al sicuro.
Essi pensano tra sé:
"Il Signore non può farci nulla
né in bene né in male",
ma io li punirò.
13Le loro ricchezze saranno saccheggiate,
le loro case distrutte.
Hanno costruito case,
ma non le abiteranno.
Hanno piantato vigne,
ma non ne berranno il vino".

      La collera del Signore
14Il gran giorno della collera del Signore
sta per arrivare,
è vicino, è imminente.
Ascoltate il fragore
del giorno del Signore:
anche l'uomo forte griderà di paura.
15Sarà un giorno di collera,
un giorno di grande angoscia,
un giorno di completa distruzione,
un giorno di tenebre, di buio,
un giorno nero e nuvoloso.
16In quel giorno suonerà la tromba,
si sentiranno grida di guerra
contro le città fortificate e le loro torri.
17Il Signore dichiara:
"Colmerò di angoscia gli uomini
tanto da farli camminare come ciechi,
perché hanno peccato contro di me.
Il loro sangue sarà sparso per terra
come polvere,
e i loro cadaveri come escrementi".
18Essi non potranno salvarsi
con l'argento e l'oro,
quando il Signore sfogherà la sua collera:
con la sua ira ardente
brucerà tutta la terra,
e ne sterminerà all'improvviso gli abitanti.

successivo >>    
A A