Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

BibbiaEDU-logo

Siracide

AT greco Torna al libro

CEI 2008

AT greco 21 21,1τέκνον ἥμαρτες μὴ προσθῇς μηκέτι καὶ περὶ τῶν προτέρων σου δεήθητι
CEI 2008 Sir Figlio, hai peccato? Non farlo più
e chiedi perdono per le tue colpe passate.
21,1

21,4b NVg (21,5bc) invece: e la casa troppo ricca sarà svuotata dalla superbia; / così pure gli averi del superbo svaniranno.
21,12b NVg (21,15) invece: che abbonda nel male / e dove c’è amarezza non vi può essere serenità d’animo.
21,28b NVg (21,31bc) aggiunge: e chi resta con lui si rende odioso; / chi è silenzioso e assennato sarà onorato


Fuggire il peccato
AT greco 21,2ὡς ἀπὸ προσώπου ὄφεως φεῦγε ἀπὸ ἁμαρτίας ἐὰν γὰρ προσέλθῃς δήξεταί σε ὀδόντες λέοντος οἱ ὀδόντες αὐτῆς ἀναιροῦντες ψυχὰς ἀνθρώπων
CEI 2008 Sir21,2Come davanti a un serpente, fuggi il peccato:
se ti avvicini, ti morderà.
Denti di leone sono i suoi denti,
capaci di distruggere vite umane.
AT greco 21,3ὡς ῥομφαία δίστομος πᾶσα ἀνομία τῇ πληγῇ αὐτῆς οὐκ ἔστιν ἴασις
CEI 2008 Sir21,3Ogni trasgressione è spada a doppio taglio,
non c'è guarigione alle sue ferite.
AT greco 21,4καταπληγμὸς καὶ ὕβρις ἐρημώσουσιν πλοῦτον οὕτως οἶκος ὑπερηφάνου ἐρημωθήσεται
CEI 2008 Sir21,4Spavento e violenza disperdono la ricchezza,
così la casa del superbo sarà devastata.
AT greco 21,5δέησις πτωχοῦ ἐκ στόματος ἕως ὠτίων αὐτοῦ καὶ τὸ κρίμα αὐτοῦ κατὰ σπουδὴν ἔρχεται
CEI 2008 Sir21,5La preghiera del povero sale agli orecchi di Dio
e il giudizio di lui sarà a suo favore.
AT greco 21,6μισῶν ἐλεγμὸν ἐν ἴχνει ἁμαρτωλοῦ καὶ ὁ φοβούμενος κύριον ἐπιστρέψει ἐν καρδίᾳ
CEI 2008 Sir21,6Chi odia il rimprovero segue le orme del peccatore,
ma chi teme il Signore si converte nel cuore.
AT greco 21,7γνωστὸς μακρόθεν ὁ δυνατὸς ἐν γλώσσῃ ὁ δὲ νοήμων οἶδεν ἐν τῷ ὀλισθάνειν αὐτόν
CEI 2008 Sir21,7Da lontano si conosce chi è abile nel parlare,
ma l'assennato avverte quando inciampa.
AT greco 21,8ὁ οἰκοδομῶν τὴν οἰκίαν αὐτοῦ ἐν χρήμασιν ἀλλοτρίοις ὡς συνάγων αὐτοῦ τοὺς λίθους εἰς χειμῶνα
CEI 2008 Sir21,8Chi costruisce la sua casa con ricchezze altrui
è come chi ammucchia pietre per il sepolcro.
AT greco 21,9στιππύον συνηγμένον συναγωγὴ ἀνόμων καὶ ἡ συντέλεια αὐτῶν φλὸξ πυρός
CEI 2008 Sir21,9Ammasso di stoppa è una riunione di iniqui,
la loro fine è una fiammata di fuoco.
AT greco 21,10ὁδὸς ἁμαρτωλῶν ὡμαλισμένη ἐκ λίθων καὶ ἐπ’ ἐσχάτων αὐτῆς βόθρος ᾅδου
CEI 2008 Sir21,10La via dei peccatori è ben lastricata,
ma al suo termine c'è il baratro infernale.

AT greco 21,11ὁ φυλάσσων νόμον κατακρατεῖ τοῦ ἐννοήματος αὐτοῦ καὶ συντέλεια τοῦ φόβου κυρίου σοφία
CEI 2008 SirChi osserva la legge domina il suo istinto,
il timore del Signore conduce alla sapienza.
21,11-28 Il saggio e lo stolto
AT greco 21,12οὐ παιδευθήσεται ὃς οὐκ ἔστιν πανοῦργος ἔστιν δὲ πανουργία πληθύνουσα πικρίαν
CEI 2008 Sir21,12Chi non è perspicace non può essere istruito,
ma c'è anche una perspicacia che riempie di amarezza.
AT greco 21,13γνῶσις σοφοῦ ὡς κατακλυσμὸς πληθυνθήσεται καὶ ἡ βουλὴ αὐτοῦ ὡς πηγὴ ζωῆς
CEI 2008 Sir21,13La scienza del saggio cresce come un diluvio
e il suo consiglio è come sorgente di vita.
AT greco 21,14ἔγκατα μωροῦ ὡς ἀγγεῖον συντετριμμένον καὶ πᾶσαν γνῶσιν οὐ κρατήσει
CEI 2008 Sir21,14L'intimo dello stolto è come un vaso frantumato,
non può contenere alcuna scienza.
AT greco 21,15λόγον σοφὸν ἐὰν ἀκούσῃ ἐπιστήμων αἰνέσει αὐτὸν καὶ ἐπ’ αὐτὸν προσθήσει ἤκουσεν ὁ σπαταλῶν καὶ ἀπήρεσεν αὐτῷ καὶ ἀπέστρεψεν αὐτὸν ὀπίσω τοῦ νώτου αὐτοῦ
CEI 2008 Sir21,15Se un assennato ascolta un discorso intelligente,
lo approva e vi aggiunge dell'altro;
se l'ascolta un dissoluto, se ne dispiace
e lo getta via, dietro le spalle.
AT greco 21,16ἐξήγησις μωροῦ ὡς ἐν ὁδῷ φορτίον ἐπὶ δὲ χείλους συνετοῦ εὑρεθήσεται χάρις
CEI 2008 Sir21,16Le spiegazioni dello sciocco sono come un fardello nel cammino,
ma il parlare del saggio reca diletto.
AT greco 21,17στόμα φρονίμου ζητηθήσεται ἐν ἐκκλησίᾳ καὶ τοὺς λόγους αὐτοῦ διανοηθήσονται ἐν καρδίᾳ
CEI 2008 Sir21,17La parola del prudente è ricercata nell'assemblea,
sui suoi discorsi si riflette seriamente.

AT greco 21,18ὡς οἶκος ἠφανισμένος οὕτως μωρῷ σοφία καὶ γνῶσις ἀσυνέτου ἀδιεξέταστοι λόγοι
CEI 2008 Sir21,18Per lo stolto la sapienza è come casa in rovina,
e la scienza dell'insensato è un insieme di parole astruse.
AT greco 21,19πέδαι ἐν ποσὶν ἀνοήτου παιδεία καὶ ὡς χειροπέδαι ἐπὶ χειρὸς δεξιᾶς
CEI 2008 Sir21,19Ceppi ai piedi è l'istruzione per l'insensato
e come catene alla sua destra.
AT greco 21,20μωρὸς ἐν γέλωτι ἀνυψοῖ φωνὴν αὐτοῦ ἀνὴρ δὲ πανοῦργος μόλις ἡσυχῇ μειδιάσει
CEI 2008 Sir21,20Lo stolto alza la sua voce quando ride,
ma l'uomo saggio sorride appena sommessamente.
AT greco 21,21ὡς κόσμος χρυσοῦς φρονίμῳ παιδεία καὶ ὡς χλιδὼν ἐπὶ βραχίονι δεξιῷ
CEI 2008 Sir21,21Come ornamento d'oro è l'istruzione per chi ha senno,
è come un monile al braccio destro.
AT greco 21,22ποὺς μωροῦ ταχὺς εἰς οἰκίαν ἄνθρωπος δὲ πολύπειρος αἰσχυνθήσεται ἀπὸ προσώπου
CEI 2008 Sir21,22Il piede dello stolto entra subito in una casa,
ma l'uomo prudente è rispettoso verso gli altri.
AT greco 21,23ἄφρων ἀπὸ θύρας παρακύπτει εἰς οἰκίαν ἀνὴρ δὲ πεπαιδευμένος ἔξω στήσεται
CEI 2008 Sir21,23Lo stolto spia dalla porta dentro una casa,
l'uomo educato invece se ne sta fuori.
AT greco 21,24ἀπαιδευσία ἀνθρώπου ἀκροᾶσθαι παρὰ θύραν ὁ δὲ φρόνιμος βαρυνθήσεται ἀτιμίᾳ
CEI 2008 Sir21,24È cattiva educazione origliare alla porta,
l'uomo prudente ne resterebbe confuso.
AT greco 21,25χείλη ἀλλοτρίων ἐν τούτοις διηγήσονται λόγοι δὲ φρονίμων ἐν ζυγῷ σταθήσονται
CEI 2008 Sir21,25Le labbra degli stolti raccontano sciocchezze,
ma le parole dei prudenti sono pesate sulla bilancia.
AT greco 21,26ἐν στόματι μωρῶν ἡ καρδία αὐτῶν καρδία δὲ σοφῶν στόμα αὐτῶν
CEI 2008 Sir21,26Il cuore degli stolti sta sulla loro bocca,
mentre bocca dei saggi è il loro cuore.
AT greco 21,27ἐν τῷ καταρᾶσθαι ἀσεβῆ τὸν σατανᾶν αὐτὸς καταρᾶται τὴν ἑαυτοῦ ψυχήν
CEI 2008 Sir21,27Quando un empio maledice l'avversario,
maledice se stesso.
AT greco 21,28μολύνει τὴν ἑαυτοῦ ψυχὴν ὁ ψιθυρίζων καὶ ἐν παροικήσει μισηθήσεται
CEI 2008 Sir21,28Chi mormora diffama se stesso
ed è detestato dal suo vicinato.