Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Proverbi

Introduzione 1 Il termine ebraico tradotto “Proverbi” indica sentenze e massime che si sviluppano sulla base della similitudine e del paragone.
Il libro è cresciuto intorno a due collezioni principali di massime del re Salomone (cfr. 1Re 5,12-14), raccolte nei cc. 10,1-22,16 e cc. 25-29, con cinque appendici contenenti sentenze ai sapienti in generale (22,17-24,34) e a due ignoti saggi: Agur (c. 30) e il re Lemuel (31,1-9). La conclusione è un celebre poema alfabetico in lode alla donna virtuosa (31,10-31).
I Proverbi intendono istruire il popolo semplice perché non si lasci influenzare dagli insensati, ma, ascoltando i consigli dei sapienti, mantenga una condotta intemerata in tutte le circostanze della vita, ispirandosi alla fede e al timore, cioè al rispetto di Dio, che è principio della vera sapienza. Le massime sono dense di umana esperienza e di umano sentimento, ma nello stesso tempo sono imbevute di spirito religioso, ai fini del conseguimento della felicità, che l’uomo può assicurarsi con una profonda e sincera vita morale, e che è una ricompensa divina. La ricerca della felicità, partendo da un livello assai modesto si orienterà, col progresso della rivelazione divina, verso mete spirituali più alte.
Il libro è il punto di confluenza di una corrente di cultura e di un’attività letteraria che dai tempi di Salomone (sec. X a.C.) giunge fino al V-VI sec. a.C. ed è un’antologia della sapienza d’Israele.

Note al testo