Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
BibbiaEDU-logo

Proverbi

AT greco Torna al libro

CEI 2008

AT greco 27 27,1μὴ καυχῶ τὰ εἰς αὔριον οὐ γὰρ γινώσκεις τί τέξεται ἡ ἐπιοῦσα
CEI 2008 PrNon vantarti del domani,
perché non sai neppure che cosa genera l'oggi.
27,1-4 Vanità, ira e gelosia
AT greco 27,2ἐγκωμιαζέτω σε ὁ πέλας καὶ μὴ τὸ σὸν στόμα ἀλλότριος καὶ μὴ τὰ σὰ χείλη
CEI 2008 Pr27,2Ti lodi un estraneo e non la tua bocca,
uno sconosciuto e non le tue labbra.
AT greco 27,3βαρὺ λίθος καὶ δυσβάστακτον ἄμμος ὀργὴ δὲ ἄφρονος βαρυτέρα ἀμφοτέρων
CEI 2008 Pr27,3La pietra è greve, la sabbia è pesante,
ma più d'entrambi la collera dello stolto.
AT greco 27,4ἀνελεήμων θυμὸς καὶ ὀξεῖα ὀργή ἀλλ’ οὐδένα ὑφίσταται ζῆλος
CEI 2008 Pr27,4L'ira è crudele, il furore è impetuoso,
ma alla gelosia chi può resistere?
AT greco 27,5κρείσσους ἔλεγχοι ἀποκεκαλυμμένοι κρυπτομένης φιλίας
CEI 2008 PrMeglio un rimprovero aperto
che un amore nascosto.
27,5-27 L’amicizia e la cura delle cose
AT greco 27,6ἀξιοπιστότερά ἐστιν τραύματα φίλου ἢ ἑκούσια φιλήματα ἐχθροῦ
CEI 2008 Pr27,6Leali sono le ferite di un amico,
ingannevoli i baci di un nemico.
AT greco 27,7ψυχὴ ἐν πλησμονῇ οὖσα κηρίοις ἐμπαίζει ψυχῇ δὲ ἐνδεεῖ καὶ τὰ πικρὰ γλυκεῖα φαίνεται
CEI 2008 Pr27,7Lo stomaco sazio disprezza il miele,
per lo stomaco affamato anche l'amaro è dolce.
AT greco 27,8ὥσπερ ὅταν ὄρνεον καταπετασθῇ ἐκ τῆς ἰδίας νοσσιᾶς οὕτως ἄνθρωπος δουλοῦται ὅταν ἀποξενωθῇ ἐκ τῶν ἰδίων τόπων
CEI 2008 Pr27,8Come un uccello che vola lontano dal nido,
così è l'uomo che va errando lontano da casa.
AT greco 27,9μύροις καὶ οἴνοις καὶ θυμιάμασιν τέρπεται καρδία καταρρήγνυται δὲ ὑπὸ συμπτωμάτων ψυχή
CEI 2008 Pr27,9Profumo e incenso allietano il cuore
e il consiglio dell'amico addolcisce l'animo.
AT greco 27,10φίλον σὸν ἢ φίλον πατρῷον μὴ ἐγκαταλίπῃς εἰς δὲ τὸν οἶκον τοῦ ἀδελφοῦ σου μὴ εἰσέλθῃς ἀτυχῶν κρείσσων φίλος ἐγγὺς ἢ ἀδελφὸς μακρὰν οἰκῶν
CEI 2008 Pr27,10Non abbandonare il tuo amico né quello di tuo padre,
non entrare nella casa di tuo fratello nel giorno della tua disgrazia.
Meglio un amico vicino che un fratello lontano.
AT greco 27,11σοφὸς γίνου υἱέ ἵνα εὐφραίνηταί μου ἡ καρδία καὶ ἀπόστρεψον ἀπὸ σοῦ ἐπονειδίστους λόγους
CEI 2008 Pr27,11Sii saggio, figlio mio, e allieterai il mio cuore;
così avrò di che rispondere a colui che mi insulta.
AT greco 27,12πανοῦργος κακῶν ἐπερχομένων ἀπεκρύβη ἄφρονες δὲ ἐπελθόντες ζημίαν τείσουσιν
CEI 2008 Pr27,12L'accorto vede il pericolo e si nasconde,
gli inesperti vanno avanti e la pagano.
AT greco 27,13ἀφελοῦ τὸ ἱμάτιον αὐτοῦ παρῆλθεν γάρ ὑβριστὴς ὅστις τὰ ἀλλότρια λυμαίνεται
CEI 2008 Pr27,13Prendigli il vestito perché si è fatto garante per un estraneo,
e tienilo in pegno per uno sconosciuto.
AT greco 27,14ὃς ἂν εὐλογῇ φίλον τὸ πρωὶ μεγάλῃ τῇ φωνῇ καταρωμένου οὐδὲν διαφέρειν δόξει
CEI 2008 PrChi benedice il prossimo di buon mattino ad alta voce,
sarà considerato come se lo maledicesse.
27,14 Chi benedice il prossimo…: un richiamo a non esagerare nelle lodi.
AT greco 27,15σταγόνες ἐκβάλλουσιν ἄνθρωπον ἐν ἡμέρᾳ χειμερινῇ ἐκ τοῦ οἴκου αὐτοῦ ὡσαύτως καὶ γυνὴ λοίδορος ἐκ τοῦ ἰδίου οἴκου
CEI 2008 Pr27,15Lo stillicidio incessante in tempo di pioggia
e una moglie litigiosa si rassomigliano:
AT greco 27,16βορέας σκληρὸς ἄνεμος ὀνόματι δὲ ἐπιδέξιος καλεῖται
CEI 2008 Pr27,16chi vuole trattenerla, trattiene il vento
e raccoglie l'olio con la mano destra.
AT greco 27,17σίδηρος σίδηρον ὀξύνει ἀνὴρ δὲ παροξύνει πρόσωπον ἑταίρου
CEI 2008 Pr27,17Il ferro si aguzza con il ferro
e l'uomo aguzza l'ingegno del suo compagno.
AT greco 27,18ὃς φυτεύει συκῆν φάγεται τοὺς καρποὺς αὐτῆς ὃς δὲ φυλάσσει τὸν ἑαυτοῦ κύριον τιμηθήσεται
CEI 2008 Pr27,18Chi custodisce un fico ne mangia i frutti,
chi ha cura del suo padrone ne riceverà onori.
AT greco 27,19ὥσπερ οὐχ ὅμοια πρόσωπα προσώποις οὕτως οὐδὲ αἱ καρδίαι τῶν ἀνθρώπων
CEI 2008 Pr27,19Come nell'acqua un volto riflette un volto,
così il cuore dell'uomo si riflette nell'altro.
AT greco 27,20βδέλυγμα κυρίῳ στηρίζων ὀφθαλμόν καὶ οἱ ἀπαίδευτοι ἀκρατεῖς γλώσσῃ
CEI 2008 Pr27,20Come il regno dei morti e l'abisso non si saziano mai,
così non si saziano mai gli occhi dell'uomo.
AT greco 27,21καρδία ἀνόμου ἐκζητεῖ κακά καρδία δὲ εὐθὴς ἐκζητεῖ γνῶσιν
CEI 2008 Pr27,21Come il crogiuolo è per l'argento e il forno è per l'oro,
così l'uomo rispetto alla bocca di chi lo loda.
AT greco 27,22ἐὰν μαστιγοῖς ἄφρονα ἐν μέσῳ συνεδρίου ἀτιμάζων οὐ μὴ περιέλῃς τὴν ἀφροσύνην αὐτοῦ
CEI 2008 Pr27,22Anche se tu pestassi lo stolto nel mortaio
tra i grani con il pestello,
non si allontanerebbe da lui la sua stoltezza.
AT greco 27,23γνωστῶς ἐπιγνώσῃ ψυχὰς ποιμνίου σου καὶ ἐπιστήσεις καρδίαν σου σαῖς ἀγέλαις
CEI 2008 Pr27,23Preòccupati dello stato del tuo gregge,
abbi cura delle tue mandrie,
AT greco 27,24ὅτι οὐ τὸν αἰῶνα ἀνδρὶ κράτος καὶ ἰσχύς οὐδὲ παραδίδωσιν ἐκ γενεᾶς εἰς γενεάν
CEI 2008 Pr27,24perché le ricchezze non sono eterne
e una corona non dura per sempre.
AT greco 27,25ἐπιμελοῦ τῶν ἐν τῷ πεδίῳ χλωρῶν καὶ κερεῖς πόαν καὶ σύναγε χόρτον ὀρεινόν
CEI 2008 Pr27,25Tolto il fieno, ricresce l'erba nuova
e si raccolgono i foraggi sui monti;
AT greco 27,26ἵνα ἔχῃς πρόβατα εἰς ἱματισμόν τίμα πεδίον ἵνα ὦσίν σοι ἄρνες
CEI 2008 Pr27,26gli agnelli ti danno le vesti
e i capretti il prezzo per comprare un campo,
AT greco 27,27υἱέ παρ’ ἐμοῦ ἔχεις ῥήσεις ἰσχυρὰς εἰς τὴν ζωήν σου καὶ εἰς τὴν ζωὴν σῶν θεραπόντων
CEI 2008 Pr27,27le capre ti danno latte abbondante per nutrire te,
per nutrire la tua famiglia e mantenere le tue domestiche.