Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 1974

AT greco 24 24,1διὰ τί δὲ κύριον ἔλαθον ὧραι
CEI 1974 Gb Perché l`Onnipotente non si riserva i suoi tempi
e i suoi fedeli non vedono i suoi giorni?
24,1 I giusti non vedono Dio intervenire contro i cattivi.
AT greco 24,2ἀσεβεῖς δὲ ὅριον ὑπερέβησαν ποίμνιον σὺν ποιμένι ἁρπάσαντες
CEI 1974 Gb I malvagi spostano i confini,
rubano le greggi e le menano al pascolo;
24,2 La manomissione dei confini di proprietà era un grave delitto.
AT greco 24,3ὑποζύγιον ὀρφανῶν ἀπήγαγον καὶ βοῦν χήρας ἠνεχύρασαν
CEI 1974 Gb24,3 portano via l`asino degli orfani,
prendono in pegno il bue della vedova.
AT greco 24,4ἐξέκλιναν ἀδυνάτους ἐξ ὁδοῦ δικαίας ὁμοθυμαδὸν ἐκρύβησαν πραεῖς γῆς
CEI 1974 Gb24,4 Spingono i poveri fuori strada,
tutti i miseri del paese vanno a nascondersi.
AT greco 24,5ἀπέβησαν δὲ ὥσπερ ὄνοι ἐν ἀγρῷ ὑπὲρ ἐμοῦ ἐξελθόντες τὴν ἑαυτῶν πρᾶξιν ἡδύνθη αὐτῷ ἄρτος εἰς νεωτέρους
CEI 1974 Gb24,5 Eccoli, come ònagri nel deserto
escono per il lavoro;
di buon mattino vanno in cerca di vitto;
la steppa offre loro cibo per i figli.
AT greco 24,6ἀγρὸν πρὸ ὥρας οὐκ αὐτῶν ὄντα ἐθέρισαν ἀδύνατοι δὲ ἀμπελῶνας ἀσεβῶν ἀμισθὶ καὶ ἀσιτὶ ἠργάσαντο
CEI 1974 Gb24,6 Mietono nel campo non loro;
racimolano la vigna del malvagio.
AT greco 24,7γυμνοὺς πολλοὺς ἐκοίμισαν ἄνευ ἱματίων ἀμφίασιν δὲ ψυχῆς αὐτῶν ἀφείλαντο
CEI 1974 Gb24,7 Nudi passan la notte, senza panni,
non hanno da coprirsi contro il freddo.
AT greco 24,8ἀπὸ ψεκάδων ὀρέων ὑγραίνονται παρὰ τὸ μὴ ἔχειν αὐτοὺς σκέπην πέτραν περιεβάλοντο
CEI 1974 Gb24,8 Dagli scrosci dei monti sono bagnati,
per mancanza di rifugi si aggrappano alle rocce.
AT greco 24,9ἥρπασαν ὀρφανὸν ἀπὸ μαστοῦ ἐκπεπτωκότα δὲ ἐταπείνωσαν
CEI 1974 Gb24,9 Rapiscono con violenza l`orfano
e prendono in pegno ciò che copre il povero.
AT greco 24,10γυμνοὺς δὲ ἐκοίμισαν ἀδίκως πεινώντων δὲ τὸν ψωμὸν ἀφείλαντο
CEI 1974 Gb24,10 Ignudi se ne vanno, senza vesti
e affamati portano i covoni.
AT greco 24,11ἐν στενοῖς ἀδίκως ἐνήδρευσαν ὁδὸν δὲ δικαίαν οὐκ ᾔδεισαν
CEI 1974 Gb24,11 Tra i filari frangono le olive,
pigiano l`uva e soffrono la sete.
AT greco 24,12οἳ ἐκ πόλεως καὶ οἴκων ἰδίων ἐξεβάλλοντο ψυχὴ δὲ νηπίων ἐστέναξεν μέγα αὐτὸς δὲ διὰ τί τούτων ἐπισκοπὴν οὐ πεποίηται
CEI 1974 Gb24,12 Dalla città si alza il gemito dei moribondi
e l`anima dei feriti grida aiuto:
Dio non presta attenzione alle loro preghiere.
AT greco 24,13ἐπὶ γῆς ὄντων αὐτῶν καὶ οὐκ ἐπέγνωσαν ὁδὸν δὲ δικαιοσύνης οὐκ ᾔδεισαν οὐδὲ ἀτραποὺς αὐτῆς ἐπορεύθησαν
CEI 1974 Gb Altri odiano la luce,
non ne vogliono riconoscere le vie
né vogliono batterne i sentieri.
24,13 La luce, in senso morale.
AT greco 24,14γνοὺς δὲ αὐτῶν τὰ ἔργα παρέδωκεν αὐτοὺς εἰς σκότος καὶ νυκτὸς ἔσται ὡς κλέπτης
CEI 1974 Gb24,14 Quando non c`è luce, si alza l`omicida
per uccidere il misero e il povero;
nella notte si aggira il ladro
e si mette un velo sul volto.
AT greco 24,15καὶ ὀφθαλμὸς μοιχοῦ ἐφύλαξεν σκότος λέγων οὐ προσνοήσει με ὀφθαλμός καὶ ἀποκρυβὴν προσώπου ἔθετο
CEI 1974 Gb24,15 L`occhio dell`adultero spia il buio
e pensa: "Nessun occhio mi osserva!".
AT greco 24,16διώρυξεν ἐν σκότει οἰκίας ἡμέρας ἐσφράγισαν ἑαυτούς οὐκ ἐπέγνωσαν φῶς
CEI 1974 Gb24,16 Nelle tenebre forzano le case,
di giorno se ne stanno nascosti:
non vogliono saperne della luce;
AT greco 24,17ὅτι ὁμοθυμαδὸν τὸ πρωὶ αὐτοῖς σκιὰ θανάτου ὅτι ἐπιγνώσεται ταραχὰς σκιᾶς θανάτου
CEI 1974 Gb24,17 l`alba è per tutti loro come spettro di morte;
quando schiarisce, provano i terrori del buio fondo.
AT greco 24,18ἐλαφρός ἐστιν ἐπὶ πρόσωπον ὕδατος καταραθείη ἡ μερὶς αὐτῶν ἐπὶ γῆς
CEI 1974 Gb Fuggono veloci di fronte al giorno;
maledetta è la loro porzione di campo sulla terra,
non si volgono più per la strada delle vigne.
24,18-25 Forse Giobbe riferisce il pensiero di Bildad.
AT greco 24,19ἀναφανείη δὲ τὰ φυτὰ αὐτῶν ἐπὶ γῆς ξηρά ἀγκαλίδα γὰρ ὀρφανῶν ἥρπασαν
CEI 1974 Gb24,19 Come siccità e calore assorbono le acque nevose,
così la morte rapisce il peccatore.
AT greco 24,20εἶτ’ ἀνεμνήσθη αὐτοῦ ἡ ἁμαρτία ὥσπερ δὲ ὁμίχλη δρόσου ἀφανὴς ἐγένετο ἀποδοθείη δὲ αὐτῷ ἃ ἔπραξεν συντριβείη δὲ πᾶς ἄδικος ἴσα ξύλῳ ἀνιάτῳ
CEI 1974 Gb24,20 Il seno che l`ha portato lo dimentica,
i vermi ne fanno la loro delizia,
non se ne conserva la memoria
ed è troncata come un albero l`iniquità.
AT greco 24,21στεῖραν γὰρ οὐκ εὖ ἐποίησεν καὶ γύναιον οὐκ ἠλέησεν
CEI 1974 Gb24,21 Egli maltratta la sterile che non genera
e non fa del bene alla vedova.
AT greco 24,22θυμῷ δὲ κατέστρεψεν ἀδυνάτους ἀναστὰς τοιγαροῦν οὐ μὴ πιστεύσῃ κατὰ τῆς ἑαυτοῦ ζωῆς
CEI 1974 Gb24,22 Ma egli con la sua forza trascina i potenti,
sorge quando più non può contare sulla vita.
AT greco 24,23μαλακισθεὶς μὴ ἐλπιζέτω ὑγιασθῆναι ἀλλὰ πεσεῖται νόσῳ
CEI 1974 Gb24,23 Anche Dio gli concede sicurezza ed egli sta saldo,
ma i suoi occhi sono sopra la sua condotta.
AT greco 24,24πολλοὺς γὰρ ἐκάκωσεν τὸ ὕψωμα αὐτοῦ ἐμαράνθη δὲ ὥσπερ μολόχη ἐν καύματι ἢ ὥσπερ στάχυς ἀπὸ καλάμης αὐτόματος ἀποπεσών
CEI 1974 Gb24,24 Salgono in alto per un poco, poi non sono più,
sono buttati giù come tutti i mortali,
falciati come la testa di una spiga.
AT greco 24,25εἰ δὲ μή τίς ἐστιν ὁ φάμενος ψευδῆ με λέγειν καὶ θήσει εἰς οὐδὲν τὰ ῥήματά μου
CEI 1974 Gb24,25 Non è forse così? Chi può smentirmi
e ridurre a nulla le mie parole?