Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1

Susanna (Daniele 13 - LXX)

AT greco Torna al libro

CEI 1974

AT greco 1 1,1
CEI 1974 Dn Abitava in Babilonia un uomo chiamato Ioakim,
13,1 I cc. 13-14 provengono dall'antica versione greca di Teodozione (sec. II d. C.): cfr. 3, 24.
AT greco 1,2
CEI 1974 Dn13,2 il quale aveva sposato una donna chiamata Susanna, figlia di Chelkìa, di rara bellezza e timorata di Dio.
AT greco 1,3
CEI 1974 Dn13,3 I suoi genitori, che erano giusti, avevano educato la figlia secondo la legge di Mosè.
AT greco 1,4
CEI 1974 Dn13,4 Ioakim era molto ricco e possedeva un giardino vicino a casa ed essendo stimato più di ogni altro i Giudei andavano da lui.
AT greco 1,5
CEI 1974 Dn In quell`anno erano stati eletti giudici del popolo due anziani: erano di quelli di cui il Signore ha detto: "L`iniquità è uscita da Babilonia per opera di anziani e di giudici, che solo in apparenza sono guide del popolo".
13,5 Cfr. Ez 14, 1. cfr. Ger 29, 21-23.
AT greco 1,6καὶ ἤρχοντο κρίσεις ἐξ ἄλλων πόλεων πρὸς αὐτούς
CEI 1974 Dn13,6 Questi frequentavano la casa di Ioakim e tutti quelli che avevano qualche lite da risolvere si recavano da loro.
AT greco 1,7οὗτοι ἰδόντες γυναῖκα ἀστείαν τῷ εἴδει γυναῖκα ἀδελφοῦ αὐτῶν ἐκ τῶν υἱῶν Ισραηλ ὄνομα Σουσανναν θυγατέρα Χελκιου γυναῖκα Ιωακιμ περιπατοῦσαν ἐν τῷ παραδείσῳ τοῦ ἀνδρὸς αὐτῆς τὸ δειλινὸν καὶ ἐπιθυμήσαντες αὐτῆς
CEI 1974 Dn13,7 Quando il popolo, verso il mezzogiorno, se ne andava, Susanna era solita recarsi a passeggiare nel giardino del marito.
AT greco 1,9διέστρεψαν τὸν νοῦν αὐτῶν καὶ ἐξέκλιναν τοὺς ὀφθαλμοὺς αὐτῶν τοῦ μὴ βλέπειν εἰς τὸν οὐρανὸν μηδὲ μνημονεύειν κριμάτων δικαίων
CEI 1974 Dn persero il lume della ragione, distolsero gli occhi per non vedere il Cielo e non ricordare i giusti giudizi.
13,9 Il Cielo, cioè Dio: cfr. 4, 23.
AT greco 1,10καὶ ἀμφότεροι ἦσαν κατανενυγμένοι περὶ αὐτῆς καὶ ἕτερος τῷ ἑτέρῳ οὐ προσεποιεῖτο τὸ κακὸν τὸ ἔχον αὐτοὺς περὶ αὐτῆς οὐδὲ ἡ γυνὴ ἔγνω τὸ πρᾶγμα τοῦτο
CEI 1974 Dn13,10 Eran colpiti tutt`e due dalla passione per lei,
AT greco 1,12καὶ ὡς ἐγίνετο ὄρθρος ἐρχόμενοι ἔκλεπτον ἀλλήλους σπεύδοντες τίς φανήσεται αὐτῇ πρότερος καὶ λαλήσει πρὸς αὐτήν
CEI 1974 Dn13,12 Ogni giorno con maggior desiderio cercavano di vederla. Un giorno uno disse all`altro:
AT greco 1,13καὶ ἰδοὺ αὕτη κατὰ τὸ εἰωθὸς περιεπάτει καὶ ὁ εἷς τῶν πρεσβυτέρων ἐληλύθει καὶ ἰδοὺ ὁ ἕτερος παρεγένετο καὶ εἷς τὸν ἕτερον ἀνέκρινε λέγων τί σὺ οὕτως ὄρθρου ἐξῆλθες οὐ παραλαβών με καὶ ἐξωμολογήσαντο πρὸς ἀλλήλους ἑκάτερος τὴν ὀδύνην αὐτοῦ
CEI 1974 Dn13,13 "Andiamo pure a casa: è l`ora di desinare" e usciti se ne andarono.
AT greco 1,15
CEI 1974 Dn13,15 Mentre aspettavano l`occasione favorevole, Susanna entrò, come al solito, con due sole ancelle, nel giardino per fare il bagno, poiché faceva caldo.
AT greco 1,16
CEI 1974 Dn13,16 Non c`era nessun altro al di fuori dei due anziani nascosti a spiarla.
AT greco 1,17
CEI 1974 Dn13,17 Susanna disse alle ancelle: "Portatemi l`unguento e i profumi, poi chiudete la porta, perché voglio fare il bagno".
AT greco 1,18
CEI 1974 Dn13,18 Esse fecero come aveva ordinato: chiusero le porte del giardino ed entrarono in casa dalla porta laterale per portare ciò che Susanna chiedeva, senza accorgersi degli anziani poiché si erano nascosti.
AT greco 1,19καὶ εἶπεν εἷς τῷ ἑτέρῳ πορευθῶμεν πρὸς αὐτήν καὶ συνθέμενοι προσήλθοσαν αὐτῇ καὶ ἐξεβιάζοντο αὐτήν
CEI 1974 Dn13,19 Appena partite le ancelle, i due anziani uscirono dal nascondiglio, corsero da lei e le dissero:
AT greco 1,20
CEI 1974 Dn13,20 "Ecco, le porte del giardino sono chiuse, nessuno ci vede e noi bruciamo di passione per te; acconsenti e datti a noi.
AT greco 1,21
CEI 1974 Dn13,21 In caso contrario ti accuseremo; diremo che un giovane era con te e perciò hai fatto uscire le ancelle".
AT greco 1,22καὶ εἶπεν αὐτοῖς ἡ Ιουδαία οἶδα ὅτι ἐὰν πράξω τοῦτο θάνατός μοί ἐστι καὶ ἐὰν μὴ πράξω οὐκ ἐκφεύξομαι τὰς χεῖρας ὑμῶν
CEI 1974 Dn13,22 Susanna, piangendo, esclamò: "Sono alle strette da ogni parte. Se cedo, è la morte per me; se rifiuto, non potrò scampare dalle vostre mani.
AT greco 1,23κάλλιον δέ με μὴ πράξασαν ἐμπεσεῖν εἰς τὰς χεῖρας ὑμῶν ἢ ἁμαρτεῖν ἐνώπιον κυρίου
CEI 1974 Dn13,23 Meglio però per me cadere innocente nelle vostre mani che peccare davanti al Signore!".
AT greco 1,24
CEI 1974 Dn Susanna gridò a gran voce. Anche i due anziani gridarono contro di lei
13,24 Cfr. Dt 22, 23-27.
AT greco 1,25
CEI 1974 Dn13,25 e uno di loro corse alle porte del giardino e le aprì.
AT greco 1,26
CEI 1974 Dn13,26 I servi di casa, all`udire tale rumore in giardino, si precipitarono dalla porta laterale per vedere che cosa stava accadendo.
AT greco 1,27
CEI 1974 Dn13,27 Quando gli anziani ebbero fatto il loro racconto, i servi si sentirono molto confusi, perché mai era stata detta una simile cosa di Susanna.
AT greco 1,28οἱ δὲ παράνομοι ἄνδρες ἀπέστρεψαν ἀπειλοῦντες ἐν ἑαυτοῖς καὶ ἐνεδρεύοντες ἵνα θανατώσουσιν αὐτήν καὶ ἐλθόντες ἐπὶ τὴν συναγωγὴν τῆς πόλεως οὗ παρῳκοῦσαν καὶ συνήδρευσαν οἱ ὄντες ἐκεῖ πάντες οἱ υἱοὶ Ισραηλ
CEI 1974 Dn13,28 Il giorno dopo, tutto il popolo si adunò nella casa di Ioakim, suo marito, e andarono là anche i due anziani pieni di perverse intenzioni per condannare a morte Susanna.
AT greco 1,29καὶ ἀναστάντες οἱ δύο πρεσβύτεροι καὶ κριταὶ εἶπαν ἀποστείλατε ἐπὶ Σουσανναν θυγατέρα Χελκιου ἥτις ἐστὶ γυνὴ Ιωακιμ οἱ δὲ εὐθέως ἐκάλεσαν αὐτήν
CEI 1974 Dn13,29 Rivolti al popolo dissero: "Si faccia venire Susanna figlia di Chelkìa, moglie di Ioakim". Mandarono a chiamarla
AT greco 1,30ὡς δὲ παρεγενήθη ἡ γυνὴ σὺν τῷ πατρὶ ἑαυτῆς καὶ τῇ μητρί καὶ οἱ παῖδες καὶ αἱ παιδίσκαι αὐτῆς ὄντες τὸν ἀριθμὸν πεντακόσιοι παρεγένοντο καὶ τὰ παιδία Σουσαννας τέσσαρα
CEI 1974 Dn13,30 ed essa venne con i genitori, i figli e tutti i suoi parenti.
AT greco 1,31ἦν δὲ ἡ γυνὴ τρυφερὰ σφόδρα
CEI 1974 Dn13,31 Susanna era assai delicata d`aspetto e molto bella di forme;
AT greco 1,32καὶ προσέταξαν οἱ παράνομοι ἀποκαλύψαι αὐτήν ἵνα ἐμπλησθῶσι κάλλους ἐπιθυμίας αὐτῆς
CEI 1974 Dn aveva il velo e quei perversi ordinarono che le fosse tolto per godere almeno così della sua bellezza.
13,32 L'uso del vino non è ebraico.
AT greco 1,33καὶ ἐκλαίοσαν οἱ παρ’ αὐτῆς πάντες καὶ ὅσοι αὐτὴν ᾔδεισαν πάντες
CEI 1974 Dn13,33 Tutti i suoi familiari e amici piangevano.
AT greco 1,34ἀναστάντες δὲ οἱ πρεσβύτεροι καὶ κριταὶ ἐπέθηκαν τὰς χεῖρας αὐτῶν ἐπὶ τῆς κεφαλῆς αὐτῆς
CEI 1974 Dn13,34 I due anziani si alzarono in mezzo al popolo e posero le mani sulla sua testa.
AT greco 1,35κύριε ὁ θεὸς ὁ αἰώνιος ὁ εἰδὼς τὰ πάντα πρὶν γενέσεως αὐτῶν σὺ οἶδας ὅτι οὐκ ἐποίησα ἃ πονηρεύονται οἱ ἄνομοι οὗτοι ἐπ’ ἐμοί καὶ εἰσήκουσε κύριος τῆς δεήσεως αὐτῆς
CEI 1974 Dn13,35 Essa piangendo alzò gli occhi al cielo, con il cuore pieno di fiducia nel Signore.
AT greco 1,36οἱ δὲ δύο πρεσβύτεροι εἶπαν ἡμεῖς περιεπατοῦμεν ἐν τῷ παραδείσῳ τοῦ ἀνδρὸς αὐτῆς
CEI 1974 Dn13,36 Gli anziani dissero: "Mentre noi stavamo passeggiando soli nel giardino, è venuta con due ancelle, ha chiuse le porte del giardino e poi ha licenziato le ancelle.
AT greco 1,37καὶ κυκλοῦντες τὸ στάδιον εἴδομεν ταύτην ἀναπαυομένην μετὰ ἀνδρὸς καὶ στάντες ἐθεωροῦμεν αὐτοὺς ὁμιλοῦντας ἀλλήλοις
CEI 1974 Dn13,37 Quindi è entrato da lei un giovane che era nascosto, e si è unito a lei.
AT greco 1,38καὶ αὐτοὶ οὐκ ᾔδεισαν ὅτι εἱστήκειμεν τότε συνειπάμεθα ἀλλήλοις λέγοντες μάθωμεν τίνες εἰσὶν οὗτοι
CEI 1974 Dn13,38 Noi che eravamo in un angolo del giardino, vedendo una tale nefandezza, ci siamo precipitati su di loro e li abbiamo sorpresi insieme.
AT greco 1,39καὶ προσελθόντες ἐπέγνωμεν αὐτήν ὁ δὲ νεανίσκος ἔφυγε συγκεκαλυμμένος
CEI 1974 Dn13,39 Non abbiamo potuto prendere il giovane perché, più forte di noi, ha aperto la porta ed è fuggito.
AT greco 1,40ταύτης δὲ ἐπιλαβόμενοι ἐπηρωτῶμεν αὐτήν τίς ὁ ἄνθρωπος
CEI 1974 Dn13,40 Abbiamo preso lei e le abbiamo domandato chi era quel giovane, ma lei non ce l`ha voluto dire. Di questo noi siamo testimoni".
AT greco 1,41καὶ οὐκ ἀπήγγειλεν ἡμῖν τίς ἦν ταῦτα μαρτυροῦμεν καὶ ἐπίστευσεν αὐτοῖς ἡ συναγωγὴ πᾶσα ὡς πρεσβυτέρων ὄντων καὶ κριτῶν τοῦ λαοῦ
CEI 1974 Dn13,41 La moltitudine prestò loro fede, poiché erano anziani e giudici del popolo e la condannò a morte.
AT greco 1,42
CEI 1974 Dn13,42 Allora Susanna ad alta voce esclamò: "Dio eterno, che conosci i segreti, che conosci le cose prima che accadano,
AT greco 1,43
CEI 1974 Dn13,43 tu lo sai che hanno deposto il falso contro di me! Io muoio innocente di quanto essi iniquamente hanno tramato contro di me".
AT greco 1,44καὶ ἰδοὺ ἄγγελος κυρίου ἐκείνης ἐξαγομένης ἀπολέσθαι καὶ ἔδωκεν ὁ ἄγγελος καθὼς προσετάγη πνεῦμα συνέσεως νεωτέρῳ ὄντι Δανιηλ
CEI 1974 Dn13,44 E il Signore ascoltò la sua voce.
Daniele libera Susanna
AT greco 1,46
CEI 1974 Dn13,46 il quale si mise a gridare: "Io sono innocente del sangue di lei!".
AT greco 1,47
CEI 1974 Dn13,47 Tutti si voltarono verso di lui dicendo: "Che vuoi dire con le tue parole?".
AT greco 1,48διαστείλας δὲ Δανιηλ τὸν ὄχλον καὶ στὰς ἐν μέσῳ αὐτῶν εἶπεν οὕτως μωροί υἱοὶ Ισραηλ οὐκ ἀνακρίναντες οὐδὲ τὸ σαφὲς ἐπιγνόντες ἀπεκρίνατε θυγατέρα Ισραηλ
CEI 1974 Dn13,48 Allora Daniele, stando in mezzo a loro, disse: "Siete così stolti, Israeliti? Avete condannato a morte una figlia d`Israele senza indagare la verità!
AT greco 1,49
CEI 1974 Dn13,49 Tornate al tribunale, perché costoro hanno deposto il falso contro di lei".
AT greco 1,50
CEI 1974 Dn13,50 Il popolo tornò subito indietro e gli anziani dissero a Daniele: "Vieni, siedi in mezzo a noi e facci da maestro, poiché Dio ti ha dato il dono dell`anzianità".
AT greco 1,51καὶ νῦν διαχωρίσατέ μοι αὐτοὺς ἀπ’ ἀλλήλων μακράν ἵνα ἐτάσω αὐτούς
CEI 1974 Dn13,51 Daniele esclamò: "Separateli bene l`uno dall`altro e io li giudicherò".
AT greco 1,52ὡς δὲ διεχωρίσθησαν εἶπεν Δανιηλ τῇ συναγωγῇ νῦν μὴ βλέψητε ὅτι οὗτοί εἰσι πρεσβύτεροι λέγοντες οὐ μὴ ψεύσωνται ἀλλὰ ἀνακρινῶ αὐτοὺς κατὰ τὰ ὑποπίπτοντά μοι καὶ ἐκάλεσε τὸν ἕνα αὐτῶν καὶ προσήγαγον τὸν πρεσβύτερον τῷ νεωτέρῳ καὶ εἶπεν αὐτῷ Δανιηλ ἄκουε ἄκουε πεπαλαιωμένε ἡμερῶν κακῶν νῦν ἥκασί σου αἱ ἁμαρτίαι ἃς ἐποίεις τὸ πρότερον
CEI 1974 Dn13,52 Separati che furono, Daniele disse al primo: "O invecchiato nel male! Ecco, i tuoi peccati commessi in passato vengono alla luce,
AT greco 1,53πιστευθεὶς ἀκούειν καὶ κρίνειν κρίσεις θάνατον ἐπιφερούσας καὶ τὸν μὲν ἀθῷον κατέκρινας τοὺς δὲ ἐνόχους ἠφίεις τοῦ κυρίου λέγοντος ἀθῷον καὶ δίκαιον οὐκ ἀποκτενεῖς
CEI 1974 Dn13,53 quando davi sentenze ingiuste opprimendo gli innocenti e assolvendo i malvagi, mentre il Signore ha detto: Non ucciderai il giusto e l`innocente.
AT greco 1,54νῦν οὖν ὑπὸ τί δένδρον καὶ ποταπῷ τοῦ παραδείσου τόπῳ ἑώρακας αὐτοὺς ὄντας σὺν ἑαυτοῖς καὶ εἶπεν ὁ ἀσεβής ὑπὸ σχῖνον
CEI 1974 Dn Ora dunque, se tu hai visto costei, dì: sotto quale albero tu li hai visti stare insieme?". Rispose: "Sotto un lentisco".
13,54-55 In greco è possibile un gioco di parole tra il nome dell'albero e la condanna: ti spaccherà.
AT greco 1,55εἶπεν δὲ ὁ νεώτερος ὀρθῶς ἔψευσαι εἰς τὴν σεαυτοῦ ψυχήν ὁ γὰρ ἄγγελος κυρίου σχίσει σου τὴν ψυχὴν σήμερον
CEI 1974 Dn13,55 Disse Daniele: "In verità, la tua menzogna ricadrà sulla tua testa. Già l`angelo di Dio ha ricevuto da Dio la sentenza e ti spaccherà in due".
AT greco 1,56καὶ τοῦτον μεταστήσας εἶπε προσαγαγεῖν αὐτῷ τὸν ἕτερον καὶ τούτῳ δὲ εἶπεν διὰ τί διεστραμμένον τὸ σπέρμα σου ὡς Σιδῶνος καὶ οὐχ ὡς Ιουδα τὸ κάλλος σε ἠπάτησεν ἡ μιαρὰ ἐπιθυμία
CEI 1974 Dn13,56 Allontanato questo, fece venire l`altro e gli disse: "Razza di Canaan e non di Giuda, la bellezza ti ha sedotto, la passione ti ha pervertito il cuore!
AT greco 1,57καὶ οὕτως ἐποιεῖτε θυγατράσιν Ισραηλ καὶ ἐκεῖναι φοβούμεναι ὡμιλοῦσαν ὑμῖν ἀλλ’ οὐ θυγάτηρ Ιουδα ὑπέμεινε τὴν νόσον ὑμῶν ἐν ἀνομίᾳ ὑπενεγκεῖν
CEI 1974 Dn13,57 Così facevate con le donne d`Israele ed esse per paura si univano a voi. Ma una figlia di Giuda non ha potuto sopportare la vostra iniquità.
AT greco 1,58νῦν οὖν λέγε μοι ὑπὸ τί δένδρον καὶ ἐν ποίῳ τοῦ κήπου τόπῳ κατέλαβες αὐτοὺς ὁμιλοῦντας ἀλλήλοις ὁ δὲ εἶπεν ὑπὸ πρῖνον
CEI 1974 Dn Dimmi dunque, sotto quale albero li hai trovati insieme?". Rispose: "Sotto un leccio".
13,58-59 Come prima, gioco di parole tra leccio e segare o spaccare.
AT greco 1,59καὶ εἶπεν Δανιηλ ἁμαρτωλέ νῦν ὁ ἄγγελος κυρίου τὴν ῥομφαίαν ἕστηκεν ἔχων ἕως ὁ λαὸς ἐξολεθρεύσει ὑμᾶς ἵνα καταπρίσῃ σε
CEI 1974 Dn13,59 Disse Daniele: "In verità anche la tua menzogna ti ricadrà sulla testa. Ecco l`angelo di Dio ti aspetta con la spada in mano per spaccarti in due e così farti morire".
AT greco 1,60καὶ πᾶσα ἡ συναγωγὴ ἀνεβόησεν ἐπὶ τῷ νεωτέρῳ ὡς ἐκ τοῦ ἰδίου στόματος ὁμολόγους αὐτοὺς κατέστησεν ἀμφοτέρους ψευδομάρτυρας καὶ ὡς ὁ νόμος διαγορεύει ἐποίησαν αὐτοῖς καθὼς ἐπονηρεύσαντο κατὰ τῆς ἀδελφῆς καὶ ἐφίμωσαν αὐτοὺς καὶ ἐξαγαγόντες ἔρριψαν εἰς φάραγγα τότε ὁ ἄγγελος κυρίου ἔρριψε πῦρ διὰ μέσου αὐτῶν καὶ ἐσώθη αἷμα ἀναίτιον ἐν τῇ ἡμέρᾳ ἐκείνῃ
CEI 1974 Dn13,60 Allora tutta l`assemblea diede in grida di gioia e benedisse Dio che salva coloro che sperano in lui.
AT greco 1,63διὰ τοῦτο οἱ νεώτεροι ἀγαπητοὶ Ιακωβ ἐν τῇ ἁπλότητι αὐτῶν καὶ ἡμεῖς φυλασσώμεθα εἰς υἱοὺς δυνατοὺς νεωτέρους εὐσεβήσουσι γὰρ νεώτεροι καὶ ἔσται ἐν αὐτοῖς πνεῦμα ἐπιστήμης καὶ συνέσεως εἰς αἰῶνα αἰῶνος
CEI 1974 Dn13,63 Chelkìa e sua moglie resero grazie a Dio per la figlia Susanna insieme con il marito Ioakim e tutti i suoi parenti, per non aver trovato in lei nulla di men che onesto.
AT greco 1,64
CEI 1974 Dn13,64 Da quel giorno in poi Daniele divenne grande di fronte al popolo.