Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

GRECO_LXX

AT greco

BibbiaEDU-logo

Siracide

AT greco Torna al libro

CEI 1974

AT greco 27 27,1χάριν διαφόρου πολλοὶ ἥμαρτον καὶ ὁ ζητῶν πληθῦναι ἀποστρέψει ὀφθαλμόν
CEI 1974 Sir27,1 Per amor del denaro molti peccano,
chi cerca di arricchire procede senza scrupoli.
AT greco 27,2ἀνὰ μέσον ἁρμῶν λίθων παγήσεται πάσσαλος καὶ ἀνὰ μέσον πράσεως καὶ ἀγορασμοῦ συντριβήσεται ἁμαρτία
CEI 1974 Sir27,2 Fra le giunture delle pietre si conficca un piuolo,
tra la compra e la vendita si insinua il peccato.
AT greco 27,3ἐὰν μὴ ἐν φόβῳ κυρίου κρατήσῃ κατὰ σπουδήν ἐν τάχει καταστραφήσεται αὐτοῦ ὁ οἶκος
CEI 1974 Sir27,3 Se uno non si aggrappa in fretta al timor del Signore,
la sua casa andrà presto in rovina.
AT greco 27,4ἐν σείσματι κοσκίνου διαμένει κοπρία οὕτως σκύβαλα ἀνθρώπου ἐν λογισμῷ αὐτοῦ
CEI 1974 Sir27,4 Quando si agita un vaglio, restano i rifiuti;
così quando un uomo riflette, gli appaiono i suoi difetti.
AT greco 27,5σκεύη κεραμέως δοκιμάζει κάμινος καὶ πειρασμὸς ἀνθρώπου ἐν διαλογισμῷ αὐτοῦ
CEI 1974 Sir27,5 La fornace prova gli oggetti del vasaio,
la prova dell`uomo si ha nella sua conversazione.
AT greco 27,6γεώργιον ξύλου ἐκφαίνει ὁ καρπὸς αὐτοῦ οὕτως λόγος ἐνθυμήματος καρδίας ἀνθρώπου
CEI 1974 Sir Il frutto dimostra come è coltivato l`albero,
così la parola rivela il sentimento dell`uomo.
27,6 Cfr. Mt 7, 16-20. cfr. Lc 6, 43-45.
AT greco 27,7πρὸ λογισμοῦ μὴ ἐπαινέσῃς ἄνδρα οὗτος γὰρ πειρασμὸς ἀνθρώπων
CEI 1974 Sir27,7 Non lodare un uomo prima che abbia parlato,
poiché questa è la prova degli uomini.
La giustizia
AT greco 27,8ἐὰν διώκῃς τὸ δίκαιον καταλήμψῃ καὶ ἐνδύσῃ αὐτὸ ὡς ποδήρη δόξης
CEI 1974 Sir27,8 Se cerchi la giustizia, la raggiungerai
e te ne rivestirai come di un manto di gloria.
AT greco 27,9πετεινὰ πρὸς τὰ ὅμοια αὐτοῖς καταλύσει καὶ ἀλήθεια πρὸς τοὺς ἐργαζομένους αὐτὴν ἐπανήξει
CEI 1974 Sir27,9 Gli uccelli sostano presso i loro simili,
la lealtà ritorna a quelli che la praticano.
AT greco 27,10λέων θήραν ἐνεδρεύει οὕτως ἁμαρτία ἐργαζομένους ἄδικα
CEI 1974 Sir27,10 Il leone sta in agguato della preda,
così il peccato di coloro che praticano l`ingiustizia.
AT greco 27,11διήγησις εὐσεβοῦς διὰ παντὸς σοφία ὁ δὲ ἄφρων ὡς σελήνη ἀλλοιοῦται
CEI 1974 Sir27,11 Nel discorso del pio c`è sempre saggezza,
lo stolto muta come la luna.
AT greco 27,12εἰς μέσον ἀσυνέτων συντήρησον καιρόν εἰς μέσον δὲ διανοουμένων ἐνδελέχιζε
CEI 1974 Sir27,12 Tra gli insensati bada al tempo,
tra i saggi fèrmati a lungo.
AT greco 27,13διήγησις μωρῶν προσόχθισμα καὶ ὁ γέλως αὐτῶν ἐν σπατάλῃ ἁμαρτίας
CEI 1974 Sir27,13 Il discorso degli stolti è un orrore,
il loro riso fra i bagordi del peccato.
AT greco 27,14λαλιὰ πολυόρκου ἀνορθώσει τρίχας καὶ ἡ μάχη αὐτῶν ἐμφραγμὸς ὠτίων
CEI 1974 Sir27,14 Il linguaggio di chi giura spesso fa rizzare i capelli,
e le loro questioni fan turare gli orecchi.
AT greco 27,15ἔκχυσις αἵματος μάχη ὑπερηφάνων καὶ ἡ διαλοιδόρησις αὐτῶν ἀκοὴ μοχθηρά
CEI 1974 Sir27,15 Uno spargimento di sangue è la rissa dei superbi,
le loro invettive sono un ascolto penoso.
I segreti e l` amicizia
AT greco 27,16ὁ ἀποκαλύπτων μυστήρια ἀπώλεσεν πίστιν καὶ οὐ μὴ εὕρῃ φίλον πρὸς τὴν ψυχὴν αὐτοῦ
CEI 1974 Sir27,16 Chi svela i segreti perde la fiducia
e non trova più un amico per il suo cuore.
AT greco 27,17στέρξον φίλον καὶ πιστώθητι μετ’ αὐτοῦ ἐὰν δὲ ἀποκαλύψῃς τὰ μυστήρια αὐτοῦ μὴ καταδιώξῃς ὀπίσω αὐτοῦ
CEI 1974 Sir27,17 Ama l`amico e sii a lui fedele,
ma se hai svelato i suoi segreti, non seguirlo più,
AT greco 27,18καθὼς γὰρ ἀπώλεσεν ἄνθρωπος τὸν νεκρὸν αὐτοῦ οὕτως ἀπώλεσας τὴν φιλίαν τοῦ πλησίον
CEI 1974 Sir27,18 perché come chi ha perduto un defunto,
così tu hai perduto l`amicizia del tuo prossimo.
AT greco 27,19καὶ ὡς πετεινὸν ἐκ χειρός σου ἀπέλυσας οὕτως ἀφῆκας τὸν πλησίον καὶ οὐ θηρεύσεις αὐτόν
CEI 1974 Sir27,19 Come un uccello, che ti sei fatto scappare di mano,
così hai lasciato andare il tuo amico e non lo riprenderai.
AT greco 27,20μὴ αὐτὸν διώξῃς ὅτι μακρὰν ἀπέστη καὶ ἐξέφυγεν ὡς δορκὰς ἐκ παγίδος
CEI 1974 Sir27,20 Non seguirlo, perché ormai è lontano;
è fuggito come una gazzella dal laccio.
AT greco 27,21ὅτι τραῦμα ἔστιν καταδῆσαι καὶ λοιδορίας ἔστιν διαλλαγή ὁ δὲ ἀποκαλύψας μυστήρια ἀφήλπισεν
CEI 1974 Sir27,21 Poiché una ferita si può fasciarla
e un`ingiuria si può riparare,
ma chi ha svelato segreti non ha più speranza.
L` ipocrita
AT greco 27,22διανεύων ὀφθαλμῷ τεκταίνει κακά καὶ οὐδεὶς αὐτὰ ἀποστήσει ἀπ’ αὐτοῦ
CEI 1974 Sir27,22 Chi ammicca con l`occhio trama il male,
e nessuno potrà distoglierlo.
AT greco 27,23ἀπέναντι τῶν ὀφθαλμῶν σου γλυκανεῖ τὸ στόμα αὐτοῦ καὶ ἐπὶ τῶν λόγων σου ἐκθαυμάσει ὕστερον δὲ διαστρέψει τὸ στόμα αὐτοῦ καὶ ἐν τοῖς λόγοις σου δώσει σκάνδαλον
CEI 1974 Sir27,23 Davanti a te il suo parlare è tutto dolce,
ammira i tuoi discorsi,
ma alle tue spalle cambierà il suo parlare
e porrà inciampo alle tue parole.
AT greco 27,24πολλὰ ἐμίσησα καὶ οὐχ ὡμοίωσα αὐτῷ καὶ ὁ κύριος μισήσει αὐτόν
CEI 1974 Sir27,24 Io odio molte cose, ma nessuna quanto lui,
anche il Signore lo ha in odio.
AT greco 27,25ὁ βάλλων λίθον εἰς ὕψος ἐπὶ κεφαλὴν αὐτοῦ βάλλει καὶ πληγὴ δολία διελεῖ τραύματα
CEI 1974 Sir27,25 Chi scaglia un sasso in alto, se lo scaglia sulla testa,
e un colpo a tradimento ferisce chi lo vibra.
AT greco 27,26ὁ ὀρύσσων βόθρον εἰς αὐτὸν ἐμπεσεῖται καὶ ὁ ἱστῶν παγίδα ἐν αὐτῇ ἁλώσεται
CEI 1974 Sir27,26 Chi scava una fossa vi cadrà dentro,
chi tende un laccio vi resterà preso.
AT greco 27,27ὁ ποιῶν πονηρά εἰς αὐτὸν κυλισθήσεται καὶ οὐ μὴ ἐπιγνῷ πόθεν ἥκει αὐτῷ
CEI 1974 Sir27,27 Il male si riverserà su chi lo fa,
egli non saprà neppure da dove gli venga.
AT greco 27,28ἐμπαιγμὸς καὶ ὀνειδισμὸς ὑπερηφάνῳ καὶ ἡ ἐκδίκησις ὡς λέων ἐνεδρεύσει αὐτόν
CEI 1974 Sir27,28 Derisione e insulto per il superbo,
la vendetta, come un leone, lo attende al varco.
AT greco 27,29παγίδι ἁλώσονται οἱ εὐφραινόμενοι πτώσει εὐσεβῶν καὶ ὀδύνη καταναλώσει αὐτοὺς πρὸ τοῦ θανάτου αὐτῶν
CEI 1974 Sir27,29 Saran presi al laccio quanti gioiscono per la caduta dei pii,
il dolore li consumerà prima della loro morte.
AT greco 27,30μῆνις καὶ ὀργή καὶ ταῦτά ἐστιν βδελύγματα καὶ ἀνὴρ ἁμαρτωλὸς ἐγκρατὴς ἔσται αὐτῶν
CEI 1974 Sir27,30 Anche il rancore e l`ira sono un abominio,
il peccatore li possiede.