Dimensioni del testo

Carattere

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24

2 Re (2 Samuele)

AT greco Torna al libro

Interconfessionale Vai al libro

AT greco 15 15,1 καὶ ἐγένετο μετὰ ταῦτα καὶ ἐποίησεν ἑαυτῷ Αβεσσαλωμ ἅρματα καὶ ἵππους καὶ πεντήκοντα ἄνδρας παρατρέχειν ἔμπροσθεν αὐτοῦ
Interconfessionale Questo messaggio riguarda il popolo di Moab: «Le città di Ar-Moab e di Kir-Moab sono state distrutte in una sola notte, e il silenzio copre le loro rovine.
15,1 altre dichiarazioni su Moab Is 25,10-11; Nm 21,27-30; Ez 25,8-11; Am 2,1-3; Sof 2,8-11. 15,1 Il regno di Moab si trovava a est del Mar Morto; il suo territorio era diviso in due parti dal torrente Arnon. A sud del torrente vi erano le città di Ar-Moab e di Kir-Moab (15,1; quest’ultima è chiamata Kir-Carèset in 16,7.11). Soar (15,5) si trovava immediatamente a sud-est del Mar Morto (vedi Genesi 13,10; 19,23). A nord dell’Arnon vi erano Dibon (15,2), capitale religiosa del regno, Màdaba e il monte Nebo (15,2; vedi Deuteronomio 34,1-6), Chesbon (vedi Numeri 21,25) ed Elalè (15,4); Iaas (15,4) si trovava sul confine orientale di Moab, mentre Eglàim e Beer-Elim (15,8) erano forse vicine al Mar Morto, a nord. Non sappiamo invece dove si trovassero le località di Eglat-Selisià, Luchìt, Coronàim (15,5), e anche le acque di Nimrìm (15,6) e il torrente dei Salici (15,7).
AT greco 15,2 καὶ ὤρθρισεν Αβεσσαλωμ καὶ ἔστη ἀνὰ χεῖρα τῆς ὁδοῦ τῆς πύλης καὶ ἐγένετο πᾶς ἀνήρ ᾧ ἐγένετο κρίσις ἦλθεν πρὸς τὸν βασιλέα εἰς κρίσιν καὶ ἐβόησεν πρὸς αὐτὸν Αβεσσαλωμ καὶ ἔλεγεν αὐτῷ ἐκ ποίας πόλεως σὺ εἶ καὶ εἶπεν ὁ ἀνήρ ἐκ μιᾶς φυλῶν Ισραηλ ὁ δοῦλός σου
Interconfessionale La gente di Dibon è salita sulle colline per piangere nel santuario. La gente di Moab piange sul Nebo e su Màdaba; si sono rasati le teste e le barbe in segno di lutto.
15,2–7 vedere Ger 48,34-38. — Nebo Nm 32,3.38; Dt 34,1; Ger 48,1.22; 1Cr 5,8. — teste e barbe rasate Is 3,24; Ger 48,37; Ez 7,18; Am 8,10.
AT greco 15,3 καὶ εἶπεν πρὸς αὐτὸν Αβεσσαλωμ ἰδοὺ οἱ λόγοι σου ἀγαθοὶ καὶ εὔκολοι καὶ ἀκούων οὐκ ἔστιν σοι παρὰ τοῦ βασιλέως
Interconfessionale Nelle strade la gente, vestita di sacco, grida; si lamenta nelle piazze e sulle terrazze.
15,3 vestita di sacco Is 22,12; Gio 3,6.8.
AT greco 15,4 καὶ εἶπεν Αβεσσαλωμ τίς με καταστήσει κριτὴν ἐν τῇ γῇ καὶ ἐπ’ ἐμὲ ἐλεύσεται πᾶς ἀνήρ ᾧ ἐὰν ᾖ ἀντιλογία καὶ κρίσις καὶ δικαιώσω αὐτόν
Interconfessionale 15,4 Gli abitanti di Chesbon e di Elalè urlano, e si sentono fino alla città di Iaas. Anche i soldati tremano: hanno perso il coraggio.
AT greco 15,5 καὶ ἐγένετο ἐν τῷ ἐγγίζειν ἄνδρα τοῦ προσκυνῆσαι αὐτῷ καὶ ἐξέτεινεν τὴν χεῖρα αὐτοῦ καὶ ἐπελαμβάνετο αὐτοῦ καὶ κατεφίλησεν αὐτόν
Interconfessionale 15,5 Il mio cuore soffre per Moab. La gente è scappata fin nella città di Soar, è fuggita fino a Eglat-Selisià. Alcuni piangono e salgono verso Luchìt, altri scappano a Coronàim e mandano grida strazianti.
AT greco 15,6 καὶ ἐποίησεν Αβεσσαλωμ κατὰ τὸ ῥῆμα τοῦτο παντὶ Ισραηλ τοῖς παραγινομένοις εἰς κρίσιν πρὸς τὸν βασιλέα καὶ ἰδιοποιεῖτο Αβεσσαλωμ τὴν καρδίαν ἀνδρῶν Ισραηλ
Interconfessionale 15,6 Le acque di Nimrìm sono asciutte, l’erba dei prati è seccata; non ci sono più pascoli verdi.
AT greco 15,7 καὶ ἐγένετο ἀπὸ τέλους τεσσαράκοντα ἐτῶν καὶ εἶπεν Αβεσσαλωμ πρὸς τὸν πατέρα αὐτοῦ πορεύσομαι δὴ καὶ ἀποτείσω τὰς εὐχάς μου ἃς ηὐξάμην τῷ κυρίῳ ἐν Χεβρων
Interconfessionale 15,7 La gente attraversa il torrente dei Salici, cerca di fuggire con le sue provviste.
AT greco 15,8 ὅτι εὐχὴν ηὔξατο ὁ δοῦλός σου ἐν τῷ οἰκεῖν με ἐν Γεδσουρ ἐν Συρίᾳ λέγων ἐὰν ἐπιστρέφων ἐπιστρέψῃ με κύριος εἰς Ιερουσαλημ καὶ λατρεύσω τῷ κυρίῳ