Dimensioni del testo

Carattere

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22

3 Re (1 Re)

AT greco Torna al libro

Interconfessionale Vai al libro

AT greco 1 1,1 καὶ ὁ βασιλεὺς Δαυιδ πρεσβύτερος προβεβηκὼς ἡμέραις καὶ περιέβαλλον αὐτὸν ἱματίοις καὶ οὐκ ἐθερμαίνετο
Interconfessionale Messaggi e fatti della vita di Geremia. Egli era figlio di Chelkia, uno dei sacerdoti che abitavano ad Anatòt, nel territorio della tribù di Beniamino.
1,1 messaggi di Geremia Ger 51,64. 1,1 Anatòt: piccolo villaggio a circa 5 km a nord di Gerusalemme.
AT greco 1,2 καὶ εἶπον οἱ παῖδες αὐτοῦ ζητησάτωσαν τῷ κυρίῳ ἡμῶν τῷ βασιλεῖ παρθένον νεάνιδα καὶ παραστήσεται τῷ βασιλεῖ καὶ ἔσται αὐτὸν θάλπουσα καὶ κοιμηθήσεται μετ’ αὐτοῦ καὶ θερμανθήσεται ὁ κύριος ἡμῶν ὁ βασιλεύς
Interconfessionale Il Signore cominciò a parlare a Geremia nel tredicesimo anno del regno di Giosia figlio di Amon, re di Giuda.
1,2 al tempo di Giosia 2Re 21,24-23,30; Ger 3,6; 36,2; Sof 1,1. — tredicesimo anno Ger 25,3; cfr. 36,2. 1,2–3 Giosia regnò dal 640 al 609 a.C.; Ioiakìm dal 609 al 598 a.C. e Sedecia dal 598 al 587 a.C. — il tredicesimo anno di Giosia corrisponde al 627 a.C., mentre il quinto mese dell’undicesimo anno di Sedecia corrisponde al luglio del 587 a.C.
AT greco 1,3 καὶ ἐζήτησαν νεάνιδα καλὴν ἐκ παντὸς ὁρίου Ισραηλ καὶ εὗρον τὴν Αβισακ τὴν Σωμανῖτιν καὶ ἤνεγκαν αὐτὴν πρὸς τὸν βασιλέα
Interconfessionale Il Signore gli parlò anche quando era re Ioiakìm figlio di Giosia, fino al termine dell’undicesimo anno di regno di un altro figlio di Giosia, Sedecia, cioè fino a quando, nel quinto mese di quell’anno, gli abitanti di Gerusalemme furono condotti in esilio.
1,3 al tempo di Ioiakìm 2Re 23,36-24,6; Ger 22,13-19; 26,1.21; 36,1. — Sedecia 2Re 24,17-25,7; Ger 21,1-10; 24,8; 28,1; 32,1; 37-38; 39,1-2; 51,59. — deportazione degli abitanti di Gerusalemme 2Re 25,8-21; Ger 39,9; 52,15.28-30.
AT greco 1,4 καὶ ἡ νεᾶνις καλὴ ἕως σφόδρα καὶ ἦν θάλπουσα τὸν βασιλέα καὶ ἐλειτούργει αὐτῷ καὶ ὁ βασιλεὺς οὐκ ἔγνω αὐτήν
Interconfessionale 1,4 Il Signore mi disse:
AT greco 1,5 καὶ Αδωνιας υἱὸς Αγγιθ ἐπῄρετο λέγων ἐγὼ βασιλεύσω καὶ ἐποίησεν ἑαυτῷ ἅρματα καὶ ἱππεῖς καὶ πεντήκοντα ἄνδρας παρατρέχειν ἔμπροσθεν αὐτοῦ
Interconfessionale — Io pensavo a te prima ancora di formarti nel ventre materno. Prima che tu venissi alla luce, ti avevo già scelto, ti avevo consacrato profeta per annunziare il mio messaggio alle nazioni.
1,5 prima che venissi alla luce Gdc 13,5; Is 49,1-5; Sir 49,7; Lc 1,15.35; Gal 1,15; cfr. Gv 10,36. — di formarti Ger 18,6; Gn 2,7; Sal 33,15; 139,13-16; Gb 10,8-12; 2Mac 7,22-23; Sap 7,1; cfr. Is 43,1; 44,2.21.24; 49,1-5; Sal 22,10. — scelto Am 3,2; Gv 10,27; Rm 8,29. — consacrato Ger 2,3; 12,3; Lv 20,26; Sal 105,15.
AT greco 1,6 καὶ οὐκ ἀπεκώλυσεν αὐτὸν ὁ πατὴρ αὐτοῦ οὐδέποτε λέγων διὰ τί σὺ ἐποίησας καί γε αὐτὸς ὡραῖος τῇ ὄψει σφόδρα καὶ αὐτὸν ἔτεκεν ὀπίσω Αβεσσαλωμ
Interconfessionale Io risposi: — Signore mio Dio, come farò? Vedi che sono ancora troppo giovane per presentarmi a parlare.
1,6 troppo giovane cfr. 1Re 3,7; Gb 32,4.6; Lc 3,23. 1,6 troppo giovane: l’età minima per parlare in pubblico si aggirava sui trent’anni (vedi Luca 3,23).