Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Ezechiele

5 E tu, figlio dell`uomo, prendi una spada affilata, usala come un rasoio da barbiere e raditi i capelli e la barba; poi prendi una bilancia e dividi i peli tagliati.
5,1 I peli bruciati, tagliati e dispersi sono gli israeliti decimati dalla fame, dalla peste e dalla spada.
2 Un terzo lo brucerai sul fuoco in mezzo alla città al termine dei giorni dell`assedio; prenderai un altro terzo e lo taglierai con la spada intorno alla città e l`altro terzo lo disperderai al vento, mentre io sguainerò la spada dietro ad essi.
Di questi ne prenderai un piccolo numero e li legherai al lembo del tuo mantello;
5,3 I peli conservati rappresentano il "resto di Israele", il piccolo nucleo del nuovo popolo di Dio: cfr. 6,8-16. Cfr. Is 1,9.
4 ne prenderai ancora una piccola parte e li getterai sul fuoco e li brucerai e da essi si sprigionerà il fuoco.Spiegazione dei simboli A tutti gli Israeliti riferirai:
5 Così dice il Signore Dio: Questa è Gerusalemme! Io l`avevo collocata in mezzo alle genti e circondata di paesi stranieri.
6 Essa si è ribellata con empietà alle mie leggi più delle genti e ai miei statuti più dei paesi che la circondano: hanno disprezzato i miei decreti e non han camminato secondo i miei comandamenti.
7 Perciò, dice il Signore Dio: Poiché voi siete più ribelli delle genti che vi circondano, non avete seguito i miei comandamenti, non avete osservato i miei decreti e neppure avete agito secondo i costumi delle genti che vi stanno intorno,
8 ebbene, così dice il Signore Dio: Ecco anche me contro di te: farò in mezzo a te giustizia di fronte alle genti.
9 Farò in mezzo a te quanto non ho mai fatto e non farò mai più, a causa delle tue colpe abominevoli.
Perciò in mezzo a te i padri divoreranno i figli e i figli divoreranno i padri. Compirò in te i miei giudizi e disperderò ad ogni vento quel che resterà di te.
5,10 Cfr. Ger 19,9.
Com`è vero ch`io vivo, dice il Signore Dio, poiché tu hai profanato il mio santuario con tutte le tue nefandezze e con tutte le tue cose abominevoli, anch`io raderò tutto, il mio occhio non s`impietosirà, non avrò compassione.
5,11 Per le nefandezze e le cose abominevoli cfr. 8,4-16.
12 Un terzo dei tuoi morirà di peste e perirà di fame in mezzo a te; un terzo cadrà di spada nei tuoi dintorni e l`altro terzo lo disperderò a tutti i venti e sguainerò la spada dietro di essi.
13 Allora darò sfogo alla mia ira, sazierò su di loro il mio furore e mi vendicherò; allora sapranno che io, il Signore, avevo parlato con sdegno, quando sfogherò su di loro il mio furore.
14 Ti ridurrò a un deserto, a un obbrobrio in mezzo alle nazioni che ti stanno all`intorno, sotto gli sguardi di tutti i passanti.
15 Sarai un obbrobrio e un vituperio, un esempio e un orrore per le genti che ti circondano, quando in mezzo a te farò giustizia, con sdegno e furore, con terribile vendetta - io, il Signore, parlo -
16 quando scoccherò contro di voi le terribili saette della fame, che portano distruzione e che lancerò per distruggervi, e aumenterò la fame contro di voi, togliendovi la riserva del pane.
17 Allora manderò contro di voi la fame e le belve che ti distruggeranno i figli; in mezzo a te passeranno la peste e la strage, mentre farò piombare sopra di te la spada. Io, il Signore, ho parlato".

Note al testo

5,1I peli bruciati, tagliati e dispersi sono gli israeliti decimati dalla fame, dalla peste e dalla spada.
5,3I peli conservati rappresentano il "resto di Israele", il piccolo nucleo del nuovo popolo di Dio: cfr. 6,8-16. Cfr. Is 1,9.
5,10Cfr. Ger 19,9.
5,11Per le nefandezze e le cose abominevoli cfr. 8,4-16.