Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12

Daniele

6 e Dario, appartenente al popolo dei Medi, divenne re, all’età di sessantadue anni.
Rimandi Note al Testo
6,1 Questo Dario appartenente al popolo dei Medi è sconosciuto: conosciamo invece Dario re dei Persiani, che però regnò quando Babilonia era già stata conquistata dal persiano Ciro.
Dario decise di nominare centoventi satrapi in tutto il regno in modo che in ogni regione vi fossero dei delegati della sua autorità.
Rimandi Note al Testo
6,2 In alcune traduzioni 6,1 è numerato 5,31; e perciò 6,2-29 sono numerati 6,1-28.
3 Stabilì pure tre sovrintendenti a cui i satrapi dovevano rendere conto della loro amministrazione, in modo che nessuno potesse nuocere agli interessi del re. Daniele era uno dei tre sovrintendenti,
Rimandi Note al Testo
4 ma, per le sue qualità eccezionali, superava gli altri due e tutti i satrapi. Il re aveva perfino pensato di affidargli la responsabilità di tutto il regno.
Rimandi Note al Testo
5 Allora gli altri sovrintendenti e i satrapi cominciarono a informarsi se Daniele aveva commesso qualche colpa nei confronti del regno, ma non ne potevano trovare perché egli era integro nella sua onestà e non si gli si poteva rimproverare nulla.
Rimandi Note al Testo
6 Dissero dunque tra di loro: «Non possiamo scoprire alcun motivo per accusare Daniele, se non il fatto che ubbidisce alla legge del suo Dio».
Rimandi Note al Testo
7 I due sovrintendenti e i satrapi si recarono subito dal re e gli dissero: «Lunga vita a te, re Dario!
Rimandi Note al Testo
8 I sovrintendenti del regno, i prefetti, i satrapi, i ministri e i governatori tutti d’accordo ti propongono di promulgare e pubblicare un editto reale. Devi ordinare questo: Chiunque per un periodo di trenta giorni rivolgerà una preghiera a una divinità o a un uomo all’infuori di te, sia gettato nella fossa dei leoni.
Rimandi Note al Testo
9 Maestà, emana questo decreto e sottoscrivilo in modo che non sia modificato e sia irrevocabile come tutte le leggi dei Medi e dei Persiani».
Rimandi Note al Testo
10 E così il re Dario firmò il decreto.
Rimandi Note al Testo
Appena Daniele seppe che tale decreto era stato promulgato, si ritirò in casa. Al piano superiore aprì la finestra che dava verso Gerusalemme. Com’era sua abitudine, tre volte al giorno, si mise là in ginocchio per pregare e lodare il suo Dio.
Rimandi Note al Testo
6,11 verso Gerusalemme: secondo un’abitudine iniziata al tempo dell’esilio, Daniele prega rivolto verso la città santa.
12 Allora i suoi nemici si precipitarono in casa sua e lo trovarono in preghiera che implorava il suo Dio.
Rimandi Note al Testo
13 Corsero subito dal re per dirgli: — Maestà, non hai forse promulgato tu stesso un decreto, secondo il quale per un periodo di trenta giorni chiunque rivolgerà una preghiera a una divinità o a un uomo all’infuori di te sia gettato nella fossa dei leoni? Il re rispose: — Certo! Secondo la legge dei Medi e dei Persiani, il decreto emanato è irrevocabile.
Rimandi Note al Testo
14 Essi continuarono: — Ebbene, maestà, quel Daniele, deportato dalla regione di Giuda, non ha rispettato né te né il tuo decreto: tre volte al giorno egli prega il suo Dio.
Rimandi Note al Testo
15 Appena il re sentì queste parole ne fu profondamente addolorato e decise di risparmiare Daniele. Fino al tramonto egli cercò ogni mezzo per salvarlo.
Rimandi Note al Testo
16 Ma i nemici di Daniele ritornarono dal re per dirgli: «Maestà, tu sai bene che secondo la legge dei Medi e dei Persiani un decreto o una decisione firmata dal re è irrevocabile».
Rimandi Note al Testo
Allora, per ordine del re, Daniele fu preso e gettato nella fossa dei leoni. Il re gli disse: «Solo il tuo Dio che tu servi con tanto amore può salvarti!».
Rimandi
6,17 fossa dei leoni Suppl.Dn 14,31.
Note al Testo
18 Fu presa una pietra e messa sull’apertura della fossa. Il re vi applicò il suo sigillo personale e quello dei suoi alti funzionari perché nessuno potesse cambiare la sorte di Daniele.
Rimandi Note al Testo
Il re rientrò poi nel suo palazzo per trascorrere la notte. Respinse ogni cibo, rifiutò qualunque diversivo e non riuscì neppure a dormire.
Rimandi Note al Testo
6,19 rifiutò qualunque diversivo: altri: non gli fu introdotta nessuna concubina.
20 Il mattino dopo, appena si fece giorno, il re si alzò e andò in fretta alla fossa dei leoni.
Rimandi Note al Testo
21 Si avvicinò e chiamò Daniele con voce triste: — Daniele, servo del Dio vivente, il tuo Dio che servi con amore ti ha liberato dagli artigli dei leoni?
Rimandi Note al Testo
22 Daniele gli rispose: — Lunga vita a te, maestà!
Rimandi Note al Testo
23 Sì, il mio Dio ha mandato il suo angelo a chiudere le fauci dei leoni ed essi non mi hanno fatto alcun male. Infatti, agli occhi del mio Dio sono innocente e anche nei tuoi riguardi non ho commesso alcuna colpa, maestà!
Rimandi Note al Testo
24 Pieno di gioia, il re diede ordine di tirare fuori Daniele dalla fossa. Appena fuori, si poté notare che egli non aveva nessuna ferita, perché aveva avuto fiducia nel suo Dio.
Rimandi Note al Testo
25 Il re fece poi arrestare quegli uomini che avevano denunciato Daniele, ed essi furono gettati nella fossa dei leoni con le mogli e i figli. I leoni si avventarono contro di loro e ne stritolarono le ossa ancor prima che essi raggiungessero il fondo della fossa.
Rimandi Note al Testo
Più tardi il re Dario rivolse questo messaggio alla gente di ogni popolo, nazione e lingua che abita su tutta la terra: «Vi auguro una pace perfetta!
Rimandi
6,26 popolo, nazione Dn 3,4+.
Note al Testo
27 «Questo è il mio decreto: in tutto il mio regno ognuno deve avere un rispetto assoluto per il Dio di Daniele. Egli è il Dio vivente, regna per sempre. Il suo regno non verrà mai distrutto, il suo dominio dura per sempre.
Rimandi Note al Testo
28 Egli libera e salva, compie prodigi e miracoli nel cielo e sulla terra. Egli ha liberato Daniele dagli artigli dei leoni».
Rimandi Note al Testo
Daniele occupò in seguito un posto importante nel regno di Dario e poi in quello di Ciro, re dei Persiani.
Rimandi Note al Testo
6,29 Ciro, re dei Persiani: vedi Esdra 1,1 e nota.

Rimandi

6,17fossa dei leoni Suppl.Dn 14,31.
6,26popolo, nazione Dn 3,4+.

Note al Testo

6,1Questo Dario appartenente al popolo dei Medi è sconosciuto: conosciamo invece Dario re dei Persiani, che però regnò quando Babilonia era già stata conquistata dal persiano Ciro.
6,2In alcune traduzioni 6,1 è numerato 5,31; e perciò 6,2-29 sono numerati 6,1-28.
6,11verso Gerusalemme: secondo un’abitudine iniziata al tempo dell’esilio, Daniele prega rivolto verso la città santa.
6,19rifiutò qualunque diversivo: altri: non gli fu introdotta nessuna concubina.
6,29Ciro, re dei Persiani: vedi Esdra 1,1 e nota.