Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
BibbiaEDU-logo

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 2008

AT greco 16 16,1ὑπολαβὼν δὲ Ιωβ λέγει
CEI 2008 Gb Giobbe prese a dire:
16,1 RISPOSTA DI GIOBBE A ELIFAZ (16,1-17,16)
AT greco 16,2ἀκήκοα τοιαῦτα πολλά παρακλήτορες κακῶν πάντες
CEI 2008 Gb"Ne ho udite già molte di cose simili!
Siete tutti consolatori molesti.
16,2  Giobbe si sente bersaglio di Dio e degli uomini
AT greco 16,3τί γάρ μὴ τάξις ἐστὶν ῥήμασιν πνεύματος ἢ τί παρενοχλήσει σοι ὅτι ἀποκρίνῃ
CEI 2008 Gb16,3Non avranno termine le parole campate in aria?
O che cosa ti spinge a rispondere?
AT greco 16,4κἀγὼ καθ’ ὑμᾶς λαλήσω εἰ ὑπέκειτό γε ἡ ψυχὴ ὑμῶν ἀντὶ τῆς ἐμῆς εἶτ’ ἐναλοῦμαι ὑμῖν ῥήμασιν κινήσω δὲ καθ’ ὑμῶν κεφαλήν
CEI 2008 Gb16,4Anch'io sarei capace di parlare come voi,
se voi foste al mio posto:
comporrei con eleganza parole contro di voi
e scuoterei il mio capo su di voi.
AT greco 16,5εἴη δὲ ἰσχὺς ἐν τῷ στόματί μου κίνησιν δὲ χειλέων οὐ φείσομαι
CEI 2008 Gb16,5Vi potrei incoraggiare con la bocca
e il movimento delle mie labbra potrebbe darvi sollievo.
AT greco 16,6ἐὰν γὰρ λαλήσω οὐκ ἀλγήσω τὸ τραῦμα ἐὰν δὲ καὶ σιωπήσω τί ἔλαττον τρωθήσομαι
CEI 2008 Gb16,6Ma se parlo, non si placa il mio dolore;
se taccio, che cosa lo allontana da me?
AT greco 16,7νῦν δὲ κατάκοπόν με πεποίηκεν μωρόν σεσηπότα
CEI 2008 Gb16,7Ora però egli mi toglie le forze,
ha distrutto tutti i miei congiunti
AT greco 16,8καὶ ἐπελάβου μου εἰς μαρτύριον ἐγενήθη καὶ ἀνέστη ἐν ἐμοὶ τὸ ψεῦδός μου κατὰ πρόσωπόν μου ἀνταπεκρίθη
CEI 2008 Gb16,8e mi opprime.
Si è costituito testimone ed è insorto contro di me:
il mio calunniatore mi accusa in faccia.
AT greco 16,9ὀργῇ χρησάμενος κατέβαλέν με ἔβρυξεν ἐπ’ ἐμὲ τοὺς ὀδόντας βέλη πειρατῶν αὐτοῦ ἐπ’ ἐμοὶ ἔπεσεν
CEI 2008 GbLa sua collera mi dilania e mi perseguita;
digrigna i denti contro di me,
il mio nemico su di me aguzza gli occhi.
16,9 digrigna i denti… aguzza gli occhi: allusioni alla violenza di chi infierisce sulla vittima.
AT greco 16,10ἀκίσιν ὀφθαλμῶν ἐνήλατο ὀξεῖ ἔπαισέν με εἰς σιαγόνα ὁμοθυμαδὸν δὲ κατέδραμον ἐπ’ ἐμοί
CEI 2008 Gb16,10Spalancano la bocca contro di me,
mi schiaffeggiano con insulti,
insieme si alleano contro di me.
AT greco 16,11παρέδωκεν γάρ με ὁ κύριος εἰς χεῖρας ἀδίκου ἐπὶ δὲ ἀσεβέσιν ἔρριψέν με
CEI 2008 Gb16,11Dio mi consegna come preda all'empio,
e mi getta nelle mani dei malvagi.
AT greco 16,12εἰρηνεύοντα διεσκέδασέν με λαβών με τῆς κόμης διέτιλεν κατέστησέν με ὥσπερ σκοπόν
CEI 2008 Gb16,12Me ne stavo tranquillo ed egli mi ha scosso,
mi ha afferrato per il collo e mi ha stritolato;
ha fatto di me il suo bersaglio.
AT greco 16,13ἐκύκλωσάν με λόγχαις βάλλοντες εἰς νεφρούς μου οὐ φειδόμενοι ἐξέχεαν εἰς τὴν γῆν τὴν χολήν μου
CEI 2008 Gb16,13I suoi arcieri mi circondano;
mi trafigge le reni senza pietà,
versa a terra il mio fiele,
AT greco 16,14κατέβαλόν με πτῶμα ἐπὶ πτώματι ἔδραμον πρός με δυνάμενοι
CEI 2008 Gb16,14mi apre ferita su ferita,
mi si avventa contro come un guerriero.
AT greco 16,15σάκκον ἔρραψα ἐπὶ βύρσης μου τὸ δὲ σθένος μου ἐν γῇ ἐσβέσθη
CEI 2008 GbHo cucito un sacco sulla mia pelle
e ho prostrato la fronte nella polvere.
16,15 sacco e polvere: segni di profonda umiliazione.
AT greco 16,16ἡ γαστήρ μου συγκέκαυται ἀπὸ κλαυθμοῦ ἐπὶ δὲ βλεφάροις μου σκιά
CEI 2008 Gb16,16La mia faccia è rossa per il pianto
e un'ombra mortale mi vela le palpebre,
AT greco 16,17ἄδικον δὲ οὐδὲν ἦν ἐν χερσίν μου εὐχὴ δέ μου καθαρά
CEI 2008 Gb16,17benché non ci sia violenza nelle mie mani
e sia pura la mia preghiera.
AT greco 16,18γῆ μὴ ἐπικαλύψῃς ἐφ’ αἵματι τῆς σαρκός μου μηδὲ εἴη τόπος τῇ κραυγῇ μου
CEI 2008 GbO terra, non coprire il mio sangue
né un luogo segreto trattenga il mio grido!
16,18-22 ... e invoca la morte
O terra, non coprire il mio sangue: il sangue sparso e non coperto reclamava l’intervento di Dio (vedi Gen 4,1037,26Is 26,21Ez 24,7).
AT greco 16,19καὶ νῦν ἰδοὺ ἐν οὐρανοῖς ὁ μάρτυς μου ὁ δὲ συνίστωρ μου ἐν ὑψίστοις
CEI 2008 Gb16,19Ecco, fin d'ora il mio testimone è nei cieli,
il mio difensore è lassù.
AT greco 16,20ἀφίκοιτό μου ἡ δέησις πρὸς κύριον ἔναντι δὲ αὐτοῦ στάζοι μου ὁ ὀφθαλμός
CEI 2008 Gb16,20I miei amici mi scherniscono,
rivolto a Dio, versa lacrime il mio occhio,
AT greco 16,21εἴη δὲ ἔλεγχος ἀνδρὶ ἔναντι κυρίου καὶ υἱὸς ἀνθρώπου τῷ πλησίον αὐτοῦ
CEI 2008 Gb16,21perché egli stesso sia arbitro fra l'uomo e Dio,
come tra un figlio dell'uomo e il suo prossimo;
AT greco 16,22ἔτη δὲ ἀριθμητὰ ἥκασιν ὁδῷ δέ ᾗ οὐκ ἐπαναστραφήσομαι πορεύσομαι
CEI 2008 Gb16,22poiché passano i miei anni che sono contati
e me ne vado per una via senza ritorno.