Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
BibbiaEDU-logo

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 1974

AT greco 35 35,1ὑπολαβὼν δὲ Ελιους λέγει
CEI 1974 Gb Eliu riprese a dire:
35,1 Contro Giobbe ( cfr. 29, 14-30, 26), il quale osserva che non val la pena di essere buoni se il virtuoso è punito come l'empio, Eliu dimostra che Dio non trae alcun vantaggio dalla condotta dei mortali: li premia se buoni, li punisce se cattivi.
AT greco 35,2τί τοῦτο ἡγήσω ἐν κρίσει σὺ τίς εἶ ὅτι εἶπας δίκαιός εἰμι ἔναντι κυρίου
CEI 1974 Gb35,2 Ti pare di aver pensato cosa giusta,
quando dicesti: "Ho ragione davanti a Dio"?
AT greco 35,3ἢ ἐρεῖς τί ποιήσω ἁμαρτών
CEI 1974 Gb35,3 O quando hai detto: "Che te ne importa?
Che utilità ne ho dal mio peccato"?
AT greco 35,4ἐγὼ σοὶ δώσω ἀπόκρισιν καὶ τοῖς τρισὶν φίλοις σου
CEI 1974 Gb35,4 Risponderò a te con discorsi
e ai tuoi amici insieme con te.
AT greco 35,5ἀνάβλεψον εἰς τὸν οὐρανὸν καὶ ἰδέ κατάμαθε δὲ νέφη ὡς ὑψηλὰ ἀπὸ σοῦ
CEI 1974 Gb35,5 Contempla il cielo e osserva,
considera le nubi: sono più alte di te.
AT greco 35,6εἰ ἥμαρτες τί πράξεις εἰ δὲ καὶ πολλὰ ἠνόμησας τί δύνασαι ποιῆσαι
CEI 1974 Gb35,6 Se pecchi, che gli fai?
Se moltiplichi i tuoi delitti, che danno gli arrechi?
AT greco 35,7ἐπεὶ δὲ οὖν δίκαιος εἶ τί δώσεις αὐτῷ ἢ τί ἐκ χειρός σου λήμψεται
CEI 1974 Gb35,7 Se tu sei giusto, che cosa gli dai
o che cosa riceve dalla tua mano?
AT greco 35,8ἀνδρὶ τῷ ὁμοίῳ σου ἡ ἀσέβειά σου καὶ υἱῷ ἀνθρώπου ἡ δικαιοσύνη σου
CEI 1974 Gb35,8 Su un uomo come te ricade la tua malizia,
su un figlio d`uomo la tua giustizia!
AT greco 35,9ἀπὸ πλήθους συκοφαντούμενοι κεκράξονται βοήσονται ἀπὸ βραχίονος πολλῶν
CEI 1974 Gb Si grida per la gravità dell`oppressione,
si invoca aiuto sotto il braccio dei potenti,
35,9-13 La preghiera inascoltata è quella fatta senza umiltà e senza fede.
AT greco 35,10καὶ οὐκ εἶπεν ποῦ ἐστιν ὁ θεὸς ὁ ποιήσας με ὁ κατατάσσων φυλακὰς νυκτερινάς
CEI 1974 Gb35,10 ma non si dice: "Dov`è quel Dio che mi ha creato,
che concede nella notte canti di gioia;
AT greco 35,11ὁ διορίζων με ἀπὸ τετραπόδων γῆς ἀπὸ δὲ πετεινῶν οὐρανοῦ
CEI 1974 Gb35,11 che ci rende più istruiti delle bestie selvatiche,
che ci fa più saggi degli uccelli del cielo?".
AT greco 35,12ἐκεῖ κεκράξονται καὶ οὐ μὴ εἰσακούσῃ καὶ ἀπὸ ὕβρεως πονηρῶν
CEI 1974 Gb35,12 Si grida, allora, ma egli non risponde
di fronte alla superbia dei malvagi.
AT greco 35,13ἄτοπα γὰρ οὐ βούλεται ὁ κύριος ἰδεῖν αὐτὸς γὰρ ὁ παντοκράτωρ ὁρατής ἐστιν
CEI 1974 Gb35,13 Certo è falso dire: "Dio non ascolta
e l`Onnipotente non presta attenzione";
AT greco 35,14τῶν συντελούντων τὰ ἄνομα καὶ σώσει με κρίθητι δὲ ἐναντίον αὐτοῦ εἰ δύνασαι αἰνέσαι αὐτόν ὡς ἔστιν
CEI 1974 Gb35,14 più ancora quando tu dici che non lo vedi,
che la tua causa sta innanzi a lui e tu in lui speri;
AT greco 35,15καὶ νῦν ὅτι οὐκ ἔστιν ἐπισκεπτόμενος ὀργὴν αὐτοῦ καὶ οὐκ ἔγνω παραπτώματι σφόδρα
CEI 1974 Gb35,15 così pure quando dici che la sua ira non punisce
né si cura molto dell`iniquità.
AT greco 35,16καὶ Ιωβ ματαίως ἀνοίγει τὸ στόμα αὐτοῦ ἐν ἀγνωσίᾳ ῥήματα βαρύνει
CEI 1974 Gb35,16 Giobbe dunque apre invano la sua bocca
e senza cognizione moltiplica le chiacchiere.