Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 1974

AT greco 28 28,1ἔστιν γὰρ ἀργυρίῳ τόπος ὅθεν γίνεται τόπος δὲ χρυσίῳ ὅθεν διηθεῖται
CEI 1974 Gb Certo, per l`argento vi sono miniere
e per l`oro luoghi dove esso si raffina.
28,1 Intermezzo in lode della sapienza inaccessibile all'uomo (ver. 12), il quale può scendere nelle viscere della terra, ma non riesce a scrutare il mistero del mondo. Dio solo può sapere perché un innocente soffre e non resta che adorare l'Onniscente e fuggire il male (ver. 32).
AT greco 28,2σίδηρος μὲν γὰρ ἐκ γῆς γίνεται χαλκὸς δὲ ἴσα λίθῳ λατομεῖται
CEI 1974 Gb28,2 Il ferro si cava dal suolo
e la pietra fusa libera il rame.
AT greco 28,3τάξιν ἔθετο σκότει καὶ πᾶν πέρας αὐτὸς ἐξακριβάζεται λίθος σκοτία καὶ σκιὰ θανάτου
CEI 1974 Gb28,3 L`uomo pone un termine alle tenebre
e fruga fino all`estremo limite
le rocce nel buio più fondo.
AT greco 28,4διακοπὴ χειμάρρου ἀπὸ κονίας οἱ δὲ ἐπιλανθανόμενοι ὁδὸν δικαίαν ἠσθένησαν ἐκ βροτῶν
CEI 1974 Gb Forano pozzi lungi dall`abitato
coloro che perdono l`uso dei piedi:
pendono sospesi lontano dalla gente e vacillano.
28,4 Probabile allusione ai prigionieri di guerra addetti al pericoloso ed estenuante lavoro delle miniere.
AT greco 28,5γῆ ἐξ αὐτῆς ἐξελεύσεται ἄρτος ὑποκάτω αὐτῆς ἐστράφη ὡσεὶ πῦρ
CEI 1974 Gb28,5 Una terra, da cui si trae pane,
di sotto è sconvolta come dal fuoco.
AT greco 28,6τόπος σαπφείρου οἱ λίθοι αὐτῆς καὶ χῶμα χρυσίον αὐτῷ
CEI 1974 Gb28,6 Le sue pietre contengono zaffiri
e oro la sua polvere.
AT greco 28,7τρίβος οὐκ ἔγνω αὐτὴν πετεινόν καὶ οὐ παρέβλεψεν αὐτὴν ὀφθαλμὸς γυπός
CEI 1974 Gb28,7 L`uccello rapace ne ignora il sentiero,
non lo scorge neppure l`occhio dell`aquila,
AT greco 28,8οὐκ ἐπάτησαν αὐτὴν υἱοὶ ἀλαζόνων οὐ παρῆλθεν ἐπ’ αὐτῆς λέων
CEI 1974 Gb28,8 non battuto da bestie feroci,
né mai attraversato dal leopardo.
AT greco 28,9ἐν ἀκροτόμῳ ἐξέτεινεν χεῖρα αὐτοῦ κατέστρεψεν δὲ ἐκ ῥιζῶν ὄρη
CEI 1974 Gb28,9 Contro la selce l`uomo porta la mano,
sconvolge le montagne:
AT greco 28,10δίνας δὲ ποταμῶν ἔρρηξεν πᾶν δὲ ἔντιμον εἶδέν μου ὁ ὀφθαλμός
CEI 1974 Gb28,10 nelle rocce scava gallerie
e su quanto è prezioso posa l`occhio:
AT greco 28,11βάθη δὲ ποταμῶν ἀνεκάλυψεν ἔδειξεν δὲ ἑαυτοῦ δύναμιν εἰς φῶς
CEI 1974 Gb28,11 scandaglia il fondo dei fiumi
e quel che vi è nascosto porta alla luce.
AT greco 28,12ἡ δὲ σοφία πόθεν εὑρέθη ποῖος δὲ τόπος ἐστὶν τῆς ἐπιστήμης
CEI 1974 Gb28,12 Ma la sapienza da dove si trae?
E il luogo dell`intelligenza dov`è?
AT greco 28,13οὐκ οἶδεν βροτὸς ὁδὸν αὐτῆς οὐδὲ μὴ εὑρεθῇ ἐν ἀνθρώποις
CEI 1974 Gb28,13 L`uomo non ne conosce la via,
essa non si trova sulla terra dei viventi.
AT greco 28,14ἄβυσσος εἶπεν οὐκ ἔστιν ἐν ἐμοί καὶ θάλασσα εἶπεν οὐκ ἔστιν μετ’ ἐμοῦ
CEI 1974 Gb28,14 L`abisso dice: "Non è in me!"
e il mare dice: "Neppure presso di me!".
AT greco 28,15οὐ δώσει συγκλεισμὸν ἀντ’ αὐτῆς καὶ οὐ σταθήσεται ἀργύριον ἀντάλλαγμα αὐτῆς
CEI 1974 Gb28,15 Non si scambia con l`oro più scelto,
né per comprarla si pesa l`argento.
AT greco 28,16καὶ οὐ συμβασταχθήσεται χρυσίῳ Ωφιρ ἐν ὄνυχι τιμίῳ καὶ σαπφείρῳ
CEI 1974 Gb Non si acquista con l`oro di Ofir,
con il prezioso berillo o con lo zaffiro.
28,16 Per l'oro di Ofir 1 Re 2, 28.
AT greco 28,17οὐκ ἰσωθήσεται αὐτῇ χρυσίον καὶ ὕαλος καὶ τὸ ἄλλαγμα αὐτῆς σκεύη χρυσᾶ
CEI 1974 Gb28,17 Non la pareggia l`oro e il cristallo,
né si permuta con vasi di oro puro.
AT greco 28,18μετέωρα καὶ γαβις οὐ μνησθήσεται καὶ ἕλκυσον σοφίαν ὑπὲρ τὰ ἐσώτατα
CEI 1974 Gb28,18 Coralli e perle non meritano menzione,
vale più scoprire la sapienza che le gemme.
AT greco 28,19οὐκ ἰσωθήσεται αὐτῇ τοπάζιον Αἰθιοπίας χρυσίῳ καθαρῷ οὐ συμβασταχθήσεται
CEI 1974 Gb28,19 Non la eguaglia il topazio d`Etiopia;
con l`oro puro non si può scambiare a peso.
AT greco 28,20ἡ δὲ σοφία πόθεν εὑρέθη ποῖος δὲ τόπος ἐστὶν τῆς συνέσεως
CEI 1974 Gb28,20 Ma da dove viene la sapienza?
E il luogo dell`intelligenza dov`è?
AT greco 28,21λέληθεν πάντα ἄνθρωπον καὶ ἀπὸ πετεινῶν τοῦ οὐρανοῦ ἐκρύβη
CEI 1974 Gb28,21 È nascosta agli occhi di ogni vivente
ed è ignota agli uccelli del cielo.
AT greco 28,22ἡ ἀπώλεια καὶ ὁ θάνατος εἶπαν ἀκηκόαμεν δὲ αὐτῆς τὸ κλέος
CEI 1974 Gb28,22 L`abisso e la morte dicono:
"Con gli orecchi ne udimmo la fama".
AT greco 28,23ὁ θεὸς εὖ συνέστησεν αὐτῆς τὴν ὁδόν αὐτὸς δὲ οἶδεν τὸν τόπον αὐτῆς
CEI 1974 Gb28,23 Dio solo ne conosce la via,
lui solo sa dove si trovi,
AT greco 28,24αὐτὸς γὰρ τὴν ὑπ’ οὐρανὸν πᾶσαν ἐφορᾷ εἰδὼς τὰ ἐν τῇ γῇ πάντα ἃ ἐποίησεν
CEI 1974 Gb28,24 perché volge lo sguardo
fino alle estremità della terra,
vede quanto è sotto la volta del cielo.
AT greco 28,25ἀνέμων σταθμὸν ὕδατός τε μέτρα
CEI 1974 Gb28,25 Quando diede al vento un peso
e ordinò le acque entro una misura,
AT greco 28,26ὅτε ἐποίησεν οὕτως ὑετὸν ἠρίθμησεν καὶ ὁδὸν ἐν τινάγματι φωνάς
CEI 1974 Gb28,26 quando impose una legge alla pioggia
e una via al lampo dei tuoni;
AT greco 28,27τότε εἶδεν αὐτὴν καὶ ἐξηγήσατο αὐτήν ἑτοιμάσας ἐξιχνίασεν
CEI 1974 Gb allora la vide e la misurò,
la comprese e la scrutò appieno
28,27 Vuol dire che Dio è sapientissimo.
AT greco 28,28εἶπεν δὲ ἀνθρώπῳ ἰδοὺ ἡ θεοσέβειά ἐστιν σοφία τὸ δὲ ἀπέχεσθαι ἀπὸ κακῶν ἐστιν ἐπιστήμη
CEI 1974 Gb28,28 e disse all`uomo:
"Ecco, temere Dio, questo è sapienza
e schivare il male, questo è intelligenza".