Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
32
33
34
35
36
37
38
39
40
41
42
BibbiaEDU-logo

Giobbe

AT greco Torna al libro

CEI 1974

AT greco 9 9,1ὑπολαβὼν δὲ Ιωβ λέγει
CEI 1974 Gb Giobbe rispose dicendo:
9,1 Che Dio sia giusto Giobbe lo sa, ma sa anche di essere innocente.
AT greco 9,2ἐπ’ ἀληθείας οἶδα ὅτι οὕτως ἐστίν πῶς γὰρ ἔσται δίκαιος βροτὸς παρὰ κυρίῳ
CEI 1974 Gb9,2 In verità io so che è così:
e come può un uomo aver ragione innanzi a Dio?
AT greco 9,3ἐὰν γὰρ βούληται κριθῆναι αὐτῷ οὐ μὴ ὑπακούσῃ αὐτῷ ἵνα μὴ ἀντείπῃ πρὸς ἕνα λόγον αὐτοῦ ἐκ χιλίων
CEI 1974 Gb9,3 Se uno volesse disputare con lui,
non gli risponderebbe una volta su mille.
AT greco 9,4σοφὸς γάρ ἐστιν διανοίᾳ κραταιός τε καὶ μέγας τίς σκληρὸς γενόμενος ἐναντίον αὐτοῦ ὑπέμεινεν
CEI 1974 Gb9,4 Saggio di mente, potente per la forza,
chi s`è opposto a lui ed è rimasto salvo?
AT greco 9,5ὁ παλαιῶν ὄρη καὶ οὐκ οἴδασιν ὁ καταστρέφων αὐτὰ ὀργῇ
CEI 1974 Gb Sposta le montagne e non lo sanno,
egli nella sua ira le sconvolge.
9,5-7 I terremoti e le eclissi erano considerate manifestazioni dell'onnipotenza divina. Le colonne della terra sono quelle sulle quali, scendono l'antica cosmogonia, poggiava la terra.
AT greco 9,6ὁ σείων τὴν ὑπ’ οὐρανὸν ἐκ θεμελίων οἱ δὲ στῦλοι αὐτῆς σαλεύονται
CEI 1974 Gb9,6 Scuote la terra dal suo posto
e le sue colonne tremano.
AT greco 9,7ὁ λέγων τῷ ἡλίῳ καὶ οὐκ ἀνατέλλει κατὰ δὲ ἄστρων κατασφραγίζει
CEI 1974 Gb9,7 Comanda al sole ed esso non sorge
e alle stelle pone il suo sigillo.
AT greco 9,8ὁ τανύσας τὸν οὐρανὸν μόνος καὶ περιπατῶν ὡς ἐπ’ ἐδάφους ἐπὶ θαλάσσης
CEI 1974 Gb9,8 Egli da solo stende i cieli
e cammina sulle onde del mare.
AT greco 9,9ὁ ποιῶν Πλειάδα καὶ ἕσπερον καὶ ἀρκτοῦρον καὶ ταμίεια νότου
CEI 1974 Gb9,9 Crea l`Orsa e l`Orione,
le Pleiadi e i penetrali del cielo australe.
AT greco 9,10ὁ ποιῶν μεγάλα καὶ ἀνεξιχνίαστα ἔνδοξά τε καὶ ἐξαίσια ὧν οὐκ ἔστιν ἀριθμός
CEI 1974 Gb9,10 Fa cose tanto grandi da non potersi indagare,
meraviglie da non potersi contare.
AT greco 9,11ἐὰν ὑπερβῇ με οὐ μὴ ἴδω καὶ ἐὰν παρέλθῃ με οὐδ’ ὧς ἔγνων
CEI 1974 Gb9,11 Ecco, mi passa vicino e non lo vedo,
se ne va e di lui non m`accorgo.
AT greco 9,12ἐὰν ἀπαλλάξῃ τίς ἀποστρέψει ἢ τίς ἐρεῖ αὐτῷ τί ἐποίησας
CEI 1974 Gb9,12 Se rapisce qualcosa, chi lo può impedire?
Chi gli può dire: "Che fai?".
AT greco 9,13αὐτὸς γὰρ ἀπέστραπται ὀργήν ὑπ’ αὐτοῦ ἐκάμφθησαν κήτη τὰ ὑπ’ οὐρανόν
CEI 1974 Gb Dio non ritira la sua collera:
sotto di lui sono fiaccati i sostenitori di Raab.
9,13 Raab è un mostro del caos primitivo: rappresenta il mare.
AT greco 9,14ἐὰν δέ μου ὑπακούσηται ἦ διακρινεῖ τὰ ῥήματά μου
CEI 1974 Gb9,14 Tanto meno io potrei rispondergli,
trovare parole da dirgli!
AT greco 9,15ἐάν τε γὰρ ὦ δίκαιος οὐκ εἰσακούσεταί μου τοῦ κρίματος αὐτοῦ δεηθήσομαι
CEI 1974 Gb9,15 Se avessi anche ragione, non risponderei,
al mio giudice dovrei domandare pietà.
AT greco 9,16ἐάν τε καλέσω καὶ ὑπακούσῃ οὐ πιστεύω ὅτι εἰσακήκοέν μου
CEI 1974 Gb9,16 Se io lo invocassi e mi rispondesse,
non crederei che voglia ascoltare la mia voce.
AT greco 9,17μὴ γνόφῳ με ἐκτρίψῃ πολλὰ δέ μου τὰ συντρίμματα πεποίηκεν διὰ κενῆς
CEI 1974 Gb9,17 Egli con una tempesta mi schiaccia,
moltiplica le mie piaghe senza ragione,
AT greco 9,18οὐκ ἐᾷ γάρ με ἀναπνεῦσαι ἐνέπλησεν δέ με πικρίας
CEI 1974 Gb9,18 non mi lascia riprendere il fiato,
anzi mi sazia di amarezze.
AT greco 9,19ὅτι μὲν γὰρ ἰσχύι κρατεῖ τίς οὖν κρίματι αὐτοῦ ἀντιστήσεται
CEI 1974 Gb Se si tratta di forza, è lui che dà il vigore;
se di giustizia, chi potrà citarlo?
9,19 Giobbe è così sicuro della sua innocenza da ritenere che, se potesse citare Dio in tribunale in condizioni di parità, avrebbe ragione: cfr vv. 32-33.
AT greco 9,20ἐὰν γὰρ ὦ δίκαιος τὸ στόμα μου ἀσεβήσει ἐάν τε ὦ ἄμεμπτος σκολιὸς ἀποβήσομαι
CEI 1974 Gb9,20 Se avessi ragione, il mio parlare mi condannerebbe;
se fossi innocente, egli proverebbe che io sono reo.
AT greco 9,21εἴτε γὰρ ἠσέβησα οὐκ οἶδα τῇ ψυχῇ πλὴν ὅτι ἀφαιρεῖταί μου ἡ ζωή
CEI 1974 Gb9,21 Sono innocente? Non lo so neppure io,
detesto la mia vita!
AT greco 9,22διὸ εἶπον μέγαν καὶ δυνάστην ἀπολλύει ὀργή
CEI 1974 Gb Per questo io dico: "E` la stessa cosa":
egli fa perire l`innocente e il reo!
9,22 In risposta alla tesi di Bildad (cfr. 8, 1), afferma che le sventure colpiscono indiscriminatamente buoni e cattivi.
AT greco 9,23ὅτι φαῦλοι ἐν θανάτῳ ἐξαισίῳ ἀλλὰ δίκαιοι καταγελῶνται
CEI 1974 Gb9,23 Se un flagello uccide all`improvviso,
della sciagura degli innocenti egli ride.
AT greco 9,24παραδέδονται γὰρ εἰς χεῖρας ἀσεβοῦς πρόσωπα κριτῶν αὐτῆς συγκαλύπτει εἰ δὲ μὴ αὐτός τίς ἐστιν
CEI 1974 Gb La terra è lasciata in balìa del malfattore:
egli vela il volto dei suoi giudici;
se non lui, chi dunque sarà?
9,24 Secondo l'antica mentalità ebraica, che non distingueva tra i vari aspetti della casualità divina, tra intervento diretto e permissione, Giobbe afferma che è Dio ad accecare i magistrati che giudicano male.
AT greco 9,25ὁ δὲ βίος μού ἐστιν ἐλαφρότερος δρομέως ἀπέδρασαν καὶ οὐκ εἴδοσαν
CEI 1974 Gb9,25 I miei giorni passano più veloci d`un corriere,
fuggono senza godere alcun bene,
AT greco 9,26ἦ καὶ ἔστιν ναυσὶν ἴχνος ὁδοῦ ἢ ἀετοῦ πετομένου ζητοῦντος βοράν
CEI 1974 Gb9,26 volano come barche di giunchi,
come aquila che piomba sulla preda.
AT greco 9,27ἐάν τε γὰρ εἴπω ἐπιλήσομαι λαλῶν συγκύψας τῷ προσώπῳ στενάξω
CEI 1974 Gb9,27 Se dico: "Voglio dimenticare il mio gemito,
cambiare il mio volto ed essere lieto",
AT greco 9,28σείομαι πᾶσιν τοῖς μέλεσιν οἶδα γὰρ ὅτι οὐκ ἀθῷόν με ἐάσεις
CEI 1974 Gb9,28 mi spavento per tutti i miei dolori;
so bene che non mi dichiarerai innocente.
AT greco 9,29ἐπειδὴ δέ εἰμι ἀσεβής διὰ τί οὐκ ἀπέθανον
CEI 1974 Gb9,29 Se sono colpevole,
perché affaticarmi invano?
AT greco 9,30ἐὰν γὰρ ἀπολούσωμαι χιόνι καὶ ἀποκαθάρωμαι χερσὶν καθαραῖς
CEI 1974 Gb9,30 Anche se mi lavassi con la neve
e pulissi con la soda le mie mani,
AT greco 9,31ἱκανῶς ἐν ῥύπῳ με ἔβαψας ἐβδελύξατο δέ με ἡ στολή
CEI 1974 Gb9,31 allora tu mi tufferesti in un pantano
e in orrore mi avrebbero le mie vesti.
AT greco 9,32οὐ γὰρ εἶ ἄνθρωπος κατ’ ἐμέ ᾧ ἀντικρινοῦμαι ἵνα ἔλθωμεν ὁμοθυμαδὸν εἰς κρίσιν
CEI 1974 Gb9,32 Poiché non è uomo come me, che io possa rispondergli:
"Presentiamoci alla pari in giudizio".
AT greco 9,33εἴθε ἦν ὁ μεσίτης ἡμῶν καὶ ἐλέγχων καὶ διακούων ἀνὰ μέσον ἀμφοτέρων
CEI 1974 Gb9,33 Non c`è fra noi due un arbitro
che ponga la mano su noi due.
AT greco 9,34ἀπαλλαξάτω ἀπ’ ἐμοῦ τὴν ῥάβδον ὁ δὲ φόβος αὐτοῦ μή με στροβείτω
CEI 1974 Gb9,34 Allontani da me la sua verga
sì che non mi spaventi il suo terrore:
AT greco 9,35καὶ οὐ μὴ φοβηθῶ ἀλλὰ λαλήσω οὐ γὰρ οὕτω συνεπίσταμαι
CEI 1974 Gb9,35 allora io potrò parlare senza temerlo,
perché così non sono in me stesso.