Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
BibbiaEDU-logo

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 2008

AT greco 27 27,1ἔτι δὲ προσθεὶς Ιωβ εἶπεν τῷ προοιμίῳ
CEI 2008 Gb Giobbe continuò il suo discorso dicendo:
27,1 ULTIMI DISCORSI DI GIOBBE (27,1-23; 29,1-31,37)
 Nei cc.
AT greco 27,2ζῇ κύριος ὃς οὕτω με κέκρικεν καὶ ὁ παντοκράτωρ ὁ πικράνας μου τὴν ψυχήν
CEI 2008 Gb"Per la vita di Dio, che mi ha privato del mio diritto,
per l'Onnipotente che mi ha amareggiato l'animo,
27,2-23 Giobbe sostiene la propria innocenza
Per la vita di Dio: formula di giuramento. Questa formula compariva solitamente all’inizio di una solenne affermazione, chiamata “giuramento di innocenza”.
AT greco 27,3ἦ μὴν ἔτι τῆς πνοῆς μου ἐνούσης πνεῦμα δὲ θεῖον τὸ περιόν μοι ἐν ῥισίν
CEI 2008 Gb27,3finché ci sarà in me un soffio di vita,
e l'alito di Dio nelle mie narici,
AT greco 27,4μὴ λαλήσειν τὰ χείλη μου ἄνομα οὐδὲ ἡ ψυχή μου μελετήσει ἄδικα
CEI 2008 Gb27,4mai le mie labbra diranno falsità
e mai la mia lingua mormorerà menzogna!
AT greco 27,5μή μοι εἴη δικαίους ὑμᾶς ἀποφῆναι ἕως ἂν ἀποθάνω οὐ γὰρ ἀπαλλάξω μου τὴν ἀκακίαν
CEI 2008 Gb27,5Lontano da me darvi ragione;
fino alla morte non rinuncerò alla mia integrità.
AT greco 27,6δικαιοσύνῃ δὲ προσέχων οὐ μὴ προῶμαι οὐ γὰρ σύνοιδα ἐμαυτῷ ἄτοπα πράξας
CEI 2008 Gb27,6Mi terrò saldo nella mia giustizia senza cedere,
la mia coscienza non mi rimprovera nessuno dei miei giorni.
AT greco 27,7οὐ μὴν δὲ ἀλλὰ εἴησαν οἱ ἐχθροί μου ὥσπερ ἡ καταστροφὴ τῶν ἀσεβῶν καὶ οἱ ἐπ’ ἐμὲ ἐπανιστανόμενοι ὥσπερ ἡ ἀπώλεια τῶν παρανόμων
CEI 2008 Gb27,7Sia trattato come reo il mio nemico
e il mio avversario come un ingiusto.
AT greco 27,8καὶ τίς γάρ ἐστιν ἐλπὶς ἀσεβεῖ ὅτι ἐπέχει πεποιθὼς ἐπὶ κύριον ἆρα σωθήσεται
CEI 2008 Gb27,8Che cosa infatti può sperare l'empio, quando finirà,
quando Dio gli toglierà la vita?
AT greco 27,9ἦ τὴν δέησιν αὐτοῦ εἰσακούσεται κύριος ἢ ἐπελθούσης αὐτῷ ἀνάγκης
CEI 2008 Gb27,9Ascolterà forse Dio il suo grido,
quando la sventura piomberà su di lui?
AT greco 27,10μὴ ἔχει τινὰ παρρησίαν ἔναντι αὐτοῦ ἢ ὡς ἐπικαλεσαμένου αὐτοῦ εἰσακούσεται αὐτοῦ
CEI 2008 Gb27,10Troverà forse il suo conforto nell'Onnipotente?
Potrà invocare Dio in ogni momento?
AT greco 27,11ἀλλὰ δὴ ἀναγγελῶ ὑμῖν τί ἐστιν ἐν χειρὶ κυρίου ἅ ἐστιν παρὰ παντοκράτορι οὐ ψεύσομαι
CEI 2008 Gb27,11Io vi istruirò sul potere di Dio,
non vi nasconderò i pensieri dell'Onnipotente.
AT greco 27,12ἰδοὺ δὴ πάντες οἴδατε ὅτι κενὰ κενοῖς ἐπιβάλλετε
CEI 2008 Gb27,12Ecco, voi tutti lo vedete bene:
perché dunque vi perdete in cose vane?
AT greco 27,13αὕτη ἡ μερὶς ἀνθρώπου ἀσεβοῦς παρὰ κυρίου κτῆμα δὲ δυναστῶν ἐλεύσεται παρὰ παντοκράτορος ἐπ’ αὐτούς
CEI 2008 GbQuesta è la sorte che Dio riserva all'uomo malvagio,
l'eredità che i violenti ricevono dall'Onnipotente.
27,13-23 Questi versetti, nei quali vengono descritti i mali che colpiscono l’empio, sono considerati da alcuni come il terzo discorso mancante di Sofar (che continuerebbe con 24,18-24).
AT greco 27,14ἐὰν δὲ πολλοὶ γένωνται οἱ υἱοὶ αὐτοῦ εἰς σφαγὴν ἔσονται ἐὰν δὲ καὶ ἀνδρωθῶσιν προσαιτήσουσιν
CEI 2008 Gb27,14Se ha molti figli, saranno destinati alla spada
e i suoi discendenti non avranno pane da sfamarsi;
AT greco 27,15οἱ δὲ περιόντες αὐτοῦ ἐν θανάτῳ τελευτήσουσιν χήρας δὲ αὐτῶν οὐθεὶς ἐλεήσει
CEI 2008 Gb27,15i suoi superstiti saranno sepolti dalla peste
e le loro vedove non potranno fare lamento.
AT greco 27,16ἐὰν συναγάγῃ ὥσπερ γῆν ἀργύριον ἴσα δὲ πηλῷ ἑτοιμάσῃ χρυσίον
CEI 2008 Gb27,16Se ammassa argento come la polvere
e ammucchia vestiti come fango,
AT greco 27,17ταῦτα πάντα δίκαιοι περιποιήσονται τὰ δὲ χρήματα αὐτοῦ ἀληθινοὶ καθέξουσιν
CEI 2008 Gb27,17egli li prepara, ma il giusto li indosserà,
e l'argento lo erediterà l'innocente.
AT greco 27,18ἀπέβη δὲ ὁ οἶκος αὐτοῦ ὥσπερ σῆτες καὶ ὥσπερ ἀράχνη
CEI 2008 Gb27,18Ha costruito la casa come una tela di ragno
e come una capanna fatta da un guardiano.
AT greco 27,19πλούσιος κοιμηθεὶς καὶ οὐ προσθήσει ὀφθαλμοὺς αὐτοῦ διήνοιξεν καὶ οὐκ ἔστιν
CEI 2008 Gb27,19Si corica ricco, ma per l'ultima volta,
quando apre gli occhi, non avrà più nulla.
AT greco 27,20συνήντησαν αὐτῷ ὥσπερ ὕδωρ αἱ ὀδύναι νυκτὶ δὲ ὑφείλατο αὐτὸν γνόφος
CEI 2008 Gb27,20Come acque il terrore lo assale,
di notte se lo rapisce l'uragano;
AT greco 27,21ἀναλήμψεται αὐτὸν καύσων καὶ ἀπελεύσεται καὶ λικμήσει αὐτὸν ἐκ τοῦ τόπου αὐτοῦ
CEI 2008 Gb27,21il vento d'oriente lo solleva e se ne va,
lo sradica dalla sua dimora,
AT greco 27,22καὶ ἐπιρρίψει ἐπ’ αὐτὸν καὶ οὐ φείσεται ἐκ χειρὸς αὐτοῦ φυγῇ φεύξεται
CEI 2008 Gb27,22lo bersaglia senza pietà
ed egli tenterà di sfuggire alla sua presa.
AT greco 27,23κροτήσει ἐπ’ αὐτοῦ χεῖρας αὐτοῦ καὶ συριεῖ αὐτὸν ἐκ τοῦ τόπου αὐτοῦ
CEI 2008 Gb27,23Si battono le mani contro di lui
e si fischia di scherno su di lui ovunque si trovi.