Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

EBRAICO

AT ebraico

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42

Giobbe

AT ebraico Torna al libro

CEI 2008 Vai al libro

AT ebraico 26 26,1 וַיַּ֥עַן אִיּ֗וֹב וַיֹּאמַֽר׃
CEI 2008 In quel giorno si canterà questo canto nella terra di Giuda:
"Abbiamo una città forte;
mura e bastioni egli ha posto a salvezza.
26,1-6 Canto di ringraziamento per la salvezza donata da Dio
AT ebraico 26,2 מֶה־עָזַ֥רְתָּ לְלֹא־כֹ֑חַ ה֝וֹשַׁ֗עְתָּ זְר֣וֹעַ לֹא־עֹֽז׃
CEI 2008 26,2 Aprite le porte:
entri una nazione giusta,
che si mantiene fedele.
26,2
AT ebraico 26,3 מַה־יָּ֭עַצְתָּ לְלֹ֣א חָכְמָ֑ה וְ֝תוּשִׁיָּ֗ה לָרֹ֥ב הוֹדָֽעְתָּ׃
CEI 2008 26,3 La sua volontà è salda;
tu le assicurerai la pace,
pace perché in te confida.
26,3
AT ebraico 26,4 אֶת־מִ֭י הִגַּ֣דְתָּ מִלִּ֑ין וְנִשְׁמַת־מִ֝י יָצְאָ֥ה מִמֶּֽךָּ׃
CEI 2008 26,4 Confidate nel Signore sempre,
perché il Signore è una roccia eterna,
26,4
AT ebraico 26,5 הָרְפָאִ֥ים יְחוֹלָ֑לוּ מִתַּ֥חַת מַ֝֗יִם וְשֹׁכְנֵיהֶֽם׃
CEI 2008 26,5 perché egli ha abbattuto
coloro che abitavano in alto,
ha rovesciato la città eccelsa,
l'ha rovesciata fino a terra,
l'ha rasa al suolo.
26,5
AT ebraico 26,6 עָר֣וֹם שְׁא֣וֹל נֶגְדּ֑וֹ וְאֵ֥ין כְּ֝ס֗וּת לָֽאֲבַדּֽוֹן׃
CEI 2008 26,6 I piedi la calpestano:
sono i piedi degli oppressi,
i passi dei poveri".
26,6
AT ebraico 26,7 נֹטֶ֣ה צָפ֣וֹן עַל־תֹּ֑הוּ תֹּ֥לֶה אֶ֝֗רֶץ עַל־בְּלִי־מָֽה׃
CEI 2008 Il sentiero del giusto è diritto,
il cammino del giusto tu rendi piano.
26,7-21 Preghiera del giusto
AT ebraico 26,8 צֹרֵֽר־מַ֥יִם בְּעָבָ֑יו וְלֹא־נִבְקַ֖ע עָנָ֣ן תַּחְתָּֽם׃
CEI 2008 26,8 Sì, sul sentiero dei tuoi giudizi,
Signore, noi speriamo in te;
al tuo nome e al tuo ricordo
si volge tutto il nostro desiderio.
26,8
AT ebraico 26,9 מְאַחֵ֥ז פְּנֵי־כִסֵּ֑ה פַּרְשֵׁ֖ז עָלָ֣יו עֲנָנֽוֹ׃
CEI 2008 26,9 Di notte anela a te l'anima mia,
al mattino dentro di me il mio spirito ti cerca,
perché quando eserciti i tuoi giudizi sulla terra,
imparano la giustizia gli abitanti del mondo.
26,9
AT ebraico 26,10 חֹֽק־חָ֭ג עַל־פְּנֵי־מָ֑יִם עַד־תַּכְלִ֖ית א֣וֹר עִם־חֹֽשֶׁךְ׃
CEI 2008 26,10 Si usi pure clemenza al malvagio:
non imparerà la giustizia;
sulla terra egli distorce le cose diritte
e non guarda alla maestà del Signore.
26,10
AT ebraico 26,11 עַמּוּדֵ֣י שָׁמַ֣יִם יְרוֹפָ֑פוּ וְ֝יִתְמְה֗וּ מִגַּעֲרָתֽוֹ׃
CEI 2008 26,11 Signore, si era alzata la tua mano,
ma essi non la videro.
Vedranno, arrossendo, il tuo amore geloso per il popolo,
e il fuoco preparato per i tuoi nemici li divorerà.
26,11
AT ebraico 26,12 בְּ֭כֹחוֹ רָגַ֣ע הַיָּ֑ם ובתובנתו וּ֝בִתְבוּנָת֗וֹ מָ֣חַץ רָֽהַב׃
CEI 2008 26,12 Signore, ci concederai la pace,
perché tutte le nostre imprese tu compi per noi.
26,12
AT ebraico 26,13 בְּ֭רוּחוֹ שָׁמַ֣יִם שִׁפְרָ֑ה חֹֽלֲלָ֥ה יָ֝ד֗וֹ נָחָ֥שׁ בָּרִֽיחַ׃
CEI 2008 26,13 Signore, nostro Dio, altri padroni,
diversi da te, ci hanno dominato,
ma noi te soltanto, il tuo nome invocheremo.
26,13
AT ebraico 26,14 הֶן־אֵ֤לֶּה ׀ קְצ֬וֹת דרכו דְּרָכָ֗יו וּמַה־שֵּׁ֣מֶץ דָּ֭בָר נִשְׁמַע־בּ֑וֹ וְרַ֥עַם גבורתו גְּ֝בוּרוֹתָ֗יו‪k‬ מִ֣י יִתְבּוֹנָֽן׃ ס          
CEI 2008 I morti non vivranno più,
le ombre non risorgeranno;
poiché tu li hai puniti e distrutti,
hai fatto svanire ogni loro ricordo.
26,14 26,14.19 I morti… i tuoi morti: la morte di cui si parla è innanzitutto la “morte” d’Israele, distrutto come nazione. Ma il testo afferma anche il potere di Dio, più forte della morte, e prospetta così la fiducia nella risurrezione.