Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 1974

AT greco 34 34,1ὑπολαβὼν δὲ Ελιους λέγει
CEI 1974 Gb34,1 Eliu continuò a dire:
AT greco 34,2ἀκούσατέ μου σοφοί ἐπιστάμενοι ἐνωτίζεσθε τὸ καλόν
CEI 1974 Gb Ascoltate, saggi, le mie parole
e voi, sapienti, porgetemi l`orecchio,
34,2 Dio che governa il mondo fisico e morale non può essere accusato d'ingiustizia.
AT greco 34,3ὅτι οὖς λόγους δοκιμάζει καὶ λάρυγξ γεύεται βρῶσιν
CEI 1974 Gb34,3 Perché l`orecchio distingue le parole,
come il palato assapora i cibi.
AT greco 34,4κρίσιν ἑλώμεθα ἑαυτοῖς γνῶμεν ἀνὰ μέσον ἑαυτῶν ὅ τι καλόν
CEI 1974 Gb34,4 Esploriamo noi ciò che è giusto,
indaghiamo fra di noi quale sia il bene:
AT greco 34,5ὅτι εἴρηκεν Ιωβ δίκαιός εἰμι ὁ κύριος ἀπήλλαξέν μου τὸ κρίμα
CEI 1974 Gb34,5 poiché Giobbe ha detto: "Io son giusto,
ma Dio mi ha tolto il mio diritto;
AT greco 34,6ἐψεύσατο δὲ τῷ κρίματί μου βίαιον τὸ βέλος μου ἄνευ ἀδικίας
CEI 1974 Gb34,6 contro il mio diritto passo per menzognero,
inguaribile è la mia piaga benché senza colpa".
AT greco 34,7τίς ἀνὴρ ὥσπερ Ιωβ πίνων μυκτηρισμὸν ὥσπερ ὕδωρ
CEI 1974 Gb34,7 Chi è come Giobbe
che beve, come l`acqua, l`insulto,
AT greco 34,8οὐχ ἁμαρτὼν οὐδὲ ἀσεβήσας ἢ ὁδοῦ κοινωνήσας μετὰ ποιούντων τὰ ἄνομα τοῦ πορευθῆναι μετὰ ἀσεβῶν
CEI 1974 Gb34,8 che fa la strada in compagnia dei malfattori,
andando con uomini iniqui?
AT greco 34,9μὴ γὰρ εἴπῃς ὅτι οὐκ ἔσται ἐπισκοπὴ ἀνδρός καὶ ἐπισκοπὴ αὐτῷ παρὰ κυρίου
CEI 1974 Gb34,9 Poiché egli ha detto: "Non giova all`uomo
essere in buona grazia con Dio".
AT greco 34,10διό συνετοὶ καρδίας ἀκούσατέ μου μή μοι εἴη ἔναντι κυρίου ἀσεβῆσαι καὶ ἔναντι παντοκράτορος ταράξαι τὸ δίκαιον
CEI 1974 Gb34,10 Perciò ascoltatemi, uomini di senno:
lungi da Dio l`iniquità
e dall`Onnipotente l`ingiustizia!
AT greco 34,11ἀλλὰ ἀποδιδοῖ ἀνθρώπῳ καθὰ ποιεῖ ἕκαστος αὐτῶν καὶ ἐν τρίβῳ ἀνδρὸς εὑρήσει αὐτόν
CEI 1974 Gb34,11 Poiché egli ripaga l`uomo secondo il suo operato
e fa trovare ad ognuno secondo la sua condotta.
AT greco 34,12οἴῃ δὲ τὸν κύριον ἄτοπα ποιήσειν ἢ ὁ παντοκράτωρ ταράξει κρίσιν
CEI 1974 Gb34,12 In verità, Dio non agisce da ingiusto
e l`Onnipotente non sovverte il diritto!
AT greco 34,13ὃς ἐποίησεν τὴν γῆν τίς δέ ἐστιν ὁ ποιῶν τὴν ὑπ’ οὐρανὸν καὶ τὰ ἐνόντα πάντα
CEI 1974 Gb34,13 Chi mai gli ha affidato la terra
e chi ha disposto il mondo intero?
AT greco 34,14εἰ γὰρ βούλοιτο συνέχειν καὶ τὸ πνεῦμα παρ’ αὐτῷ κατασχεῖν
CEI 1974 Gb34,14 Se egli richiamasse il suo spirito a sè
e a sé ritraesse il suo soffio,
AT greco 34,15τελευτήσει πᾶσα σὰρξ ὁμοθυμαδόν πᾶς δὲ βροτὸς εἰς γῆν ἀπελεύσεται ὅθεν καὶ ἐπλάσθη
CEI 1974 Gb34,15 ogni carne morirebbe all`istante
e l`uomo ritornerebbe in polvere.
AT greco 34,16εἰ δὲ μὴ νουθετῇ ἄκουε ταῦτα ἐνωτίζου φωνὴν ῥημάτων
CEI 1974 Gb34,16 Se hai intelletto, ascolta bene questo,
porgi l`orecchio al suono delle mie parole.
AT greco 34,17ἰδὲ σὺ τὸν μισοῦντα ἄνομα καὶ τὸν ὀλλύντα τοὺς πονηροὺς ὄντα αἰώνιον δίκαιον
CEI 1974 Gb34,17 Può mai governare chi odia il diritto?
E tu osi condannare il Gran Giusto?
AT greco 34,18ἀσεβὴς ὁ λέγων βασιλεῖ παρανομεῖς ἀσεβέστατε τοῖς ἄρχουσιν
CEI 1974 Gb34,18 lui che dice ad un re: "Iniquo!"
e ai principi: "Malvagi!",
AT greco 34,19ὃς οὐκ ἐπῃσχύνθη πρόσωπον ἐντίμου οὐδὲ οἶδεν τιμὴν θέσθαι ἁδροῖς θαυμασθῆναι πρόσωπα αὐτῶν
CEI 1974 Gb34,19 lui che non usa parzialità con i potenti
e non preferisce al povero il ricco,
perché tutti costoro sono opera delle sue mani?
AT greco 34,20κενὰ δὲ αὐτοῖς ἀποβήσεται τὸ κεκραγέναι καὶ δεῖσθαι ἀνδρός ἐχρήσαντο γὰρ παρανόμως ἐκκλινομένων ἀδυνάτων
CEI 1974 Gb34,20 In un istante muoiono e nel cuore della notte
sono colpiti i potenti e periscono;
e senza sforzo rimuove i tiranni,
AT greco 34,21αὐτὸς γὰρ ὁρατής ἐστιν ἔργων ἀνθρώπων λέληθεν δὲ αὐτὸν οὐδὲν ὧν πράσσουσιν
CEI 1974 Gb34,21 poiché egli tiene gli occhi sulla condotta dell`uomo
e vede tutti i suoi passi.
AT greco 34,22οὐδὲ ἔσται τόπος τοῦ κρυβῆναι τοὺς ποιοῦντας τὰ ἄνομα
CEI 1974 Gb34,22 Non vi è tenebra, non densa oscurità,
dove possano nascondersi i malfattori.
AT greco 34,23ὅτι οὐκ ἐπ’ ἄνδρα θήσει ἔτι ὁ γὰρ κύριος πάντας ἐφορᾷ
CEI 1974 Gb34,23 Poiché non si pone all`uomo un termine
per comparire davanti a Dio in giudizio:
AT greco 34,24ὁ καταλαμβάνων ἀνεξιχνίαστα ἔνδοξά τε καὶ ἐξαίσια ὧν οὐκ ἔστιν ἀριθμός
CEI 1974 Gb34,24 egli fiacca i potenti, senza fare inchieste,
e colloca altri al loro posto.
AT greco 34,25ὁ γνωρίζων αὐτῶν τὰ ἔργα καὶ στρέψει νύκτα καὶ ταπεινωθήσονται
CEI 1974 Gb34,25 Poiché conosce le loro opere,
li travolge nella notte e sono schiacciati;
AT greco 34,26ἔσβεσεν δὲ ἀσεβεῖς ὁρατοὶ δὲ ἐναντίον αὐτοῦ
CEI 1974 Gb34,26 come malvagi li percuote,
li colpisce alla vista di tutti;
AT greco 34,27ὅτι ἐξέκλιναν ἐκ νόμου θεοῦ δικαιώματα δὲ αὐτοῦ οὐκ ἐπέγνωσαν
CEI 1974 Gb34,27 perché si sono allontanati da lui
e di tutte le sue vie non si sono curati,
AT greco 34,28τοῦ ἐπαγαγεῖν ἐπ’ αὐτὸν κραυγὴν πένητος καὶ κραυγὴν πτωχῶν εἰσακούσεται
CEI 1974 Gb34,28 sì da far giungere fino a lui il grido
dell`oppresso e fargli udire il lamento dei poveri.
AT greco 34,29καὶ αὐτὸς ἡσυχίαν παρέξει καὶ τίς καταδικάσεται καὶ κρύψει πρόσωπον καὶ τίς ὄψεται αὐτόν καὶ κατὰ ἔθνους καὶ κατὰ ἀνθρώπου ὁμοῦ
CEI 1974 Gb34,29 Se egli tace, chi lo può condannare?
Se vela la faccia, chi lo può vedere?
Ma sulle nazioni e sugli individui egli veglia,
AT greco 34,30βασιλεύων ἄνθρωπον ὑποκριτὴν ἀπὸ δυσκολίας λαοῦ
CEI 1974 Gb34,30 perché non regni un uomo perverso,
perché il popolo non abbia inciampi.
AT greco 34,31ὅτι πρὸς τὸν ἰσχυρὸν ὁ λέγων εἴληφα οὐκ ἐνεχυράσω
CEI 1974 Gb34,31 Si può dunque dire a Dio:
"Porto la pena, senza aver fatto il male;
AT greco 34,32ἄνευ ἐμαυτοῦ ὄψομαι σὺ δεῖξόν μοι εἰ ἀδικίαν ἠργασάμην οὐ μὴ προσθήσω
CEI 1974 Gb34,32 se ho peccato, mostramelo;
se ho commesso l`iniquità, non lo farò più"?
AT greco 34,33μὴ παρὰ σοῦ ἀποτείσει αὐτήν ὅτι ἀπώσῃ ὅτι σὺ ἐκλέξῃ καὶ οὐκ ἐγώ καὶ τί ἔγνως λάλησον
CEI 1974 Gb Forse, secondo le tue idee dovrebbe ricompensare,
perché tu rifiuti il suo giudizio?
Poiché tu devi scegliere, non io,
dì, dunque, quello che sai.
34,33 Dio non è obbligato a regolarsi secondo il criterio di Giobbe.
AT greco 34,34διὸ συνετοὶ καρδίας ἐροῦσιν ταῦτα ἀνὴρ δὲ σοφὸς ἀκήκοέν μου τὸ ῥῆμα
CEI 1974 Gb34,34 Gli uomini di senno mi diranno
con l`uomo saggio che mi ascolta:
AT greco 34,35Ιωβ δὲ οὐκ ἐν συνέσει ἐλάλησεν τὰ δὲ ῥήματα αὐτοῦ οὐκ ἐν ἐπιστήμῃ
CEI 1974 Gb34,35 "Giobbe non parla con sapienza
e le sue parole sono prive di senno".
AT greco 34,36οὐ μὴν δὲ ἀλλὰ μάθε Ιωβ μὴ δῷς ἔτι ἀνταπόκρισιν ὥσπερ οἱ ἄφρονες
CEI 1974 Gb34,36 Bene, Giobbe sia esaminato fino in fondo,
per le sue risposte da uomo empio,
AT greco 34,37ἵνα μὴ προσθῶμεν ἐφ’ ἁμαρτίαις ἡμῶν ἀνομία δὲ ἐφ’ ἡμῖν λογισθήσεται πολλὰ λαλούντων ῥήματα ἐναντίον τοῦ κυρίου
CEI 1974 Gb34,37 perché aggiunge al suo peccato la rivolta,
in mezzo a noi batte le mani
e moltiplica le parole contro Dio.