Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Isaia

34 Avvicinatevi, popoli, per udire,
e voi, nazioni, prestate ascolto;
ascolti la terra e quanti vi abitano,
il mondo e quanto produce!
34,1 I cc. 34-35. Concludono la prima parte del libro con un vasto affresco del giudizio di Dio e della salvezza. La violenza delle parole è dovuta all'impero della ispirazione poetica.
2 Poiché il Signore è adirato contro tutti i popoli
ed è sdegnato contro tutti i loro eserciti;
li ha votati allo sterminio, li ha destinati al massacro.
3 I loro uccisi sono gettati via,
si diffonde il fetore dei loro cadaveri;
grondano i monti del loro sangue.
Tutta la milizia celeste si dissolve,
i cieli si arrotolano come un libro,
tutti i loro astri cadono
come cade il pampino della vite,
come le foglie avvizzite del fico.
34,4 Come al solito, la natura è coinvolta nei grandiosi interventi di Dio.
Poiché nel cielo si è inebriata la spada del Signore,
ecco essa si abbatte su Edom,
su un popolo che egli ha votato allo sterminio per fare giustizia.
34,5 La spada del Signore è lo strumento del giudizio. Gli Edomiti, a sud della Palestina, trassero vantaggio dalla catastrofe di Gerusalemme nel 587. essi rappresentavano tutti nemici del popolo di Dio.
6 La spada del Signore è piena di sangue,
è imbrattata di grasso,
del sangue di agnelli e di capri,
delle viscere grasse dei montoni,
perché si compie un sacrificio al Signore in Bozra,
una grande ecatombe nel paese di Edom.
7 Cadono bisonti insieme con essi,
giovenchi insieme con tori.
La loro terra si imbeve di sangue,
la polvere si impingua di grasso.
8 Poiché è il giorno della vendetta del Signore,
l`anno della retribuzione per l`avversario di Sion.
I torrenti di quel paese si cambieranno in pece,
la sua polvere in zolfo,
la sua terra diventerà pece ardente.
34,9 Richiamo alla punizione di Sodoma e Gomorra.
10 Non si spegnerà né di giorno né di notte,
sempre salirà il suo fumo;
per tutte le generazioni resterà deserta,
mai più alcuno vi passerà.
11 Ne prenderanno possesso il pellicano e il riccio,
il gufo e il corvo vi faranno dimora.
Il Signore stenderà su di essa la corda della solitudine
e la livella del vuoto.
12 Non ci saranno più i suoi nobili,
non si proclameranno più re,
tutti i suoi capi saranno ridotti a nulla.
13 Nei suoi palazzi saliranno le spine,
ortiche e cardi sulle sue fortezze;
diventerà una tana di sciacalli,
un recinto per gli struzzi.
Gatti selvatici si incontreranno con iene,
i satiri si chiameranno l`un l`altro;
vi faranno sosta anche le civette
e vi troveranno tranquilla dimora.
34,14 I satiri erano spiriti demoniaci del deserto.
15 Vi si anniderà il serpente saettone, vi deporrà le uova,le farà dischiudere e raccoglierà i piccoli alla sua ombra;vi si raduneranno anche gli sparvieri,l`uno in cerca dell`altro;
Cercate nel libro del Signore e leggete:nessuno di essi vi manca,poiché la bocca del Signore lo ha comandato e il suo spirito li raduna.
34,16a Il libro del Signore sono forse le profezie di cfr. 13,20-22.
17 Egli ha distribuito loro la parte in sorte,
la sua mano ha diviso loro il paese con tutta esattezza,
lo possederanno per sempre,
lo abiteranno di generazione in generazione.

Note al testo

34,1I cc. 34-35. Concludono la prima parte del libro con un vasto affresco del giudizio di Dio e della salvezza. La violenza delle parole è dovuta all'impero della ispirazione poetica.
34,4Come al solito, la natura è coinvolta nei grandiosi interventi di Dio.
34,5La spada del Signore è lo strumento del giudizio. Gli Edomiti, a sud della Palestina, trassero vantaggio dalla catastrofe di Gerusalemme nel 587. essi rappresentavano tutti nemici del popolo di Dio.
34,9Richiamo alla punizione di Sodoma e Gomorra.
34,14I satiri erano spiriti demoniaci del deserto.
34,16aIl libro del Signore sono forse le profezie di cfr. 13,20-22.