Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Giobbe

37 Per questo mi batte forte il cuore
e mi balza fuori dal petto.
37,1-24 Celebrazione delle opere di Dio nel creato
Udite attentamente il rumore della sua voce,
il fragore che esce dalla sua bocca.
37,2 il rumore della sua voce: il tuono, chiamato nella Bibbia “voce di Dio” (vedi Sal 29).
3Egli lo diffonde per tutto il cielo
e la sua folgore giunge ai lembi della terra;
4dietro di essa ruggisce una voce,
egli tuona con la sua voce maestosa:
nulla può arrestare il lampo
appena si ode la sua voce.
5Dio tuona mirabilmente con la sua voce,
opera meraviglie che non comprendiamo!
6Egli infatti dice alla neve: "Cadi sulla terra"
e alle piogge torrenziali: "Siate violente".
Nella mano di ogni uomo pone un sigillo,
perché tutti riconoscano la sua opera.
37,7 Porre il sigillo indica, qui, far cessare l’attività dell’uomo.
8Le belve si ritirano nei loro nascondigli
e si accovacciano nelle loro tane.
9Dalla regione australe avanza l'uragano
e il gelo dal settentrione.
Al soffio di Dio si forma il ghiaccio
e le distese d'acqua si congelano.
37,10 Il soffio di Dio è qui il vento.
11Carica di umidità le nuvole
e le nubi ne diffondono le folgori.
12Egli le fa vagare dappertutto
secondo i suoi ordini,
perché eseguano quanto comanda loro
su tutta la faccia della terra.
13Egli le manda o per castigo del mondo
o in segno di bontà.
14Porgi l'orecchio a questo, Giobbe,
férmati e considera le meraviglie di Dio.
15Sai tu come Dio le governa
e come fa brillare il lampo dalle nubi?
16Conosci tu come le nuvole si muovono in aria?
Sono i prodigi di colui che ha una scienza perfetta.
17Sai tu perché le tue vesti sono roventi,
quando la terra è in letargo sotto il soffio dello scirocco?
18Hai tu forse disteso con lui il firmamento,
solido come specchio di metallo fuso?
19Facci sapere che cosa possiamo dirgli!
Noi non siamo in grado di esprimerci perché avvolti nelle tenebre.
20Gli viene forse riferito se io parlo,
o, se uno parla, ne viene informato?
21All'improvviso la luce diventa invisibile,
oscurata dalle nubi:
poi soffia il vento e le spazza via.
22Dal settentrione giunge un aureo chiarore,
intorno a Dio è tremenda maestà.
23L'Onnipotente noi non possiamo raggiungerlo,
sublime in potenza e rettitudine,
grande per giustizia: egli non opprime.
24Perciò lo temono tutti gli uomini,
ma egli non considera quelli che si credono sapienti!".


Note al testo

37,1-24 Celebrazione delle opere di Dio nel creato
37,2 il rumore della sua voce: il tuono, chiamato nella Bibbia “voce di Dio” (vedi Sal 29).
37,7 Porre il sigillo indica, qui, far cessare l’attività dell’uomo.
37,10 Il soffio di Dio è qui il vento.