Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Siracide

15 1 Così agirà chi teme il Signore;
chi è fedele alla legge otterrà anche la sapienza.
Essa gli andrà incontro come una madre,
l`accoglierà come una vergine sposa;
15,2 Cfr. Prv c. 9. cfr. Sap 8.
lo nutrirà con il pane dell`intelligenza,
e l`acqua della sapienza gli darà da bere.
15,3 L'acqua è simbolo della sapienza.
4 Egli si appoggerà su di lei e non vacillerà,
si affiderà a lei e non resterà confuso.
5 Essa l`innalzerà sopra i suoi compagni
e gli farà aprir bocca in mezzo all`assemblea;
6 egli troverà contentezza e una corona di gioia
e otterrà fama perenne.
7 Gli insensati non conseguiranno mai la sapienza,
i peccatori non la contempleranno mai.
8 Essa sta lontana dalla superbia,
i bugiardi non pensano ad essa.
9 La sua lode non s`addice alla bocca del peccatore,
perché non gli è stata concessa dal Signore.
10 La lode infatti va celebrata con sapienza;
è il Signore che la dirigerà.
Libertà dell` Uomo
Non dire: "Mi son ribellato per colpa del Signore",
perché ciò che egli detesta, non devi farlo.
15,11-20 Il male va attribuito al libero arbitrio dell'uomo, non a Dio o alla fatalità.
12 Non dire: "Egli mi ha sviato",
perché egli non ha bisogno di un peccatore.
13 Il Signore odia ogni abominio,
esso non è voluto da chi teme Dio.
14 Egli da principio creò l`uomo
e lo lasciò in balìa del suo proprio volere.
15 Se vuoi, osserverai i comandamenti;
l`essere fedele dipenderà dal tuo buonvolere.
16 Egli ti ha posto davanti il fuoco e l`acqua;
là dove vuoi stenderai la tua mano.
17 Davanti agli uomini stanno la vita e la morte;
a ognuno sarà dato ciò che a lui piacerà.
18 Grande infatti è la sapienza del Signore,
egli è onnipotente e vede tutto.
19 I suoi occhi su coloro che lo temono,
egli conosce ogni azione degli uomini.
20 Egli non ha comandato a nessuno di essere empio
e non ha dato a nessuno il permesso di peccare.

Note al testo

15,2Cfr. Prv c. 9. cfr. Sap 8.
15,3L'acqua è simbolo della sapienza.
15,11-20Il male va attribuito al libero arbitrio dell'uomo, non a Dio o alla fatalità.