Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19

Sapienza

3 Le anime dei giusti, invece, sono nelle mani di Dio,
nessun tormento le toccherà.
3,1-4 Nei vv. seguenti si afferma la fede nella immortalità dell'anima e della sua retribuzione secondo i meriti.
2 Agli occhi degli stolti parve che morissero;
la loro fine fu ritenuta una sciagura,
3 la loro partenza da noi una rovina,
ma essi sono nella pace.
4 Anche se agli occhi degli uomini subiscono castighi,
la loro speranza è piena di immortalità.
Per una breve pena riceveranno grandi benefici,
perché Dio li ha provati
e li ha trovati degni di sé:
3,5 cfr 2Cor 4,17. in cfr. Rm 8,18-25 il principio è esteso all'avvenire del mondo.
6 li ha saggiati come oro nel crogiuolo
e li ha graditi come un olocausto.
Nel giorno del loro giudizio risplenderanno;
come scintille nella stoppia, correranno qua e là.
3,7 I giusti splenderanno come stelle (cfr. Dn 12,3), come il sole (cfr. Mt 13,43); gli empi bruceranno ( cfr. Abd 18. cfr. Zc 12,6).
8 Governeranno le nazioni, avranno potere sui popoli
e il Signore regnerà per sempre su di loro.
9 Quanti confidano in lui comprenderanno la verità;
coloro che gli sono fedeli
vivranno presso di lui nell`amore,
perché grazia e misericordia
sono riservate ai suoi eletti.
Infelice sorte degl` increduli
10 Ma gli empi per i loro pensieri riceveranno il castigo,
essi che han disprezzato il giusto
e si son ribellati al Signore.
11 Chi disprezza la sapienza e la disciplina è infelice.
Vana la loro speranza e le loro fatiche senza frutto,
inutili le opere loro.
12 Le loro mogli sono insensate,
cattivi i loro figli,
maledetta la loro progenie.
Lode della castità
Beata la sterile non contaminata,
la quale non ha conosciuto un letto peccaminoso;
avrà il suo frutto alla rassegna delle anime.
3,13-14 Quelli che non possono avere figli, e perciò erano disprezzati come maledetti, saranno fecondi su un piano diverso: cfr. Is 56,3-4. cfr. Mt 19,12. La visione dell'immortalità dà valore anche a una vita apparentemente fallita.
14 Anche l`eunuco, la cui mano non ha commesso iniquità
e che non ha pensato cose malvage contro il Signore,
riceverà una grazia speciale per la sua fedeltà,
una parte più desiderabile nel tempio del Signore;
15 poiché il frutto delle opere buone è glorioso
e imperitura la radice della saggezza.
Esecrazione dell` adulterio
16 I figli di adulteri non giungeranno a maturità;
la discendenza di un`unione illegittima sarà sterminata.
17 Anche se avranno lunga vita, non saran contati per niente,
e, infine, la loro vecchiaia sarà senza onore.
18 Se poi moriranno presto, non avranno speranza
né consolazione nel giorno del giudizio,
19 poiché di una stirpe iniqua è terribile il destino.

Note al testo

3,1-4Nei vv. seguenti si afferma la fede nella immortalità dell'anima e della sua retribuzione secondo i meriti.
3,5cfr 2Cor 4,17. in cfr. Rm 8,18-25 il principio è esteso all'avvenire del mondo.
3,7I giusti splenderanno come stelle (cfr. Dn 12,3), come il sole (cfr. Mt 13,43); gli empi bruceranno ( cfr. Abd 18. cfr. Zc 12,6).
3,13-14Quelli che non possono avere figli, e perciò erano disprezzati come maledetti, saranno fecondi su un piano diverso: cfr. Is 56,3-4. cfr. Mt 19,12. La visione dell'immortalità dà valore anche a una vita apparentemente fallita.