Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Capitoli
1
2
3
4
5

1 Tessalonicesi

3 Per questo, non potendo più resistere, abbiamo deciso di restare soli ad Atene
3,1-2 Su queste circostanze gli Atti tacciono.
2 e abbiamo inviato Timòteo, nostro fratello e collaboratore di Dio nel vangelo di Cristo, per confermarvi ed esortarvi nella vostra fede,
3 perché nessuno si lasci turbare in queste tribolazioni. Voi stessi, infatti, sapete che a questo siamo destinati;
4 quando eravamo tra voi, vi preannunziavamo che avremmo dovuto subire tribolazioni, come in realtà è accaduto e voi ben sapete.
Per questo, non potendo più resistere, mandai a prendere notizie sulla vostra fede, per timore che il tentatore vi avesse tentati e così diventasse vana la nostra fatica.
Consolazione per la relazione di Timoteo
3,5 Il tentatore è satana: cfr. Mt 4,1 ; cfr. Mt 6,13.
6 Ma ora che è tornato Timòteo, e ci ha portato il lieto annunzio della vostra fede, della vostra carità e del ricordo sempre vivo che conservate di noi, desiderosi di vederci, come noi lo siamo di vedere voi,
7 ci sentiamo consolati, fratelli, a vostro riguardo, di tutta l`angoscia e tribolazione in cui eravamo per la vostra fede;
8 ora, sì, ci sentiamo rivivere, se rimanete saldi nel Signore.
9 Quale ringraziamento possiamo rendere a Dio riguardo a voi, per tutta la gioia che proviamo a causa vostra davanti al nostro Dio,
10 noi che con viva insistenza, notte e giorno, chiediamo di poter vedere il vostro volto e completare ciò che manca alla vostra fede?
11 Voglia Dio stesso, Padre nostro, e il Signore nostro Gesù dirigere il nostro cammino verso di voi!
12 Il Signore vi faccia crescere e abbondare nell`amore vicendevole e verso tutti, come è il nostro amore verso di voi,
13 per rendere saldi i vostri cuori nella santità, davanti a Dio Padre nostro, al momento della venuta del Signore nostro Gesù con tutti i suoi santi.

Note al testo

3,1-2Su queste circostanze gli Atti tacciono.
3,5Il tentatore è satana: cfr. Mt 4,1 ; cfr. Mt 6,13.