Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

CEI2008

CEI 2008

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
BibbiaEDU-logo

2 Corinzi

11 Se soltanto poteste sopportare un po' di follia da parte mia! Ma, certo, voi mi sopportate.
11,1-15 Paolo e i falsi apostoli
Io provo infatti per voi una specie di gelosia divina: vi ho promessi infatti a un unico sposo, per presentarvi a Cristo come vergine casta.
11,2  Dio è uno sposo geloso d’Israele, così Cristo lo è della Chiesa (Es 20,5; Ef 5,22-23; Ap 21,2). Paolo, che prepara la comunità all’incontro con Cristo, deve garantire davanti allo sposo l’integrità e la fedeltà della sposa.
Temo però che, come il serpente con la sua malizia sedusse Eva, così i vostri pensieri vengano in qualche modo traviati dalla loro semplicità e purezza nei riguardi di Cristo.
11,3  Paolo smaschera i falsi apostoli che ingannano la comunità corinzia e stanno perciò al servizio di Satana tentatore (11,13-15; Gen 3,1-5).
4Infatti, se il primo venuto vi predica un Gesù diverso da quello che vi abbiamo predicato noi, o se ricevete uno spirito diverso da quello che avete ricevuto, o un altro vangelo che non avete ancora sentito, voi siete ben disposti ad accettarlo.
5Ora, io ritengo di non essere in nulla inferiore a questi superapostoli!
6E se anche sono un profano nell'arte del parlare, non lo sono però nella dottrina, come abbiamo dimostrato in tutto e per tutto davanti a voi.
7O forse commisi una colpa abbassando me stesso per esaltare voi, quando vi ho annunciato gratuitamente il vangelo di Dio?
8Ho impoverito altre Chiese accettando il necessario per vivere, allo scopo di servire voi.
E, trovandomi presso di voi e pur essendo nel bisogno, non sono stato di peso ad alcuno, perché alle mie necessità hanno provveduto i fratelli giunti dalla Macedonia. In ogni circostanza ho fatto il possibile per non esservi di aggravio e così farò in avvenire.
11,9  Un segno distintivo dello stile apostolico di Paolo è la scelta di annunciare il Vangelo senza essere di peso ad alcuno. Egli ha seguito questa condotta anche a Corinto, giovandosi della solidarietà dei cristiani di Macedonia, in particolare dei Filippesi (11,7-15; vedi anche At 18,5; Fil 4,15).
10Cristo mi è testimone: nessuno mi toglierà questo vanto in terra di Acaia!
11Perché? Forse perché non vi amo? Lo sa Dio!
12Lo faccio invece, e lo farò ancora, per troncare ogni pretesto a quelli che cercano un pretesto per apparire come noi in quello di cui si vantano.
13Questi tali sono falsi apostoli, lavoratori fraudolenti, che si mascherano da apostoli di Cristo.
14Ciò non fa meraviglia, perché anche Satana si maschera da angelo di luce.
15Non è perciò gran cosa se anche i suoi ministri si mascherano da ministri di giustizia; ma la loro fine sarà secondo le loro opere.
Lo dico di nuovo: nessuno mi consideri un pazzo. Se no, ritenetemi pure come un pazzo, perché anch'io possa vantarmi un poco.
11,16-33 Le sofferenze dell’apostolo Paolo
17Quello che dico, però, non lo dico secondo il Signore, ma come da stolto, nella fiducia che ho di potermi vantare.
18Dal momento che molti si vantano da un punto di vista umano, mi vanterò anch'io.
19Infatti voi, che pure siete saggi, sopportate facilmente gli stolti.
20In realtà sopportate chi vi rende schiavi, chi vi divora, chi vi deruba, chi è arrogante, chi vi colpisce in faccia.
21Lo dico con vergogna, come se fossimo stati deboli!
Tuttavia, in quello in cui qualcuno osa vantarsi - lo dico da stolto - oso vantarmi anch'io.
22Sono Ebrei? Anch'io! Sono Israeliti? Anch'io! Sono stirpe di Abramo? Anch'io!
23Sono ministri di Cristo? Sto per dire una pazzia, io lo sono più di loro: molto di più nelle fatiche, molto di più nelle prigionie, infinitamente di più nelle percosse, spesso in pericolo di morte.
Cinque volte dai Giudei ho ricevuto i quaranta colpi meno uno;
11,24  quaranta colpi meno uno: per non superare il numero di battiture stabilito dalla Legge (Dt 25,3), ci si cautelava fermandosi a trentanove colpi.
25tre volte sono stato battuto con le verghe, una volta sono stato lapidato, tre volte ho fatto naufragio, ho trascorso un giorno e una notte in balìa delle onde.
26Viaggi innumerevoli, pericoli di fiumi, pericoli di briganti, pericoli dai miei connazionali, pericoli dai pagani, pericoli nella città, pericoli nel deserto, pericoli sul mare, pericoli da parte di falsi fratelli;
27disagi e fatiche, veglie senza numero, fame e sete, frequenti digiuni, freddo e nudità.
28Oltre a tutto questo, il mio assillo quotidiano, la preoccupazione per tutte le Chiese.
29Chi è debole, che anch'io non lo sia? Chi riceve scandalo, che io non ne frema?
30Se è necessario vantarsi, mi vanterò della mia debolezza.
31Dio e Padre del Signore Gesù, lui che è benedetto nei secoli, sa che non mentisco.
A Damasco, il governatore del re Areta aveva posto delle guardie nella città dei Damasceni per catturarmi,
11,32-33 Vedi At 9,23-25.
33ma da una finestra fui calato giù in una cesta, lungo il muro, e sfuggii dalle sue mani.


Note al testo

11,1-15 Paolo e i falsi apostoli
11,2  Dio è uno sposo geloso d’Israele, così Cristo lo è della Chiesa (Es 20,5; Ef 5,22-23; Ap 21,2). Paolo, che prepara la comunità all’incontro con Cristo, deve garantire davanti allo sposo l’integrità e la fedeltà della sposa.
11,3  Paolo smaschera i falsi apostoli che ingannano la comunità corinzia e stanno perciò al servizio di Satana tentatore (11,13-15; Gen 3,1-5).
11,9  Un segno distintivo dello stile apostolico di Paolo è la scelta di annunciare il Vangelo senza essere di peso ad alcuno. Egli ha seguito questa condotta anche a Corinto, giovandosi della solidarietà dei cristiani di Macedonia, in particolare dei Filippesi (11,7-15; vedi anche At 18,5; Fil 4,15).
11,16-33 Le sofferenze dell’apostolo Paolo
11,24  quaranta colpi meno uno: per non superare il numero di battiture stabilito dalla Legge (Dt 25,3), ci si cautelava fermandosi a trentanove colpi.
11,32-33 Vedi At 9,23-25.