Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
BibbiaEDU-logo

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 1974

AT greco 4 4,1ὑπολαβὼν δὲ Ελιφας ὁ Θαιμανίτης λέγει
CEI 1974 Gb Elifaz il Temanita prese la parola e disse:
4,1 Elifaz è il portavoce della dottrina tradizionale; chi è colpito deve aver peccato; l'innocente non può aspettarsi che bene.
AT greco 4,2μὴ πολλάκις σοι λελάληται ἐν κόπῳ ἰσχὺν δὲ ῥημάτων σου τίς ὑποίσει
CEI 1974 Gb4,2 Se si tenta di parlarti, ti sarà forse gravoso?
Ma chi può trattenere il discorso?
AT greco 4,3εἰ γὰρ σὺ ἐνουθέτησας πολλοὺς καὶ χεῖρας ἀσθενοῦς παρεκάλεσας
CEI 1974 Gb4,3 Ecco, tu hai istruito molti
e a mani fiacche hai ridato vigore;
AT greco 4,4ἀσθενοῦντάς τε ἐξανέστησας ῥήμασιν γόνασίν τε ἀδυνατοῦσιν θάρσος περιέθηκας
CEI 1974 Gb4,4 le tue parole hanno sorretto chi vacillava
e le ginocchia che si piegavano hai rafforzato.
AT greco 4,5νῦν δὲ ἥκει ἐπὶ σὲ πόνος καὶ ἥψατό σου σὺ δὲ ἐσπούδασας
CEI 1974 Gb4,5 Ma ora questo accade a te e ti abbatti;
capita a te e ne sei sconvolto.
AT greco 4,6πότερον οὐχ ὁ φόβος σού ἐστιν ἐν ἀφροσύνῃ καὶ ἡ ἐλπίς σου καὶ ἡ ἀκακία τῆς ὁδοῦ σου
CEI 1974 Gb4,6 La tua pietà non era forse la tua fiducia
e la tua condotta integra, la tua speranza?
AT greco 4,7μνήσθητι οὖν τίς καθαρὸς ὢν ἀπώλετο ἢ πότε ἀληθινοὶ ὁλόρριζοι ἀπώλοντο
CEI 1974 Gb4,7 Ricordalo: quale innocente è mai perito
e quando mai furon distrutti gli uomini retti?
AT greco 4,8καθ’ ὃν τρόπον εἶδον τοὺς ἀροτριῶντας τὰ ἄτοπα οἱ δὲ σπείροντες αὐτὰ ὀδύνας θεριοῦσιν ἑαυτοῖς
CEI 1974 Gb4,8 Per quanto io ho visto, chi coltiva iniquità,
chi semina affanni, li raccoglie.
AT greco 4,9ἀπὸ προστάγματος κυρίου ἀπολοῦνται ἀπὸ δὲ πνεύματος ὀργῆς αὐτοῦ ἀφανισθήσονται
CEI 1974 Gb4,9 A un soffio di Dio periscono
e dallo sfogo della sua ira sono annientati.
AT greco 4,10σθένος λέοντος φωνὴ δὲ λεαίνης γαυρίαμα δὲ δρακόντων ἐσβέσθη
CEI 1974 Gb4,10 Il ruggito del leone e l`urlo del leopardo
e i denti dei leoncelli sono frantumati.
AT greco 4,11μυρμηκολέων ὤλετο παρὰ τὸ μὴ ἔχειν βοράν σκύμνοι δὲ λεόντων ἔλιπον ἀλλήλους
CEI 1974 Gb4,11 Il leone è perito per mancanza di preda
e i figli della leonessa sono stati dispersi.
AT greco 4,12εἰ δέ τι ῥῆμα ἀληθινὸν ἐγεγόνει ἐν λόγοις σου οὐθὲν ἄν σοι τούτων κακὸν ἀπήντησεν πότερον οὐ δέξεταί μου τὸ οὖς ἐξαίσια παρ’ αὐτοῦ
CEI 1974 Gb A me fu recata, furtiva, una parola
e il mio orecchio ne percepì il lieve sussurro.
4,12-16 Allusione a un'ispirazione divina ricevuta nel corso di una visione notturna.
AT greco 4,13φόβοι δὲ καὶ ἠχὼ νυκτερινή ἐπιπίπτων φόβος ἐπ’ ἀνθρώπους
CEI 1974 Gb4,13 ei fantasmi, tra visioni notturne,
quando grava sugli uomini il sonno,
AT greco 4,14φρίκη δέ μοι συνήντησεν καὶ τρόμος καὶ μεγάλως μου τὰ ὀστᾶ συνέσεισεν
CEI 1974 Gb4,14 terrore mi prese e spavento
e tutte le ossa mi fece tremare;
AT greco 4,15καὶ πνεῦμα ἐπὶ πρόσωπόν μου ἐπῆλθεν ἔφριξαν δέ μου τρίχες καὶ σάρκες
CEI 1974 Gb4,15 un vento mi passò sulla faccia,
e il pelo si drizzò sulla mia carne...
AT greco 4,16ἀνέστην καὶ οὐκ ἐπέγνων εἶδον καὶ οὐκ ἦν μορφὴ πρὸ ὀφθαλμῶν μου ἀλλ’ ἢ αὔραν καὶ φωνὴν ἤκουον
CEI 1974 Gb4,16 Stava là ritto uno, di cui non riconobbi l`aspetto,
un fantasma stava davanti ai miei occhi...
Un sussurro..., e una voce mi si fece sentire:
AT greco 4,17τί γάρ μὴ καθαρὸς ἔσται βροτὸς ἐναντίον κυρίου ἢ ἀπὸ τῶν ἔργων αὐτοῦ ἄμεμπτος ἀνήρ
CEI 1974 Gb "Può il mortale essere giusto davanti a Dio
o innocente l`uomo davanti al suo creatore?
4,17-19 Nessuno è perfettamente innocente. 'Case di fango' allude al corpo umano.
AT greco 4,18εἰ κατὰ παίδων αὐτοῦ οὐ πιστεύει κατὰ δὲ ἀγγέλων αὐτοῦ σκολιόν τι ἐπενόησεν
CEI 1974 Gb4,18 Ecco, dei suoi servi egli non si fida
e ai suoi angeli imputa difetti;
AT greco 4,19τοὺς δὲ κατοικοῦντας οἰκίας πηλίνας ἐξ ὧν καὶ αὐτοὶ ἐκ τοῦ αὐτοῦ πηλοῦ ἐσμεν ἔπαισεν αὐτοὺς σητὸς τρόπον
CEI 1974 Gb4,19 quanto più a chi abita case di fango,
che nella polvere hanno il loro fondamento!
Come tarlo sono schiacciati,
AT greco 4,20καὶ ἀπὸ πρωίθεν ἕως ἑσπέρας οὐκέτι εἰσίν παρὰ τὸ μὴ δύνασθαι αὐτοὺς ἑαυτοῖς βοηθῆσαι ἀπώλοντο
CEI 1974 Gb4,20 annientati fra il mattino e la sera:
senza che nessuno ci badi, periscono per sempre.
AT greco 4,21ἐνεφύσησεν γὰρ αὐτοῖς καὶ ἐξηράνθησαν ἀπώλοντο παρὰ τὸ μὴ ἔχειν αὐτοὺς σοφίαν
CEI 1974 Gb4,21 La funicella della loro tenda non viene forse strappata?
Muoiono senza saggezza!".