Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Capitoli
1
2
3
4
5
6

1 Timòteo

3 E` degno di fede quanto vi dico: se uno aspira all`episcopato, desidera un nobile lavoro.
3,1 Nei primissimi tempi le funzioni del vescovo non sono chiaramente distinte da quelle degli anziani o presbiteri; la distinzione avverrà alla fine del I sec.
Ma bisogna che il vescovo sia irreprensibile, non sposato che una sola volta, sobrio, prudente, dignitoso, ospitale, capace di insegnare,
3,2-7 I dirigenti della Chiesa non devono essere inferiori ai dirigenti della società pagana. Passare a seconde nozze, anche per i pagani, non era prova di eccellente virtù.
3 non dedito al vino, non violento ma benevolo, non litigioso, non attaccato al denaro.
4 Sappia dirigere bene la propria famiglia e abbia figli sottomessi con ogni dignità,
5 perché se uno non sa dirigere la propria famiglia, come potrà aver cura della Chiesa di Dio?
6 Inoltre non sia un neofita, perché non gli accada di montare in superbia e di cadere nella stessa condanna del diavolo.
7 E` necessario che egli goda buona reputazione presso quelli di fuori, per non cadere in discredito e in qualche laccio del diavolo.
Requisiti per il diaconato
Allo stesso modo i diaconi siano dignitosi, non
doppi nel parlare, non dediti al molto vino né avidi di guadagno disonesto,
3,8 I diaconi erano ministri sacri di grado inferiore, coadiutori del vescovo e dei presbiteri.
e conservino il mistero della fede in una coscienza pura.
3,9 Il mistero della fede è il piano divino di salvezza pienamente rivelato e compiuto da Cristo: cfr. Ef 1,9 ss.; cfr. Col 1,26 ss.
10 Perciò siano prima sottoposti a una prova e poi, se trovati irreprensibili, siano ammessi al loro servizio.
11 Allo stesso modo le donne siano dignitose, non pettegole, sobrie, fedeli in tutto.
12 I diaconi non siano sposati che una sola volta, sappiano dirigere bene i propri figli e le proprie famiglie.
13 Coloro infatti che avranno ben servito, si acquisteranno un grado onorifico e una grande sicurezza nella fede in Cristo Gesù.
Mistero della pietà
14 Ti scrivo tutto questo, nella speranza di venire presto da te;
ma se dovessi tardare, voglio che tu sappia come comportarti nella casa di Dio, che è la Chiesa del Dio vivente, colonna e sostegno della verità.
3,15 L’immagine della Chiesa casa di Dio risale a Cristo: cfr. Mt 16,18. cfr 1Pt 2,4-9. Come colonna e sostegno della verità la Chiesa è visibile e infallibile.
Dobbiamo confessare che grande è il mistero della pietà:

Egli si manifestò nella carne,
fu giustificato nello Spirito,
apparve agli angeli,
fu annunziato ai pagani,
fu creduto nel mondo,
fu assunto nella gloria.
3,16 Frammento di inno liturgico. Cristo fu giustificato nello Spirito nel senso che fu proclamato vero Dio soprattutto nella risurrezione: cfr. Rm 1,4.

Note al testo

3,1Nei primissimi tempi le funzioni del vescovo non sono chiaramente distinte da quelle degli anziani o presbiteri; la distinzione avverrà alla fine del I sec.
3,2-7I dirigenti della Chiesa non devono essere inferiori ai dirigenti della società pagana. Passare a seconde nozze, anche per i pagani, non era prova di eccellente virtù.
3,8I diaconi erano ministri sacri di grado inferiore, coadiutori del vescovo e dei presbiteri.
3,9Il mistero della fede è il piano divino di salvezza pienamente rivelato e compiuto da Cristo: cfr. Ef 1,9 ss.; cfr. Col 1,26 ss.
3,15L’immagine della Chiesa casa di Dio risale a Cristo: cfr. Mt 16,18. cfr 1Pt 2,4-9. Come colonna e sostegno della verità la Chiesa è visibile e infallibile.
3,16Frammento di inno liturgico. Cristo fu giustificato nello Spirito nel senso che fu proclamato vero Dio soprattutto nella risurrezione: cfr. Rm 1,4.