Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI1974

CEI 1974

Matteo

4 Allora Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto per esser tentato dal diavolo.
4,1 Cfr. Mc 1,12-13. cfr. Lc 4,1-13. Il diavolo suggerirà a Gesù di adempiere la sua missione con miracoli che colpiscono la fantasia o con ambizioni di potere, per tentare di farlo fallire.
2 E dopo aver digiunato quaranta giorni e quaranta notti, ebbe fame.
3 Il tentatore allora gli si accostò e gli disse: "Se sei Figlio di Dio, dì che questi sassi diventino pane".
Ma egli rispose: "Sta scritto:
Non di solo pane vivrà l`uomo,
ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio
".
4,4 Citazione di cfr. Dt 8,3.
Allora il diavolo lo condusse con sé nella città santa, lo depose sul pinnacolo del tempio
4,5 Il pinnacolo era l'angolo sud-est delle mura del tempio di Gerusalemme, a strapiombo su un burrone.
e gli disse: "Se sei Figlio di Dio, gettati giù, poiché sta scritto:
Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo,
ed essi ti sorreggeranno con le loro mani,
perché non abbia a urtare contro un sasso il tuo piede
".
4,6 Citazione del cfr. Sal 90,11-12.
Gesù gli rispose: "Sta scritto anche:
Non tentare il Signore Dio tuo ".
4,7 Citazione di cfr. Dt 6,16.
8 Di nuovo il diavolo lo condusse con sé sopra un monte altissimo e gli mostrò tutti i regni del mondo con la loro gloria e gli disse:
9 "Tutte queste cose io ti darò, se, prostrandoti, mi adorerai".
Ma Gesù gli rispose: "Vattene, satana! Sta scritto:
Adora il Signore Dio tuo
e a lui solo rendi culto
".
4,10 Citazione di cfr. Dt 6,13.
11 Allora il diavolo lo lasciò ed ecco angeli gli si accostarono e lo servivano.
Gesù a Cafarnao
Avendo intanto saputo che Giovanni era stato arrestato, Gesù si ritirò nella Galilea
4,12 Cfr. Mc 1,14-15. cfr. Lc 4,14-15. Sull'arresto di Giovanni cfr. 14,3-4.
e, lasciata Nazaret, venne ad abitare a Cafarnao, presso il mare, nel territorio di Zàbulon e di Nèftali,
4,13 Cafarnao era sulla riva del lago - all'ebraica, mare - di Galilea (cfr. Mt 1,18), detto anche di Tiberiade o di Genezaret, nel territorio che era stato della tribù di Zabulon e di Neftali.
14 perché si adempisse ciò che era stato detto per mezzo del profeta Isaia:
Il paese di Zàbulon e il paese di Nèftali,
sulla via del mare, al di là del Giordano,
Galilea delle genti;

4,15 Citazione di cfr. Is 9,1-2. La Galilea era detta delle " genti " perché confinante con nazioni pagane e frequentata dai loro abitanti.
16 il popolo immerso nelle tenebre
ha visto una grande luce;
su quelli che dimoravano in terra e ombra di morte
una luce si è levata.

Da allora Gesù cominciò a predicare e a dire: "Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino".
I primi quattro Apostoli
4,17 Cfr. 3,2.
Mentre camminava lungo il mare di Galilea vide due fratelli, Simone, chiamato Pietro, e Andrea suo fratello, che gettavano la rete in mare, poiché erano pescatori.
4,18-22 Mt schematizza il racconto delle vocazioni degli apostoli: cfr. Gv 1,35-42.
19 E disse loro: "Seguitemi, vi farò pescatori di uomini".
20 Ed essi subito, lasciate le reti, lo seguirono.
21 Andando oltre, vide altri due fratelli, Giacomo di Zebedèo e Giovanni suo fratello, che nella barca insieme con Zebedèo, loro padre, riassettavano le reti; e li chiamò.
22 Ed essi subito, lasciata la barca e il padre, lo seguirono.
Prima predicazione di Gesù
Gesù percorreva tutta la Galilea, insegnando nelle loro sinagoghe e predicando la buona novella del regno e curando ogni sorta di malattie e di infermità nel popolo.
4,23 Buona novella, in greco: evangelo, è l'annunzio della salvezza, che s'incontra in Cristo. Le sinagoghe erano luoghi di istruzione e di preghiera: cfr. Lc 4,15-21.
24 La sua fama si sparse per tutta la Siria e così condussero a lui tutti i malati, tormentati da varie malattie e dolori, indemoniati, epilettici e paralitici; ed egli li guariva.
E grandi folle cominciarono a seguirlo dalla Galilea, dalla Decàpoli, da Gerusalemme, dalla Giudea e da oltre il Giordano.
4,25 La Decapoli era un complesso di dieci città a est del Giordano, amministrate dal governatore della Siria.

Note al testo

4,1Cfr. Mc 1,12-13. cfr. Lc 4,1-13. Il diavolo suggerirà a Gesù di adempiere la sua missione con miracoli che colpiscono la fantasia o con ambizioni di potere, per tentare di farlo fallire.
4,4Citazione di cfr. Dt 8,3.
4,5Il pinnacolo era l'angolo sud-est delle mura del tempio di Gerusalemme, a strapiombo su un burrone.
4,6Citazione del cfr. Sal 90,11-12.
4,7Citazione di cfr. Dt 6,16.
4,10Citazione di cfr. Dt 6,13.
4,12Cfr. Mc 1,14-15. cfr. Lc 4,14-15. Sull'arresto di Giovanni cfr. 14,3-4.
4,13Cafarnao era sulla riva del lago - all'ebraica, mare - di Galilea (cfr. Mt 1,18), detto anche di Tiberiade o di Genezaret, nel territorio che era stato della tribù di Zabulon e di Neftali.
4,15Citazione di cfr. Is 9,1-2. La Galilea era detta delle " genti " perché confinante con nazioni pagane e frequentata dai loro abitanti.
4,17Cfr. 3,2.
4,18-22Mt schematizza il racconto delle vocazioni degli apostoli: cfr. Gv 1,35-42.
4,23Buona novella, in greco: evangelo, è l'annunzio della salvezza, che s'incontra in Cristo. Le sinagoghe erano luoghi di istruzione e di preghiera: cfr. Lc 4,15-21.
4,25La Decapoli era un complesso di dieci città a est del Giordano, amministrate dal governatore della Siria.