Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
BibbiaEDU-logo

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 2008

AT greco 29 29,1ἔτι δὲ προσθεὶς Ιωβ εἶπεν τῷ προοιμίῳ
CEI 2008 Gb Giobbe continuò il suo discorso dicendo:
29,1-25 Giobbe rimpiange la felicità e la prosperità di un tempo
AT greco 29,2τίς ἄν με θείη κατὰ μῆνα ἔμπροσθεν ἡμερῶν ὧν με ὁ θεὸς ἐφύλαξεν
CEI 2008 Gb29,2"Potessi tornare com'ero ai mesi andati,
ai giorni in cui Dio vegliava su di me,
AT greco 29,3ὡς ὅτε ηὔγει ὁ λύχνος αὐτοῦ ὑπὲρ κεφαλῆς μου ὅτε τῷ φωτὶ αὐτοῦ ἐπορευόμην ἐν σκότει
CEI 2008 Gb29,3quando brillava la sua lucerna sopra il mio capo
e alla sua luce camminavo in mezzo alle tenebre;
AT greco 29,4ὅτε ἤμην ἐπιβρίθων ὁδοῖς ὅτε ὁ θεὸς ἐπισκοπὴν ἐποιεῖτο τοῦ οἴκου μου
CEI 2008 Gb29,4com'ero nei giorni del mio rigoglio,
quando Dio proteggeva la mia tenda,
AT greco 29,5ὅτε ἤμην ὑλώδης λίαν κύκλῳ δέ μου οἱ παῖδες
CEI 2008 Gb29,5quando l'Onnipotente stava ancora con me
e i miei giovani mi circondavano,
AT greco 29,6ὅτε ἐχέοντό μου αἱ ὁδοὶ βουτύρῳ τὰ δὲ ὄρη μου ἐχέοντο γάλακτι
CEI 2008 Gbquando mi lavavo i piedi nella panna
e la roccia mi versava ruscelli d'olio!
29,6 la roccia che versa l’olio: il frantoio per le olive, che era di pietra.
AT greco 29,7ὅτε ἐξεπορευόμην ὄρθριος ἐν πόλει ἐν δὲ πλατείαις ἐτίθετό μου ὁ δίφρος
CEI 2008 GbQuando uscivo verso la porta della città
e sulla piazza ponevo il mio seggio,
29,7 la porta della città: era il luogo dove si amministrava la giustizia e si concludevano gli affari più importanti.
AT greco 29,8ἰδόντες με νεανίσκοι ἐκρύβησαν πρεσβῦται δὲ πάντες ἔστησαν
CEI 2008 Gb29,8vedendomi, i giovani si ritiravano
e i vecchi si alzavano in piedi,
AT greco 29,9ἁδροὶ δὲ ἐπαύσαντο λαλοῦντες δάκτυλον ἐπιθέντες ἐπὶ στόματι
CEI 2008 Gb29,9i notabili sospendevano i loro discorsi
e si mettevano la mano alla bocca,
AT greco 29,10οἱ δὲ ἀκούσαντες ἐμακάρισάν με καὶ γλῶσσα αὐτῶν τῷ λάρυγγι αὐτῶν ἐκολλήθη
CEI 2008 Gb29,10la voce dei capi si smorzava
e la loro lingua restava fissa al palato;
AT greco 29,11ὅτι οὖς ἤκουσεν καὶ ἐμακάρισέν με ὀφθαλμὸς δὲ ἰδών με ἐξέκλινεν
CEI 2008 Gb29,11infatti con gli orecchi ascoltavano e mi dicevano felice,
con gli occhi vedevano e mi rendevano testimonianza,
AT greco 29,12διέσωσα γὰρ πτωχὸν ἐκ χειρὸς δυνάστου καὶ ὀρφανῷ ᾧ οὐκ ἦν βοηθός ἐβοήθησα
CEI 2008 Gb29,12perché soccorrevo il povero che chiedeva aiuto
e l'orfano che ne era privo.
AT greco 29,13εὐλογία ἀπολλυμένου ἐπ’ ἐμὲ ἔλθοι στόμα δὲ χήρας με εὐλόγησεν
CEI 2008 Gb29,13La benedizione del disperato scendeva su di me
e al cuore della vedova infondevo la gioia.
AT greco 29,14δικαιοσύνην δὲ ἐνεδεδύκειν ἠμφιασάμην δὲ κρίμα ἴσα διπλοΐδι
CEI 2008 Gb29,14Ero rivestito di giustizia come di un abito,
come mantello e turbante era la mia equità.
AT greco 29,15ὀφθαλμὸς ἤμην τυφλῶν ποὺς δὲ χωλῶν
CEI 2008 Gb29,15Io ero gli occhi per il cieco,
ero i piedi per lo zoppo.
AT greco 29,16ἐγὼ ἤμην πατὴρ ἀδυνάτων δίκην δέ ἣν οὐκ ᾔδειν ἐξιχνίασα
CEI 2008 Gb29,16Padre io ero per i poveri
ed esaminavo la causa dello sconosciuto,
AT greco 29,17συνέτριψα δὲ μύλας ἀδίκων ἐκ δὲ μέσου τῶν ὀδόντων αὐτῶν ἅρπαγμα ἐξέσπασα
CEI 2008 Gb29,17spezzavo le mascelle al perverso
e dai suoi denti strappavo la preda.
AT greco 29,18εἶπα δέ ἡ ἡλικία μου γηράσει ὥσπερ στέλεχος φοίνικος πολὺν χρόνον βιώσω
CEI 2008 Gb29,18Pensavo: "Spirerò nel mio nido
e moltiplicherò i miei giorni come la fenice.
AT greco 29,19ἡ ῥίζα μου διήνοικται ἐπὶ ὕδατος καὶ δρόσος αὐλισθήσεται ἐν τῷ θερισμῷ μου
CEI 2008 Gb29,19Le mie radici si estenderanno fino all'acqua
e la rugiada di notte si poserà sul mio ramo.
AT greco 29,20ἡ δόξα μου καινὴ μετ’ ἐμοῦ καὶ τὸ τόξον μου ἐν χειρὶ αὐτοῦ πορεύσεται
CEI 2008 Gb29,20La mia gloria si rinnoverà in me
e il mio arco si rinforzerà nella mia mano".
AT greco 29,21ἐμοῦ ἀκούσαντες προσέσχον ἐσιώπησαν δὲ ἐπὶ τῇ ἐμῇ βουλῇ
CEI 2008 Gb29,21Mi ascoltavano in attesa fiduciosa
e tacevano per udire il mio consiglio.
AT greco 29,22ἐπὶ δὲ τῷ ἐμῷ ῥήματι οὐ προσέθεντο περιχαρεῖς δὲ ἐγίνοντο ὁπόταν αὐτοῖς ἐλάλουν
CEI 2008 Gb29,22Dopo le mie parole non replicavano,
e su di loro stillava il mio dire.
AT greco 29,23ὥσπερ γῆ διψῶσα προσδεχομένη τὸν ὑετόν οὕτως οὗτοι τὴν ἐμὴν λαλιάν
CEI 2008 Gb29,23Le attendevano come si attende la pioggia
e aprivano la bocca come ad acqua primaverile.
AT greco 29,24ἐὰν γελάσω πρὸς αὐτούς οὐ μὴ πιστεύσωσιν καὶ φῶς τοῦ προσώπου μου οὐκ ἀπέπιπτεν
CEI 2008 Gb29,24Se a loro sorridevo, non osavano crederlo,
non si lasciavano sfuggire la benevolenza del mio volto.
AT greco 29,25ἐξελεξάμην ὁδὸν αὐτῶν καὶ ἐκάθισα ἄρχων καὶ κατεσκήνουν ὡσεὶ βασιλεὺς ἐν μονοζώνοις ὃν τρόπον παθεινοὺς παρακαλῶν
CEI 2008 Gb29,25Indicavo loro la via da seguire e sedevo come capo,
e vi rimanevo come un re fra le sue schiere
o come un consolatore di afflitti.