Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

Siracide

AT greco Torna al libro

CEI 1974

AT greco 22 22,1λίθῳ ἠρδαλωμένῳ συνεβλήθη ὀκνηρός καὶ πᾶς ἐκσυριεῖ ἐπὶ τῇ ἀτιμίᾳ αὐτοῦ
CEI 1974 Sir22,1 Il pigro è simile a una pietra imbrattata,
ognuno fischia in suo disprezzo.
AT greco 22,2βολβίτῳ κοπρίων συνεβλήθη ὀκνηρός πᾶς ὁ ἀναιρούμενος αὐτὸν ἐκτινάξει χεῖρα
CEI 1974 Sir22,2 Il pigro è simile a una palla di sterco,
chi la raccoglie scuote la mano.
Il figlio maleducato
AT greco 22,3αἰσχύνη πατρὸς ἐν γεννήσει ἀπαιδεύτου θυγάτηρ δὲ ἐπ’ ἐλαττώσει γίνεται
CEI 1974 Sir22,3 Vergogna per un padre avere un figlio maleducato,
se si tratta di una figlia, è la sua rovina.
AT greco 22,4θυγάτηρ φρονίμη κληρονομήσει ἄνδρα αὐτῆς καὶ ἡ καταισχύνουσα εἰς λύπην γεννήσαντος
CEI 1974 Sir22,4 Una figlia prudente sarà un tesoro per il marito,
quella disonorevole un dolore per chi l`ha generata.
AT greco 22,5πατέρα καὶ ἄνδρα καταισχύνει ἡ θρασεῖα καὶ ὑπὸ ἀμφοτέρων ἀτιμασθήσεται
CEI 1974 Sir22,5 La sfacciata disonora il padre e il marito,
e dall`uno e dall`altro sarà disprezzata.
AT greco 22,6μουσικὰ ἐν πένθει ἄκαιρος διήγησις μάστιγες δὲ καὶ παιδεία ἐν παντὶ καιρῷ σοφίας
CEI 1974 Sir Come musica durante il lutto i discorsi fuori tempo,
ma frusta e correzione in ogni tempo sono saggezza.
Lo stolto
22,6 La pedagogia ebraica era per le punizioni corporali.
AT greco 22,7
CEI 1974 Sir22,7 Incolla cocci chi ammaestra uno stolto,
sveglia un dormiglione dal sonno profondo.
AT greco 22,8
CEI 1974 Sir22,8 Ragiona con un insonnolito chi ragiona con lo stolto;
alla fine egli dirà: "Che cosa c`è?".
AT greco 22,9συγκολλῶν ὄστρακον ὁ διδάσκων μωρόν ἐξεγείρων καθεύδοντα ἐκ βαθέος ὕπνου
CEI 1974 Sir22,9 Piangi per un morto, poiché ha perduto la luce;
piangi per uno stolto, poiché ha perduto il senno.
AT greco 22,10διηγούμενος νυστάζοντι ὁ διηγούμενος μωρῷ καὶ ἐπὶ συντελείᾳ ἐρεῖ τί ἐστιν
CEI 1974 Sir22,10 Piangi meno tristemente per un morto, chè ora riposa,
ma la vita dello stolto è peggiore della morte.
AT greco 22,11ἐπὶ νεκρῷ κλαῦσον ἐξέλιπεν γὰρ φῶς καὶ ἐπὶ μωρῷ κλαῦσον ἐξέλιπεν γὰρ σύνεσιν ἥδιον κλαῦσον ἐπὶ νεκρῷ ὅτι ἀνεπαύσατο τοῦ δὲ μωροῦ ὑπὲρ θάνατον ἡ ζωὴ πονηρά
CEI 1974 Sir22,11 Il lutto per un morto, sette giorni;
per uno stolto ed empio tutti i giorni della sua vita.
AT greco 22,12πένθος νεκροῦ ἑπτὰ ἡμέραι μωροῦ δὲ καὶ ἀσεβοῦς πᾶσαι αἱ ἡμέραι τῆς ζωῆς αὐτοῦ
CEI 1974 Sir22,12 Con un insensato non prolungare il discorso,
non frequentare l`insipiente;
AT greco 22,13μετὰ ἄφρονος μὴ πληθύνῃς λόγον καὶ πρὸς ἀσύνετον μὴ πορεύου φύλαξαι ἀπ’ αὐτοῦ ἵνα μὴ κόπον ἔχῃς καὶ οὐ μὴ μολυνθῇς ἐν τῷ ἐντιναγμῷ αὐτοῦ ἔκκλινον ἀπ’ αὐτοῦ καὶ εὑρήσεις ἀνάπαυσιν καὶ οὐ μὴ ἀκηδιάσῃς ἐν τῇ ἀπονοίᾳ αὐτοῦ
CEI 1974 Sir22,13 guàrdati da lui, per non avere noie
e per non contaminarti al suo contatto.
Allontànati da lui e troverai pace,
non sarai seccato dalla sua insipienza.
AT greco 22,14ὑπὲρ μόλιβον τί βαρυνθήσεται καὶ τί αὐτῷ ὄνομα ἀλλ’ ἢ μωρός
CEI 1974 Sir22,14 Che c`è di più pesante del piombo?
E qual è il suo nome, se non "lo stolto"?
AT greco 22,15ἄμμον καὶ ἅλα καὶ βῶλον σιδήρου εὔκοπον ὑπενεγκεῖν ἢ ἄνθρωπον ἀσύνετον
CEI 1974 Sir22,15 Sabbia, sale, palla di ferro
sono più facili a portare che un insensato.
AT greco 22,16ἱμάντωσις ξυλίνη ἐνδεδεμένη εἰς οἰκοδομὴν ἐν συσσεισμῷ οὐ διαλυθήσεται οὕτως καρδία ἐστηριγμένη ἐπὶ διανοήματος βουλῆς ἐν καιρῷ οὐ δειλιάσει
CEI 1974 Sir22,16 Una travatura di legno ben connessa in una casa
non si scompagina in un terremoto,
così un cuore deciso dopo matura riflessione
non verrà meno al momento del pericolo.
AT greco 22,17καρδία ἡδρασμένη ἐπὶ διανοίας συνέσεως ὡς κόσμος ψαμμωτὸς τοίχου ξυστοῦ
CEI 1974 Sir22,17 Un cuore basato su sagge riflessioni
è come un intonaco su un muro rifinito.
AT greco 22,18χάρακες ἐπὶ μετεώρου κείμενοι κατέναντι ἀνέμου οὐ μὴ ὑπομείνωσιν οὕτως καρδία δειλὴ ἐπὶ διανοήματος μωροῦ κατέναντι παντὸς φόβου οὐ μὴ ὑπομείνῃ
CEI 1974 Sir22,18 Una palizzata posta su un`altura
di fronte al vento non resiste,
così un cuore meschino, basato sulle sue fantasie,
di fronte a qualsiasi timore non resiste.
Come comportarsi con gli amici
AT greco 22,19ὁ νύσσων ὀφθαλμὸν κατάξει δάκρυα καὶ νύσσων καρδίαν ἐκφαίνει αἴσθησιν
CEI 1974 Sir22,19 Chi punge un occhio lo farà lacrimare;
chi punge un cuore ne scopre il sentimento.
AT greco 22,20βάλλων λίθον ἐπὶ πετεινὰ ἀποσοβεῖ αὐτά καὶ ὁ ὀνειδίζων φίλον διαλύσει φιλίαν
CEI 1974 Sir22,20 Chi scaglia pietre contro uccelli li mette in fuga,
chi offende un amico rompe l`amicizia.
AT greco 22,21ἐπὶ φίλον ἐὰν σπάσῃς ῥομφαίαν μὴ ἀφελπίσῃς ἔστιν γὰρ ἐπάνοδος
CEI 1974 Sir22,21 Se hai sguainato la spada contro un amico,
non disperare, può esserci un ritorno.
AT greco 22,22ἐπὶ φίλον ἐὰν ἀνοίξῃς στόμα μὴ εὐλαβηθῇς ἔστιν γὰρ διαλλαγή πλὴν ὀνειδισμοῦ καὶ ὑπερηφανίας καὶ μυστηρίου ἀποκαλύψεως καὶ πληγῆς δολίας ἐν τούτοις ἀποφεύξεται πᾶς φίλος
CEI 1974 Sir22,22 Se hai aperto la bocca contro un amico,
non temere, può esserci riconciliazione,
tranne il caso di insulto e di arroganza,
di segreti svelati e di un colpo a tradimento;
in questi casi ogni amico scomparirà.
AT greco 22,23πίστιν κτῆσαι ἐν πτωχείᾳ μετὰ τοῦ πλησίον ἵνα ἐν τοῖς ἀγαθοῖς αὐτοῦ ὁμοῦ πλησθῇς ἐν καιρῷ θλίψεως διάμενε αὐτῷ ἵνα ἐν τῇ κληρονομίᾳ αὐτοῦ συγκληρονομήσῃς
CEI 1974 Sir22,23 Conquìstati la fiducia del prossimo nella sua povertà
per godere con lui nella sua prosperità.
Nel tempo della tribolazione restagli vicino,
per aver parte alla sua eredità.
AT greco 22,24πρὸ πυρὸς ἀτμὶς καμίνου καὶ καπνός οὕτως πρὸ αἱμάτων λοιδορίαι
CEI 1974 Sir22,24 Prima del fuoco vapore e fumo nel camino,
così prima dello spargimento del sangue le ingiurie.
AT greco 22,25φίλον σκεπάσαι οὐκ αἰσχυνθήσομαι καὶ ἀπὸ προσώπου αὐτοῦ οὐ μὴ κρυβῶ
CEI 1974 Sir22,25 Non mi vergognerò di proteggere un amico,
non mi nasconderò davanti a lui.
AT greco 22,26καὶ εἰ κακά μοι συμβήσεται δι’ αὐτόν πᾶς ὁ ἀκούων φυλάξεται ἀπ’ αὐτοῦ
CEI 1974 Sir22,26 Se mi succederà il male a causa sua,
chiunque lo venga a sapere si guarderà da lui.
AT greco 22,27τίς δώσει ἐπὶ στόμα μου φυλακὴν καὶ ἐπὶ τῶν χειλέων μου σφραγῖδα πανοῦργον ἵνα μὴ πέσω ἀπ’ αὐτῆς καὶ ἡ γλῶσσά μου ἀπολέσῃ με
CEI 1974 Sir22,27 Chi porrà una guardia sulla mia bocca,
sulle mie labbra un sigillo prudente,
perché io non cada per colpa loro
e la mia lingua non sia la mia rovina?