Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
BibbiaEDU-logo

Proverbi

AT greco Torna al libro

CEI 2008

AT greco 25 25,1αὗται αἱ παιδεῖαι σαλωμῶντος αἱ ἀδιάκριτοι ἃς ἐξεγράψαντο οἱ φίλοι Εζεκιου τοῦ βασιλέως τῆς Ιουδαίας
CEI 2008 PrAnche questi sono proverbi di Salomone, raccolti dagli uomini di Ezechia, re di Giuda.

25,1 ALTRI PROVERBI DI SALOMONE RACCOLTI DAGLI UOMINI DI EZECHIA, RE DI GIUDA (25,1-29,27)
-29,27 La quinta raccolta di proverbi, che qui inizia e si protrae fino a 29,27, è abbastanza ampia. Anche questa è attribuita a Salomone, il sovrano saggio per eccellenza. Come è detto in 25,1, si tratta di proverbi e massime fissati nello scritto al tempo del re Ezechia (VIII-VII sec.).  Massime, consigli, raccomandazioni  Ezechia: regnò in Gerusalemme dal 716 al 687 circa, al tempo del profeta Isaia. Gli uomini erano probabilmente gli scribi della corte reale.
AT greco 25,2δόξα θεοῦ κρύπτει λόγον δόξα δὲ βασιλέως τιμᾷ πράγματα
CEI 2008 Pr25,2È gloria di Dio nascondere le cose,
è gloria dei re investigarle.
AT greco 25,3οὐρανὸς ὑψηλός γῆ δὲ βαθεῖα καρδία δὲ βασιλέως ἀνεξέλεγκτος
CEI 2008 Pr25,3I cieli per la loro altezza, la terra per la sua profondità
e il cuore dei re sono inesplorabili.
AT greco 25,4τύπτε ἀδόκιμον ἀργύριον καὶ καθαρισθήσεται καθαρὸν ἅπαν
CEI 2008 Pr25,4Togli le scorie dall'argento
e l'orafo ne farà un bel vaso;
AT greco 25,5κτεῖνε ἀσεβεῖς ἐκ προσώπου βασιλέως καὶ κατορθώσει ἐν δικαιοσύνῃ ὁ θρόνος αὐτοῦ
CEI 2008 Pr25,5togli il malvagio dalla presenza del re
e il suo trono si stabilirà sulla giustizia.
AT greco 25,6μὴ ἀλαζονεύου ἐνώπιον βασιλέως μηδὲ ἐν τόποις δυναστῶν ὑφίστασο
CEI 2008 Pr25,6Non darti arie davanti al re
e non metterti al posto dei grandi,
AT greco 25,7κρεῖσσον γάρ σοι τὸ ῥηθῆναι ἀνάβαινε πρός με ἢ ταπεινῶσαί σε ἐν προσώπῳ δυνάστου ἃ εἶδον οἱ ὀφθαλμοί σου λέγε
CEI 2008 Prperché è meglio sentirsi dire: "Sali quassù",
piuttosto che essere umiliato davanti a uno più importante.
Ciò che i tuoi occhi hanno visto,
25,7 è meglio sentirsi dire: è interessante confrontare questo passo con Lc 14,7-11.
AT greco 25,8μὴ πρόσπιπτε εἰς μάχην ταχέως ἵνα μὴ μεταμεληθῇς ἐπ’ ἐσχάτων ἡνίκα ἄν σε ὀνειδίσῃ ὁ σὸς φίλος
CEI 2008 Pr25,8non esibirlo troppo in fretta in un processo;
altrimenti che farai alla fine,
quando il tuo prossimo ti svergognerà?
AT greco 25,9ἀναχώρει εἰς τὰ ὀπίσω μὴ καταφρόνει
CEI 2008 Pr25,9La tua causa discutila con il tuo vicino,
ma non rivelare il segreto altrui,
AT greco 25,10χάρις καὶ φιλία ἐλευθεροῖ ἃς τήρησον σεαυτῷ ἵνα μὴ ἐπονείδιστος γένῃ ἀλλὰ φύλαξον τὰς ὁδούς σου εὐσυναλλάκτως
CEI 2008 Pr25,10perché chi ti ascolta non ti biasimi
e il tuo discredito sarebbe irreparabile.
AT greco 25,11μῆλον χρυσοῦν ἐν ὁρμίσκῳ σαρδίου οὕτως εἰπεῖν λόγον
CEI 2008 Pr25,11Come mele d'oro su vassoio d'argento cesellato,
è una parola detta a suo tempo.
AT greco 25,12εἰς ἐνώτιον χρυσοῦν σάρδιον πολυτελὲς δέδεται λόγος σοφὸς εἰς εὐήκοον οὖς
CEI 2008 Pr25,12Come anello d'oro e collana preziosa
è un saggio che ammonisce un orecchio attento.
AT greco 25,13ὥσπερ ἔξοδος χιόνος ἐν ἀμήτῳ κατὰ καῦμα ὠφελεῖ οὕτως ἄγγελος πιστὸς τοὺς ἀποστείλαντας αὐτόν ψυχὰς γὰρ τῶν αὐτῷ χρωμένων ὠφελεῖ
CEI 2008 Pr25,13Come il fresco di neve al tempo della mietitura
è un messaggero fedele per chi lo manda:
egli rinfranca l'animo del suo signore.
AT greco 25,14ὥσπερ ἄνεμοι καὶ νέφη καὶ ὑετοὶ ἐπιφανέστατοι οὕτως οἱ καυχώμενοι ἐπὶ δόσει ψευδεῖ
CEI 2008 Pr25,14Nuvole e vento, ma senza pioggia,
tale è l'uomo che si vanta di regali che non fa.
AT greco 25,15ἐν μακροθυμίᾳ εὐοδία βασιλεῦσιν γλῶσσα δὲ μαλακὴ συντρίβει ὀστᾶ
CEI 2008 Pr25,15Con la pazienza il giudice si lascia persuadere,
una lingua dolce spezza le ossa.
AT greco 25,16μέλι εὑρὼν φάγε τὸ ἱκανόν μήποτε πλησθεὶς ἐξεμέσῃς
CEI 2008 Pr25,16Se hai trovato il miele, mangiane quanto ti basta,
per non esserne nauseato e poi vomitarlo.
AT greco 25,17σπάνιον εἴσαγε σὸν πόδα πρὸς τὸν σεαυτοῦ φίλον μήποτε πλησθείς σου μισήσῃ σε
CEI 2008 Pr25,17Metti di rado il piede in casa del tuo vicino,
perché, stanco di te, non ti prenda in odio.
AT greco 25,18ῥόπαλον καὶ μάχαιρα καὶ τόξευμα ἀκιδωτόν οὕτως καὶ ἀνὴρ ὁ καταμαρτυρῶν τοῦ φίλου αὐτοῦ μαρτυρίαν ψευδῆ
CEI 2008 Pr25,18Mazza, spada e freccia acuta
è colui che depone il falso contro il suo prossimo.
AT greco 25,19ὀδοὺς κακοῦ καὶ ποὺς παρανόμου ὀλεῖται ἐν ἡμέρᾳ κακῇ
CEI 2008 Pr25,19Quale dente cariato e quale piede slogato,
tale è l'appoggio del perfido nel giorno della sventura.
AT greco 25,20ὥσπερ σὴς ἱματίῳ καὶ σκώληξ ξύλῳ οὕτως λύπη ἀνδρὸς βλάπτει καρδίαν
CEI 2008 Pr25,20Come chi toglie il mantello in un giorno di freddo
e come chi versa aceto su una piaga viva,
tale è colui che canta canzoni a un cuore afflitto.
AT greco 25,21ἐὰν πεινᾷ ὁ ἐχθρός σου τρέφε αὐτόν ἐὰν διψᾷ πότιζε αὐτόν
CEI 2008 Pr25,21Se il tuo nemico ha fame, dagli pane da mangiare,
se ha sete, dagli acqua da bere,
AT greco 25,22τοῦτο γὰρ ποιῶν ἄνθρακας πυρὸς σωρεύσεις ἐπὶ τὴν κεφαλὴν αὐτοῦ ὁ δὲ κύριος ἀνταποδώσει σοι ἀγαθά
CEI 2008 Prperché così ammasserai carboni ardenti sul suo capo
e il Signore ti ricompenserà.
25,22 ammasserai carboni ardenti: è un’immagine che significa “far arrossire dalla vergogna” (vedi Rm 12,20).
AT greco 25,23ἄνεμος βορέας ἐξεγείρει νέφη πρόσωπον δὲ ἀναιδὲς γλῶσσαν ἐρεθίζει
CEI 2008 Pr25,23La tramontana porta la pioggia,
la lingua maldicente provoca lo sdegno sul volto.
AT greco 25,24κρεῖττον οἰκεῖν ἐπὶ γωνίας δώματος ἢ μετὰ γυναικὸς λοιδόρου ἐν οἰκίᾳ κοινῇ
CEI 2008 Pr25,24È meglio abitare su un angolo del tetto,
che avere casa in comune con una moglie litigiosa.
AT greco 25,25ὥσπερ ὕδωρ ψυχρὸν ψυχῇ διψώσῃ προσηνές οὕτως ἀγγελία ἀγαθὴ ἐκ γῆς μακρόθεν
CEI 2008 Pr25,25Come acqua fresca per una gola riarsa
è una buona notizia da un paese lontano.
AT greco 25,26ὥσπερ εἴ τις πηγὴν φράσσοι καὶ ὕδατος ἔξοδον λυμαίνοιτο οὕτως ἄκοσμον δίκαιον πεπτωκέναι ἐνώπιον ἀσεβοῦς
CEI 2008 Pr25,26Fontana torbida e sorgente inquinata,
tale è il giusto che vacilla di fronte al malvagio.
AT greco 25,27ἐσθίειν μέλι πολὺ οὐ καλόν τιμᾶν δὲ χρὴ λόγους ἐνδόξους
CEI 2008 Pr25,27Mangiare troppo miele non è bene,
né cercare onori eccessivi.
AT greco 25,28ὥσπερ πόλις τὰ τείχη καταβεβλημένη καὶ ἀτείχιστος οὕτως ἀνὴρ ὃς οὐ μετὰ βουλῆς τι πράσσει
CEI 2008 Pr25,28Una città smantellata, senza mura,
tale è chi non sa dominare se stesso.