Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Capitoli
1
2
3
4

Colossesi

4 1 Voi, padroni, date ai vostri servi ciò che è giusto ed equo, sapendo che anche voi avete un padrone in cielo.
2 Perseverate nella preghiera e vegliate in essa, rendendo grazie.
Pregate anche per noi, perché Dio ci apra la porta della predicazione e possiamo annunziare il mistero di Cristo, per il quale mi trovo in catene:
4,3 L’efficacia del ministero apostolico dipende anche dalle preghiere dei fedeli: cfr. Ef 6,-18-20. cfr2Ts 3,1-2. Per il mistero di Cristo cfr. 1,26 ss.; 2,2. cfr. Ef 4,2. cfr. Ef 6,18-20.
4 che possa davvero manifestarlo, parlandone come devo.
5 Comportatevi saggiamente con quelli di fuori; approfittate di ogni occasione.
6 Il vostro parlare sia sempre con grazia, condito di sapienza, per sapere come rispondere a ciascuno.
Tutto quanto mi riguarda ve lo riferirà Tìchico, il caro fratello e ministro fedele, mio compagno nel servizio del Signore,
4,7 Tichico è il latore della lettera: cfr. Ef 6,21.
8 che io mando a voi, perché conosciate le nostre condizioni e perché rechi conforto ai vostri cuori.
Con lui verrà anche Onèsimo, il fedele e caro fratello, che è dei vostri. Essi vi informeranno su tutte le cose di qui.
Saluti e benedizione
4,9 Per Onesimo, schiavo fuggitivo, cfr. Fm 1.
Vi salutano Aristarco, mio compagno di carcere, e Marco, il cugino di Barnaba, riguardo al quale avete ricevuto istruzioni - se verrà da voi, fategli buona accoglienza -
4,10 Per Aristarco cfr. At 27,2. Marco è l’evangelista: cfr. At 12,12.
11 e Gesù, chiamato Giusto. Di quelli venuti dalla circoncisione questi soli hanno collaborato con me per il regno di Dio e mi sono stati di consolazione.
12 Vi saluta Epafra, servo di Cristo Gesù, che è dei vostri, il quale non cessa di lottare per voi nelle sue preghiere, perché siate saldi, perfetti e aderenti a tutti i voleri di Dio.
13 Gli rendo testimonianza che si impegna a fondo per voi, come per quelli di Laodicèa e di Geràpoli.
Vi salutano Luca, il caro medico, e Dema.
4,14 Luca è l’evangelista.
15 Salutate i fratelli di Laodicèa e Ninfa con la comunità che si raduna nella sua casa.
E quando questa lettera sarà stata letta da voi, fate che venga letta anche nella Chiesa dei Laodicesi e anche voi leggete quella inviata ai Laodicesi.
4,16 La lettera ai Laodicesi è andata perduta (ma v. introd. a Ef).
Dite ad Archippo: "Considera il ministero che hai ricevuto nel Signore e vedi di compierlo bene".
4,17 Per Archippo cfr. Fm 1,2.
Il saluto è di mia propria mano, di me, Paolo. Ricordatevi delle mie catene. La grazia sia con voi.
4,18 cfr 2Ts 3,17.

Note al testo

4,3L’efficacia del ministero apostolico dipende anche dalle preghiere dei fedeli: cfr. Ef 6,-18-20. cfr2Ts 3,1-2. Per il mistero di Cristo cfr. 1,26 ss.; 2,2. cfr. Ef 4,2. cfr. Ef 6,18-20.
4,7Tichico è il latore della lettera: cfr. Ef 6,21.
4,9Per Onesimo, schiavo fuggitivo, cfr. Fm 1.
4,10Per Aristarco cfr. At 27,2. Marco è l’evangelista: cfr. At 12,12.
4,14Luca è l’evangelista.
4,16La lettera ai Laodicesi è andata perduta (ma v. introd. a Ef).
4,17Per Archippo cfr. Fm 1,2.
4,18cfr 2Ts 3,17.