Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12

Daniele

2 Una notte, durante il secondo anno del suo regno, Nabucodònosor fece un sogno. Ne fu talmente turbato che non riuscì più a dormire.
Rimandi
2,1 turbamento Gn 41,8. — non riuscì più a dormire Dn 6,19.
Note al Testo
Allora fece chiamare gli indovini, i maghi, gli incantatori, gli astrologi per spiegargli il senso di quel che aveva sognato. Appena essi arrivarono e si presentarono a lui,
Rimandi Note al Testo
2,2 gli astrologi: il testo ebraico ha: i Caldei; i Caldei (ossia i Babilonesi) erano famosi nell’antichità per la scienza astrologica, per cui questo loro nome è divenuto sinonimo di astrologi.
3 egli disse: — Ho fatto un sogno e sono molto ansioso. Vorrei avere la spiegazione di quel che ho sognato.
Rimandi Note al Testo
Gli incantatori risposero al re: — Lunga vita a te, maestà! Raccontaci che cosa hai sognato e noi te ne daremo la spiegazione.
Rimandi Note al Testo
2,4 lunga vita a te: è una formula di saluto abbastanza comune in epoca persiana (vedi anche 3,9; 5,10; 6,7.22; Neemia 2,3). — Di qui fino a 7,28 il testo è in aramaico, lingua internazionale del Vicino Oriente Antico dal sec. VIII a.C.
5 Il re disse: — Ascoltatemi. Ho deciso che se non mi rivelerete il contenuto e il significato del sogno sarete tagliati a pezzi e le vostre case saranno trasformate in un letamaio.
Rimandi Note al Testo
6 Se invece me lo rivelerete avrete ricchi doni e grandi onori. Ditemi perciò il contenuto e il significato del sogno.
Rimandi Note al Testo
7 Ancora una volta gli incantatori dissero al re: — Maestà, raccontaci che cosa hai sognato e noi te ne daremo la spiegazione.
Rimandi Note al Testo
8 Ma il re: — Vedo che voi volete guadagnare tempo perché avete capito che la mia decisione è definitiva.
Rimandi Note al Testo
9 Ma se non mi rivelerete quel che ho sognato una sola sarà la vostra sorte. Vedo invece che vi siete messi d’accordo per darmi risposte false ed evasive in attesa che la situazione si evolva. Perciò voglio anzitutto che mi diciate che cosa ho sognato. Così sarò sicuro che saprete darmene la spiegazione.
Rimandi Note al Testo
10 Ripresero gli astrologi: — Maestà, nessuno al mondo può fare quel che tu esigi. Nessun re, per quanto grande o potente, ha mai chiesto una cosa simile a un suo indovino, mago o astrologo.
Rimandi Note al Testo
11 Quel che tu domandi è troppo: nessuno può darti la risposta, eccetto gli dèi, ma essi non abitano fra gli uomini.
Rimandi Note al Testo
Allora il re si adirò talmente che diede ordine di uccidere tutti i saggi di Babilonia.
Rimandi Note al Testo
2,12 i saggi: questo termine indica qui globalmente tutte le categorie elencate nel v. 2.
13 La sentenza venne resa ufficiale e i saggi, compresi Daniele e i suoi compagni, stavano per essere messi a morte.
Rimandi Note al Testo
14 Daniele si rivolse con prudenza e saggezza ad Ariòc, capo delle guardie del re, che si preparava a giustiziare i saggi di Babilonia.
Rimandi Note al Testo
15 Gli chiese la ragione di una sentenza così dura da parte del re. Ariòc gliela diede.
Rimandi Note al Testo
16 Subito Daniele si recò dal re e lo supplicò di concedergli un po’ di tempo per spiegargli poi il significato del suo sogno.
Rimandi Note al Testo
17 Daniele tornò a casa e raccontò tutto ai suoi compagni Ananìa, Misaele e Azaria;
Rimandi Note al Testo
li invitò a supplicare la misericordia del Dio del cielo di far loro conoscere questo sogno misterioso, perché non fossero giustiziati né loro né gli altri saggi di Babilonia.
Rimandi
2,18 Dio del cielo Dn 2,37.44; Gn 24,7; Gdt 5,8.
Note al Testo
E durante la notte a Daniele venne svelato in sogno il mistero. Allora Daniele lodò il Dio del cielo
Rimandi
2,19 durante la notte, in sogno Dn 7,7; Gn 46,2.
Note al Testo
20 dicendo: «Ringraziamo Dio in ogni tempo! perché egli è sapiente e potente!
Rimandi Note al Testo
Egli è il signore dei tempi e degli eventi, depone i re o li innalza. Egli dona la sapienza ai saggi, e la prudenza agli intelligenti.
Rimandi
2,21 dei tempi e degli eventi Dn 7,12; At 1,7; 1Ts 5,1.
Note al Testo
22 Svela i segreti più misteriosi conosce quel che è nascosto nelle tenebre, egli è avvolto di luce.
Rimandi Note al Testo
23 Io voglio lodare e ringraziare te, Dio dei miei padri: tu mi hai donato la sapienza e la forza. Hai esaudito la nostra preghiera e ci hai fatto sapere quel che preoccupa il re».
Rimandi Note al Testo
24 Poi Daniele si recò da Ariòc, al quale il re aveva dato ordine di uccidere i saggi di Babilonia, per dirgli: «Non far morire i saggi di Babilonia! Conducimi dal re e gli darò la spiegazione del sogno».
Rimandi Note al Testo
25 Ariòc condusse subito Daniele dal re e disse: «Maestà, tra gli Ebrei deportati c’è un uomo che può darti la spiegazione del sogno».
Rimandi Note al Testo
26 Il re rivolto a Daniele, chiamato anche Baltassàr, gli domandò: — Puoi davvero svelarmi il sogno e darmene la spiegazione?
Rimandi Note al Testo
27 E Daniele gli rispose: — Maestà, nessun saggio, nessun mago, nessun indovino, nessun incantatore potrà svelarti il mistero del sogno.
Rimandi Note al Testo
28 Ma c’è in cielo un Dio che svela i misteri. Ed è lui che fa conoscere al re Nabucodònosor il futuro. Ecco dunque quel che hai visto in sogno mentre stavi a letto.
Rimandi Note al Testo
29 Appena ti sei coricato, maestà, hai cominciato a pensare al futuro. Allora Dio che svela i misteri te lo ha mostrato.
Rimandi Note al Testo
30 Per quanto mi riguarda, questo sogno misterioso mi è stato svelato non perché sono più saggio di tutti gli altri, ma per poter comunicare a te il significato del sogno e farti sapere che cosa turba il tuo animo.
Rimandi Note al Testo
31 Ecco quel che hai visto, maestà: dritta davanti a te c’era una statua altissima di accecante splendore e di terribile aspetto.
Rimandi Note al Testo
32 La testa della statua era di oro fino, il petto e le braccia di argento, il ventre e i fianchi di bronzo,
Rimandi Note al Testo
33 le gambe di ferro, e i piedi in parte di ferro e in parte di terracotta.
Rimandi Note al Testo
Mentre stavi osservando, una pietra si è staccata dalla montagna, senza intervento di uomo, ed è andata a sbattere contro i piedi di ferro e di terracotta della statua e li ha fatti a pezzi.
Rimandi Note al Testo
2,34 dalla montagna: così secondo l’antica traduzione greca e il v. 45. L’espressione non si trova nel testo aramaico.
Allora non solo il ferro e la terracotta ma anche il bronzo, l’argento e l’oro sono stati ridotti in polvere. Come fili di paglia su un’aia in estate, il vento li ha portati via senza lasciare traccia. Intanto la pietra che aveva colpito la statua è diventata una grande montagna che coprì tutta la terra.
Rimandi Note al Testo
2,35 come fili di paglia su un’aia in estate: vedi Geremia 4,11-12.
36 Questo è il tuo sogno, maestà; ora ecco la sua spiegazione:
Rimandi Note al Testo
37 «Tu sei il più grande tra tutti i re. Il Dio del cielo ti ha dato il regno, la potenza, la forza e l’onore;
Rimandi Note al Testo
38 ha posto in tuo potere gli uomini, gli animali e gli uccelli, ovunque si trovino: tu sei il loro padrone. Ebbene, maestà, la testa d’oro sei tu!
Rimandi Note al Testo
39 Un altro regno, meno potente, sorgerà dopo di te. Poi un terzo regno, quello di bronzo, dominerà la terra.
Rimandi Note al Testo
Un quarto regno, duro come il ferro, gli succederà. Come il ferro spezza e polverizza tutto, così quel regno romperà e ridurrà in polvere i regni precedenti.
Rimandi Note al Testo
2,40 I diversi metalli di valore decrescente, che formano la statua, sono il simbolo della successione di quattro regni, che sono probabilmente: Babilonia, Media, Persia e Grecia (l’impero di Alessandro Magno).
41 Come hai visto, i piedi della statua e le loro dita sono in parte di terracotta e in parte di ferro: questo significa che il regno non sarà unito, ma avrà qualcosa della durezza del ferro perché, come hai visto, il ferro è unito alla terracotta.
Rimandi Note al Testo
42 Le dita fatte di ferro e terracotta indicano che questo regno sarà in parte forte e in parte fragile;
Rimandi Note al Testo
esse mostrano anche che alcuni re faranno alleanza attraverso matrimoni ma, come il ferro non si mescola con la terracotta, queste alleanze non saranno stabili.
Rimandi Note al Testo
2,43 Si allude ai vari matrimoni con cui i due regni che avevano ereditato l’impero di Alessandro Magno (i Seleucidi in Siria e i Tolomei in Egitto) cercavano di allearsi tra loro, ma senza successo durevole (vedi anche 11,6.17).
44 «Al tempo di questi re, il Dio del cielo susciterà un regno che non sarà mai distrutto e non cederà mai il dominio a un’altra nazione. Questo regno durerà per sempre, dopo aver distrutto tutti i regni precedenti e aver messo fine alla loro esistenza.
Rimandi Note al Testo
Ecco il significato della pietra che hai visto staccarsi dalla montagna senza intervento umano, per frantumare il ferro, il bronzo, la terracotta, l’argento e l’oro della statua. Così, maestà, il grande Dio ti ha fatto conoscere il futuro. Il tuo sogno è una vera rivelazione e la spiegazione che te ne ho data è degna di fiducia».
Rimandi Note al Testo
2,45 Questa pietra annunzia l’avvento di un nuovo regno, fondato da Dio stesso.
46 Allora il re Nabucodònosor si inchinò fino a terra davanti a Daniele, gli rese omaggio e diede ordine di presentargli sacrifici e offerte di profumi.
Rimandi Note al Testo
47 Poi disse a Daniele: «Il vostro Dio è davvero il più grande fra tutti gli dèi, il signore di tutti i re e il rivelatore dei misteri, dato che tu sei stato capace di svelarmi questo segreto».
Rimandi Note al Testo
48 In seguito, il re concesse a Daniele grandi onori e gli diede molti regali preziosi. Lo fece governatore della provincia di Babilonia e capo supremo di tutti i saggi di Babilonia.
Rimandi Note al Testo
49 Su richiesta di Daniele, il re fece Sadrac, Mesac e Abdènego amministratori della provincia di Babilonia. E Daniele divenne consigliere di corte.
Rimandi Note al Testo

Rimandi

2,1turbamento Gn 41,8. — non riuscì più a dormire Dn 6,19.
2,18Dio del cielo Dn 2,37.44; Gn 24,7; Gdt 5,8.
2,19durante la notte, in sogno Dn 7,7; Gn 46,2.
2,21dei tempi e degli eventi Dn 7,12; At 1,7; 1Ts 5,1.

Note al Testo

2,2gli astrologi: il testo ebraico ha: i Caldei; i Caldei (ossia i Babilonesi) erano famosi nell’antichità per la scienza astrologica, per cui questo loro nome è divenuto sinonimo di astrologi.
2,4lunga vita a te: è una formula di saluto abbastanza comune in epoca persiana (vedi anche 3,9; 5,10; 6,7.22; Neemia 2,3). — Di qui fino a 7,28 il testo è in aramaico, lingua internazionale del Vicino Oriente Antico dal sec. VIII a.C.
2,12i saggi: questo termine indica qui globalmente tutte le categorie elencate nel v. 2.
2,34dalla montagna: così secondo l’antica traduzione greca e il v. 45. L’espressione non si trova nel testo aramaico.
2,35come fili di paglia su un’aia in estate: vedi Geremia 4,11-12.
2,40I diversi metalli di valore decrescente, che formano la statua, sono il simbolo della successione di quattro regni, che sono probabilmente: Babilonia, Media, Persia e Grecia (l’impero di Alessandro Magno).
2,43Si allude ai vari matrimoni con cui i due regni che avevano ereditato l’impero di Alessandro Magno (i Seleucidi in Siria e i Tolomei in Egitto) cercavano di allearsi tra loro, ma senza successo durevole (vedi anche 11,6.17).
2,45Questa pietra annunzia l’avvento di un nuovo regno, fondato da Dio stesso.