Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
BibbiaEDU-logo

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 2008

AT greco 40 40,1καὶ ἀπεκρίθη κύριος ὁ θεὸς τῷ Ιωβ καὶ εἶπεν
CEI 2008 Gb Il Signore prese a dire a Giobbe:

40,1-5  Giobbe si dichiara incapace di rispondere
 Giobbe si arrende e tace. È questo il senso dell’espressione Mi metto la mano sulla bocca (v. 4).
AT greco 40,2μὴ κρίσιν μετὰ ἱκανοῦ ἐκκλινεῖ ἐλέγχων θεὸν ἀποκριθήσεται αὐτήν
CEI 2008 Gb40,2"Il censore vuole ancora contendere con l'Onnipotente?
L'accusatore di Dio risponda!".

AT greco 40,3ὑπολαβὼν δὲ Ιωβ λέγει τῷ κυρίῳ
CEI 2008 Gb40,3Giobbe prese a dire al Signore:

AT greco 40,4τί ἔτι ἐγὼ κρίνομαι νουθετούμενος καὶ ἐλέγχων κύριον ἀκούων τοιαῦτα οὐθὲν ὤν ἐγὼ δὲ τίνα ἀπόκρισιν δῶ πρὸς ταῦτα χεῖρα θήσω ἐπὶ στόματί μου
CEI 2008 Gb40,4"Ecco, non conto niente: che cosa ti posso rispondere?
Mi metto la mano sulla bocca.
AT greco 40,5ἅπαξ λελάληκα ἐπὶ δὲ τῷ δευτέρῳ οὐ προσθήσω
CEI 2008 Gb40,5Ho parlato una volta, ma non replicherò,
due volte ho parlato, ma non continuerò".

AT greco 40,6ἔτι δὲ ὑπολαβὼν ὁ κύριος εἶπεν τῷ Ιωβ ἐκ τοῦ νέφους
CEI 2008 GbIl Signore prese a dire a Giobbe in mezzo all'uragano:

40,6-14 Solo il Signore è potente
AT greco 40,7μή ἀλλὰ ζῶσαι ὥσπερ ἀνὴρ τὴν ὀσφύν σου ἐρωτήσω δέ σε σὺ δέ μοι ἀποκρίθητι
CEI 2008 Gb40,7"Cingiti i fianchi come un prode:
io t'interrogherò e tu mi istruirai!
AT greco 40,8μὴ ἀποποιοῦ μου τὸ κρίμα οἴει δέ με ἄλλως σοι κεχρηματικέναι ἢ ἵνα ἀναφανῇς δίκαιος
CEI 2008 Gb40,8Oseresti tu cancellare il mio giudizio,
dare a me il torto per avere tu la ragione?
AT greco 40,9ἦ βραχίων σοί ἐστιν κατὰ τοῦ κυρίου ἢ φωνῇ κατ’ αὐτὸν βροντᾷς
CEI 2008 Gb40,9Hai tu un braccio come quello di Dio
e puoi tuonare con voce pari alla sua?
AT greco 40,10ἀνάλαβε δὴ ὕψος καὶ δύναμιν δόξαν δὲ καὶ τιμὴν ἀμφίεσαι
CEI 2008 Gb40,10Su, órnati pure di maestà e di grandezza,
rivèstiti di splendore e di gloria!
AT greco 40,11ἀπόστειλον δὲ ἀγγέλους ὀργῇ πᾶν δὲ ὑβριστὴν ταπείνωσον
CEI 2008 Gb40,11Effondi pure i furori della tua collera,
guarda ogni superbo e abbattilo,
AT greco 40,12ὑπερήφανον δὲ σβέσον σῆψον δὲ ἀσεβεῖς παραχρῆμα
CEI 2008 Gb40,12guarda ogni superbo e umilialo,
schiaccia i malvagi ovunque si trovino;
AT greco 40,13κρύψον δὲ εἰς γῆν ἔξω ὁμοθυμαδόν τὰ δὲ πρόσωπα αὐτῶν ἀτιμίας ἔμπλησον
CEI 2008 Gb40,13sprofondali nella polvere tutti insieme
e rinchiudi i loro volti nel buio!
AT greco 40,14ὁμολογήσω ἄρα ὅτι δύναται ἡ δεξιά σου σῶσαι
CEI 2008 Gb40,14Allora anch'io ti loderò,
perché hai trionfato con la tua destra.
AT greco 40,15ἀλλὰ δὴ ἰδοὺ θηρία παρὰ σοί χόρτον ἴσα βουσὶν ἐσθίει
CEI 2008 GbEcco, l'ippopotamo che io ho creato al pari di te,
si nutre di erba come il bue.
40,15-24 La forza dell’ippopotamo
Conosciuto come “la bestia” per eccellenza (così potrebbe essere inteso il termine ebraico beemòt), l’ippopotamo è descritto come il simbolo delle forze del male che si oppongono a Dio, ma sono da lui dominate e vinte.
AT greco 40,16ἰδοὺ δὴ ἰσχὺς αὐτοῦ ἐπ’ ὀσφύι ἡ δὲ δύναμις ἐπ’ ὀμφαλοῦ γαστρός
CEI 2008 Gb40,16Guarda, la sua forza è nei fianchi
e il suo vigore nel ventre.
AT greco 40,17ἔστησεν οὐρὰν ὡς κυπάρισσον τὰ δὲ νεῦρα αὐτοῦ συμπέπλεκται
CEI 2008 Gb40,17Rizza la coda come un cedro,
i nervi delle sue cosce s'intrecciano saldi,
AT greco 40,18αἱ πλευραὶ αὐτοῦ πλευραὶ χάλκειαι ἡ δὲ ῥάχις αὐτοῦ σίδηρος χυτός
CEI 2008 Gb40,18le sue vertebre sono tubi di bronzo,
le sue ossa come spranghe di ferro.
AT greco 40,19τοῦτ’ ἔστιν ἀρχὴ πλάσματος κυρίου πεποιημένον ἐγκαταπαίζεσθαι ὑπὸ τῶν ἀγγέλων αὐτοῦ
CEI 2008 Gb40,19Esso è la prima delle opere di Dio;
solo il suo creatore può minacciarlo con la spada.
AT greco 40,20ἐπελθὼν δὲ ἐπ’ ὄρος ἀκρότομον ἐποίησεν χαρμονὴν τετράποσιν ἐν τῷ ταρτάρῳ
CEI 2008 Gb40,20Gli portano in cibo i prodotti dei monti,
mentre tutte le bestie della campagna si trastullano attorno a lui.
AT greco 40,21ὑπὸ παντοδαπὰ δένδρα κοιμᾶται παρὰ πάπυρον καὶ κάλαμον καὶ βούτομον
CEI 2008 Gb40,21Sotto le piante di loto si sdraia,
nel folto del canneto e della palude.
AT greco 40,22σκιάζονται δὲ ἐν αὐτῷ δένδρα μεγάλα σὺν ῥαδάμνοις καὶ κλῶνες ἄγνου
CEI 2008 Gb40,22Lo ricoprono d'ombra le piante di loto,
lo circondano i salici del torrente.
AT greco 40,23ἐὰν γένηται πλήμμυρα οὐ μὴ αἰσθηθῇ πέποιθεν ὅτι προσκρούσει ὁ Ιορδάνης εἰς τὸ στόμα αὐτοῦ
CEI 2008 Gb40,23Ecco, se il fiume si ingrossa, egli non si agita,
anche se il Giordano gli salisse fino alla bocca, resta calmo.
AT greco 40,24ἐν τῷ ὀφθαλμῷ αὐτοῦ δέξεται αὐτόν ἐνσκολιευόμενος τρήσει ῥῖνα
CEI 2008 Gb40,24Chi mai può afferrarlo per gli occhi,
o forargli le narici con un uncino?
AT greco 40,25ἄξεις δὲ δράκοντα ἐν ἀγκίστρῳ περιθήσεις δὲ φορβεὰν περὶ ῥῖνα αὐτοῦ
CEI 2008 GbPuoi tu pescare il Leviatàn con l'amo
e tenere ferma la sua lingua con una corda,
40,25-41,26  Il Leviatàn, mostro terrificante
 Vedi nota a 3,8.
AT greco 40,26εἰ δήσεις κρίκον ἐν τῷ μυκτῆρι αὐτοῦ ψελίῳ δὲ τρυπήσεις τὸ χεῖλος αὐτοῦ
CEI 2008 Gb40,26ficcargli un giunco nelle narici
e forargli la mascella con un gancio?
AT greco 40,27λαλήσει δέ σοι δεήσει ἱκετηρίᾳ μαλακῶς
CEI 2008 Gb40,27Ti rivolgerà forse molte suppliche
o ti dirà dolci parole?
AT greco 40,28θήσεται δὲ διαθήκην μετὰ σοῦ λήμψῃ δὲ αὐτὸν δοῦλον αἰώνιον
CEI 2008 Gb40,28Stipulerà forse con te un'alleanza,
perché tu lo assuma come servo per sempre?
AT greco 40,29παίξῃ δὲ ἐν αὐτῷ ὥσπερ ὀρνέῳ ἢ δήσεις αὐτὸν ὥσπερ στρουθίον παιδίῳ
CEI 2008 Gb40,29Scherzerai con lui come un passero,
legandolo per le tue bambine?
AT greco 40,30ἐνσιτοῦνται δὲ ἐν αὐτῷ ἔθνη μεριτεύονται δὲ αὐτὸν φοινίκων γένη
CEI 2008 Gb40,30Faranno affari con lui gli addetti alla pesca,
e lo spartiranno tra i rivenditori?
AT greco 40,31πᾶν δὲ πλωτὸν συνελθὸν οὐ μὴ ἐνέγκωσιν βύρσαν μίαν οὐρᾶς αὐτοῦ καὶ ἐν πλοίοις ἁλιέων κεφαλὴν αὐτοῦ
CEI 2008 Gb40,31Crivellerai tu di dardi la sua pelle
e con la fiocina la sua testa?
AT greco 40,32ἐπιθήσεις δὲ αὐτῷ χεῖρα μνησθεὶς πόλεμον τὸν γινόμενον ἐν σώματι αὐτοῦ καὶ μηκέτι γινέσθω
CEI 2008 Gb40,32Prova a mettere su di lui la tua mano:
al solo ricordo della lotta, non ci riproverai!