Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Genesi

AT greco Torna al libro

Interconfessionale Vai al libro

AT greco 12 12,1 καὶ εἶπεν κύριος τῷ Αβραμ ἔξελθε ἐκ τῆς γῆς σου καὶ ἐκ τῆς συγγενείας σου καὶ ἐκ τοῦ οἴκου τοῦ πατρός σου εἰς τὴν γῆν ἣν ἄν σοι δείξω
Interconfessionale Il Signore disse ad Abram: «Lascia la tua terra, i tuoi parenti, la casa di tuo padre, e va’ nella terra che io ti indicherò.
12,1 Abram (= Abramo) Gs 24,3; Is 51,2; Sap 10,5; Sir 44,19-21; At 7,2-4; Eb 11,8-10. 12,1 Abram: questo nome sarà più tardi (vedi 17,5) mutato da Dio in quello di Abramo (Abraham). Però i nostri titoli fin d’ora usano il nome Abramo come fa lo stesso Nuovo Testamento quando si riferisce a Genesi 12-16 (vedi Atti 7,2-3; Ebrei 11,8).
AT greco 12,2 καὶ ποιήσω σε εἰς ἔθνος μέγα καὶ εὐλογήσω σε καὶ μεγαλυνῶ τὸ ὄνομά σου καὶ ἔσῃ εὐλογητός
Interconfessionale Farò di te una grande nazione. Il tuo nome diventerà famoso. Ti benedirò. Sarai fonte di benedizione.
12,2 un popolo numeroso Gal 3,16; Eb 11,12. 12,2–7 In 12,2-3.7 si leggono le tre promesse che Dio ha fatto ad Abramo. Sono un ritornello lungo tutto il racconto del libro della Genesi. Esse orientano lo sguardo del lettore verso un lontano futuro: 1) La promessa di farlo diventare una grande nazione, ossia un popolo numeroso (vedi 13,16; 15,5; 17,4-6; 22,17; 26,4.24; 28,14; 35,11; 47,27; 48,4); 2) La promessa di benedire per mezzo suo tutti i popoli della terra (vedi 18,18; 22,18; 26,4; 28,14); 3) La promessa della terra ai suoi discendenti (vedi 12,7; 13,15; 15,18; 17,8; 26,3; 28,13; 35,12; 48,4).
AT greco 12,3 καὶ εὐλογήσω τοὺς εὐλογοῦντάς σε καὶ τοὺς καταρωμένους σε καταράσομαι καὶ ἐνευλογηθήσονται ἐν σοὶ πᾶσαι αἱ φυλαὶ τῆς γῆς
Interconfessionale Benedirò chi ti farà del bene. Maledirò chi ti farà del male. Per mezzo tuo saranno benedetti tutti i popoli della terra».
12,3 benedirò… 27,29; Nm 24,9.
AT greco 12,4 καὶ ἐπορεύθη Αβραμ καθάπερ ἐλάλησεν αὐτῷ κύριος καὶ ᾤχετο μετ’ αὐτοῦ Λωτ Αβραμ δὲ ἦν ἐτῶν ἑβδομήκοντα πέντε ὅτε ἐξῆλθεν ἐκ Χαρραν
AT greco 12,5 καὶ ἔλαβεν Αβραμ τὴν Σαραν γυναῖκα αὐτοῦ καὶ τὸν Λωτ υἱὸν τοῦ ἀδελφοῦ αὐτοῦ καὶ πάντα τὰ ὑπάρχοντα αὐτῶν ὅσα ἐκτήσαντο καὶ πᾶσαν ψυχήν ἣν ἐκτήσαντο ἐν Χαρραν καὶ ἐξήλθοσαν πορευθῆναι εἰς γῆν Χανααν καὶ ἦλθον εἰς γῆν Χανααν
AT greco 12,6 καὶ διώδευσεν Αβραμ τὴν γῆν εἰς τὸ μῆκος αὐτῆς ἕως τοῦ τόπου Συχεμ ἐπὶ τὴν δρῦν τὴν ὑψηλήν οἱ δὲ Χαναναῖοι τότε κατῴκουν τὴν γῆν
Interconfessionale e Abram attraversò quella regione fino a Sichem, alla Quercia di More. I Cananei erano allora gli abitanti di quella terra.
12,6 Sichem 33,18-20; Gs 24; 1Re 12,1-16; Gv 4,5 (= Sicàr). 12,6 Sichem si trova a circa 50 km a nord di Gerusalemme.
AT greco 12,7 καὶ ὤφθη κύριος τῷ Αβραμ καὶ εἶπεν αὐτῷ τῷ σπέρματί σου δώσω τὴν γῆν ταύτην καὶ ᾠκοδόμησεν ἐκεῖ Αβραμ θυσιαστήριον κυρίῳ τῷ ὀφθέντι αὐτῷ
Interconfessionale 12,7 Il Signore apparve ad Abram e gli disse: «Questa è la terra che io darò ai tuoi discendenti». E in quel luogo Abram costruì un altare per il Signore che gli era apparso.
AT greco 12,8 καὶ ἀπέστη ἐκεῖθεν εἰς τὸ ὄρος κατ’ ἀνατολὰς Βαιθηλ καὶ ἔστησεν ἐκεῖ τὴν σκηνὴν αὐτοῦ Βαιθηλ κατὰ θάλασσαν καὶ Αγγαι κατ’ ἀνατολάς καὶ ᾠκοδόμησεν ἐκεῖ θυσιαστήριον τῷ κυρίῳ καὶ ἐπεκαλέσατο ἐπὶ τῷ ὀνόματι κυρίου
Interconfessionale Poi si trasferì verso la montagna che si trova a est di Betel. Piantò la sua tenda a mezza strada tra Betel a ovest e Ai a est. Costruì un altare invocò il Signore.
12,8 Betel 28,10-22; Gdc 1,22-26; 20,26-27; 1Re 12,29-13,34; Am 4,4; 5,5-6; 7,10-13. 12,8 Betel è a circa 15 km a nord di Gerusalemme; il suo nome significa casa di Dio (vedi nota a 28,19).
AT greco 12,9 καὶ ἀπῆρεν Αβραμ καὶ πορευθεὶς ἐστρατοπέδευσεν ἐν τῇ ἐρήμῳ
Interconfessionale Poi, a tappe, si diresse verso il Negheb.
12,9 Negheb: regione semideserta nel sud della Palestina.
AT greco 12,10 καὶ ἐγένετο λιμὸς ἐπὶ τῆς γῆς καὶ κατέβη Αβραμ εἰς Αἴγυπτον παροικῆσαι ἐκεῖ ὅτι ἐνίσχυσεν ὁ λιμὸς ἐπὶ τῆς γῆς
Interconfessionale Una grave carestia colpì la terra di Canaan. Per evitarla Abram emigrò in Egitto.
12,10–20 In 20,1-18 e 26,6-11 vi sono altri due racconti analoghi a quello di 12,10-20: il primo si riferisce ancora ad Abramo, il secondo a Isacco. 12,10–20 soggiorno in Egitto 20; 26,1-11; Sal 105,13-15.
AT greco 12,11 ἐγένετο δὲ ἡνίκα ἤγγισεν Αβραμ εἰσελθεῖν εἰς Αἴγυπτον εἶπεν Αβραμ Σαρα τῇ γυναικὶ αὐτοῦ γινώσκω ἐγὼ ὅτι γυνὴ εὐπρόσωπος εἶ
Interconfessionale 12,11 Prima di arrivarci disse a Sarài, sua moglie «Tu sei una donna molto bella.
AT greco 12,12 ἔσται οὖν ὡς ἂν ἴδωσίν σε οἱ Αἰγύπτιοι ἐροῦσιν ὅτι γυνὴ αὐτοῦ αὕτη καὶ ἀποκτενοῦσίν με σὲ δὲ περιποιήσονται
Interconfessionale 12,12 Quando gli Egiziani ti vedranno penseranno che sei mia moglie, allora mi uccideranno e lasceranno in vita te.
AT greco 12,13 εἰπὸν οὖν ὅτι ἀδελφὴ αὐτοῦ εἰμι ὅπως ἂν εὖ μοι γένηται διὰ σέ καὶ ζήσεται ἡ ψυχή μου ἕνεκεν σοῦ
Interconfessionale Ti prego, di’ a tutti che sei mia sorella. Così, grazie a te, invece di uccidermi, mi tratteranno bene».
12,13 mia sorella: secondo 20,12, Sarài era effettivamente sorellastra di Abram.
AT greco 12,14 ἐγένετο δὲ ἡνίκα εἰσῆλθεν Αβραμ εἰς Αἴγυπτον ἰδόντες οἱ Αἰγύπτιοι τὴν γυναῖκα ὅτι καλὴ ἦν σφόδρα
Interconfessionale 12,14 Infatti, appena giunsero in Egitto, gli Egiziani videro che Sarài era bellissima.
AT greco 12,15 καὶ εἶδον αὐτὴν οἱ ἄρχοντες Φαραω καὶ ἐπῄνεσαν αὐτὴν πρὸς Φαραω καὶ εἰσήγαγον αὐτὴν εἰς τὸν οἶκον Φαραω
Interconfessionale Alcuni funzionari la notarono e lodarono la sua bellezza parlandone con il faraone. Così fu portata al palazzo reale
12,15 faraone: titolo dato al re d’Egitto a partire dal XV secolo a.C. significa grande casa.
AT greco 12,16 καὶ τῷ Αβραμ εὖ ἐχρήσαντο δι’ αὐτήν καὶ ἐγένοντο αὐτῷ πρόβατα καὶ μόσχοι καὶ ὄνοι παῖδες καὶ παιδίσκαι ἡμίονοι καὶ κάμηλοι
Interconfessionale 12,16 e grazie a lei trattarono molto bene Abram: gli regalarono pecore, buoi, asini e asine, serve e servi e cammelli.
AT greco 12,17 καὶ ἤτασεν ὁ θεὸς τὸν Φαραω ἐτασμοῖς μεγάλοις καὶ πονηροῖς καὶ τὸν οἶκον αὐτοῦ περὶ Σαρας τῆς γυναικὸς Αβραμ
Interconfessionale 12,17 Ma il Signore colpì il faraone e la sua casa con gravi malattie perché aveva preso Sarài, la moglie di Abram.
AT greco 12,18 καλέσας δὲ Φαραω τὸν Αβραμ εἶπεν τί τοῦτο ἐποίησάς μοι ὅτι οὐκ ἀπήγγειλάς μοι ὅτι γυνή σού ἐστιν
Interconfessionale 12,18 Il faraone allora chiamò Abram e gli disse: «Che cosa mi hai combinato? Perché non mi hai fatto sapere che è tua moglie?
AT greco 12,19 ἵνα τί εἶπας ὅτι ἀδελφή μού ἐστιν καὶ ἔλαβον αὐτὴν ἐμαυτῷ εἰς γυναῖκα καὶ νῦν ἰδοὺ ἡ γυνή σου ἐναντίον σου λαβὼν ἀπότρεχε
Interconfessionale 12,19 Mi ha raccontato che era tua sorella e hai lasciato chi io la prendessi per moglie! Ora riprenditela e vattene!».
AT greco 12,20 καὶ ἐνετείλατο Φαραω ἀνδράσιν περὶ Αβραμ συμπροπέμψαι αὐτὸν καὶ τὴν γυναῖκα αὐτοῦ καὶ πάντα ὅσα ἦν αὐτῷ καὶ Λωτ μετ’ αὐτοῦ
Interconfessionale 12,20 Il faraone diede ordine di far partire Abram con sua moglie e tutto quello che possedeva.