Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13

Neemia

3 Il sommo sacerdote Eliasìb e i suoi colleghi ricostruirono la porta delle Pecore, la consacrarono e ne fissarono i battenti. Ripararono e consacrarono le mura fino alla torre dei Cento e a quella di Cananèl.
Rimandi
3,1 Eliasìb Esd 10,6+. — la torre di Cananèl Ne 12,39; Ger 31,38; Zc 14,10.
Note al Testo
3,1 la porta delle Pecore: era all’angolo nord-est della città. La ricostruzione cominciò da questo punto e procedette tutto attorno in senso antiorario. Oggi non sappiamo più dove erano molte località indicate. Nelle note seguenti indichiamo la posizione dei punti più importanti.
2 Più avanti lavorarono alcuni uomini della città di Gerico e, dopo di loro, Zaccur figlio di Imrì.
Rimandi Note al Testo
La porta dei Pesci fu rifatta dai discendenti di Senaà. Essi fecero l’intelaiatura, montarono i battenti, le serrature e i catenacci.
Rimandi
3,3 porta dei Pesci cfr. 13,16.
Note al Testo
4 Nei quattro tratti successivi le riparazioni delle mura furono fatte da Meremòt figlio di Uria, nipote di Akkos; da Mesullàm figlio di Berechia, nipote di Mesezabèl; da Sadoc figlio di Baanà,
Rimandi Note al Testo
5 e dagli uomini del villaggio di Tekoa, esclusi i più importanti che si rifiutarono di piegare la schiena agli ordini dei sovrintendenti ai lavori.
Rimandi Note al Testo
6 La porta Vecchia fu ricostruita da Ioiadà figlio di Pasèach e da Mesullàm figlio di Besodia. Essi fecero l’intelaiatura, montarono i battenti, le serrature e i catenacci.
Rimandi Note al Testo
I tratti successivi delle mura furono riparati da Melatia da Gàbaon, Iadon da Meronòt e dagli uomini venuti da Gàbaon e da Mispa. Essi arrivarono fino all’altezza della sede del governatore della regione occidentale.
Rimandi Note al Testo
3,7 I tratti successivi delle mura furono riparati da: altri: Accanto a loro restaurarono. — Essi arrivarono… governatore: altri: Essi lavorarono per conto del governatore.
8 Uzzièl figlio di Caraià, uno degli orefici, e Ananìa, uno dei profumieri, lavorarono a Gerusalemme fin quando giunsero all’altezza del muro largo.
Rimandi Note al Testo
9 Nei tratti successivi lavorarono: Refaià figlio di Cur, capo di mezzo distretto di Gerusalemme;
Rimandi Note al Testo
10 Iedaia figlio di Carumàf, che lavorava proprio di fronte a casa sua; Cattus figlio di Casabnia;
Rimandi Note al Testo
Malchia figlio di Carim con Cassub figlio di Pacat-Moab, i quali restaurarono anche la torre dei Forni,
Rimandi Note al Testo
3,11 la torre dei Forni: era nel settore ovest della città.
12 e Sallum figlio di Allochès, capo dell’altra metà del distretto di Gerusalemme, aiutato dalle sue figlie.
Rimandi Note al Testo
La porta della Valle fu ricostruita da Canun e dagli abitanti di Zanòach. Essi fecero l’intelaiatura, montarono i battenti, le serrature e i catenacci. Ripararono anche circa cinquecento metri di mura fino alla porta del Letame.
Rimandi Note al Testo
3,13 la porta della Valle: vedi nota a 2,13.
14 La porta del Letame fu ricostruita da Malchia figlio di Recab, capo del distretto di Bet-Cherem. Egli fece l’intelaiatura, montò i battenti, le serrature e i catenacci.
Rimandi Note al Testo
La porta della Sorgente fu ricostruita da Sallum figlio di Col-Cozè, capo del distretto di Mispa. Egli fece l’intelaiatura, la ricoprì con un tetto e montò i battenti, le serrature e i catenacci. Poi riparò il muro alla piscina di Siloe, vicino al giardino del re, fino all’altezza della scalinata che porta alla Città di Davide.
Rimandi Note al Testo
3,15 la porta della Sorgente: era a sud-est della città, dove c’era anche il campo del Lavandaio (vedi anche nota a 2,14). — piscina di Siloe: altri: piscina del canale.
16 Il tratto successivo fu riparato da Neemia figlio di Azbuk, capo di metà del distretto di Bet-Sur. Egli arrivò al tratto di fronte alle tombe di Davide, fino allo stagno artificiale e alla caserma delle guardie.
Rimandi Note al Testo
17 Nei tratti seguenti i lavori furono fatti dai leviti: Recum figlio di Banì; Casabia, capo di una metà del distretto di Keila, per conto del suo distretto;
Rimandi Note al Testo
18 Binnùi figlio di Chenadàd, capo dell’altra metà del distretto di Keila con altri leviti;
Rimandi Note al Testo
Ezer, figlio di Giosuè, capo del distretto di Mispa, che lavorò dal tratto vicino alla salita del deposito di armi fino all’Angolo;
Rimandi Note al Testo
3,19 deposito di armi… Angolo: testo ebraico per noi oscuro.
20 Baruc figlio di Zabbài, impegnato nel tratto dall’Angolo all’ingresso della casa del sommo sacerdote Eliasìb;
Rimandi Note al Testo
21 Meremòt, figlio di Uria e nipote di Akkos, che lavorò di lì fino al termine delle proprietà di Eliasìb.
Rimandi Note al Testo
22 Nei tratti seguenti i lavori furono fatti dai sacerdoti abitanti nei dintorni.
Rimandi Note al Testo
23 Beniamino e Cassub lavorarono di fronte alla loro casa; Azaria figlio di Maasia e nipote di Ananìa lavorò anch’egli vicino a casa sua;
Rimandi Note al Testo
24 Binnùi figlio di Chenadàd fece il tratto dalla casa di Azaria fino alla svolta sull’Angolo;
Rimandi Note al Testo
25 Palal figlio di Uzài lavorò dall’Angolo fino alla torre che sporge dal palazzo reale, vicino al cortile della prigione. Pedaià figlio di Paros e
Rimandi Note al Testo
gli addetti al tempio, che abitavano nel quartiere dell’Ofel, lavorarono nel tratto verso est, fin davanti alla porta delle Acque e alla torre sporgente.
Rimandi
3,26 che abitavano nel quartiere dell’Ofel 11,21.
Note al Testo
3,26 quartiere dell’Ofel: testo ebraico per noi oscuro; forse le parole sull’abitazione degli inservienti sono come una parentesi (vedi 11,21). — la porta delle Acque: il testo dice che non era una porta delle mura, ma non sappiamo a quale altra struttura edilizia appartenesse.
27 Nel tratto seguente, dalla gran torre sporgente fino al muro dell’Ofel, lavorarono gli abitanti di Tekoa.
Rimandi Note al Testo
28 A cominciare dalla porta dei Cavalli, lavorarono alcuni sacerdoti, ognuno nel tratto di fronte a casa sua.
Rimandi Note al Testo
29 Più avanti, di fronte alla sua casa, lavorò Sadoc figlio di Immer. Nei tratti seguenti lavorarono: Semaià figlio di Secania, custode della porta Orientale;
Rimandi Note al Testo
30 Ananìa figlio di Selemia con Canun, sesto figlio di Salaf; infine Mesullàm figlio di Berechia, di fronte alla sua abitazione.
Rimandi Note al Testo
31 L’orafo Malchia lavorò nel tratto fino alla casa degli inservienti del tempio e dei mercanti, vicino alla porta della Rassegna e fino all’angolo che ha in alto una stanza.
Rimandi Note al Testo
32 Gli altri orafi e i mercanti fecero l’ultimo tratto fino alla porta delle Pecore.
Rimandi Note al Testo
Quando Sanballàt venne a sapere che stavano ricostruendo le mura, si irritò moltissimo e cominciò a deriderci.
Rimandi
3,33 Sanballàt 2,10+.
Note al Testo
3,33 In alcune traduzioni il c. 4 inizia qui e pertanto i vv. 33-38 corrispondono a 4,1-6, mentre i vv. 1-17 del c. 5 corrispondono a 4,7-23.
In presenza dei suoi amici e dei soldati di Samaria, diceva: «Che cosa vogliono fare questi miserabili? Pensano di arrivare alla fine? Pensano veramente di far tutto in un giorno e di concludere con la celebrazione di un sacrificio ? Credono di ridare vita a mucchi di macerie, ridotte in cenere dal fuoco?».
Rimandi Note al Testo
3,34 e di concludere… sacrificio?: altri: offriranno sacrifici?
35 Anche Tobia l’Ammonita, che stava dalla sua parte, ci prendeva in giro: «Che bel muro stanno facendo! Basta che ci salti su una volpe e crolla tutto».
Rimandi Note al Testo
«O Dio nostro, — pregai, — guarda come ci deridono. Fa’ che provino anche loro quel che ci fanno patire; provino disprezzo e insulto in terra d’esilio.
Rimandi
3,36 provino quel che ci fanno patire Os 12,15; Sal 79,12.
Note al Testo
Essi offendono quelli che sono impegnati alla ricostruzione: tieni conto di questo loro peccato, non dimenticare questa loro colpa».
Rimandi
3,37 Tieni conto Ger 18,23.
Note al Testo
38 Tuttavia la ricostruzione andò avanti. Tutto il muro era arrivato a metà altezza e la gente lavorava con slancio.
Rimandi Note al Testo

Rimandi

3,1Eliasìb Esd 10,6+. — la torre di Cananèl Ne 12,39; Ger 31,38; Zc 14,10.
3,3porta dei Pesci cfr. 13,16.
3,26che abitavano nel quartiere dell’Ofel 11,21.
3,33Sanballàt 2,10+.
3,36provino quel che ci fanno patire Os 12,15; Sal 79,12.
3,37Tieni conto Ger 18,23.

Note al Testo

3,1la porta delle Pecore: era all’angolo nord-est della città. La ricostruzione cominciò da questo punto e procedette tutto attorno in senso antiorario. Oggi non sappiamo più dove erano molte località indicate. Nelle note seguenti indichiamo la posizione dei punti più importanti.
3,7I tratti successivi delle mura furono riparati da: altri: Accanto a loro restaurarono. — Essi arrivarono… governatore: altri: Essi lavorarono per conto del governatore.
3,11la torre dei Forni: era nel settore ovest della città.
3,13la porta della Valle: vedi nota a 2,13.
3,15la porta della Sorgente: era a sud-est della città, dove c’era anche il campo del Lavandaio (vedi anche nota a 2,14). — piscina di Siloe: altri: piscina del canale.
3,19deposito di armi… Angolo: testo ebraico per noi oscuro.
3,26quartiere dell’Ofel: testo ebraico per noi oscuro; forse le parole sull’abitazione degli inservienti sono come una parentesi (vedi 11,21). — la porta delle Acque: il testo dice che non era una porta delle mura, ma non sappiamo a quale altra struttura edilizia appartenesse.
3,33In alcune traduzioni il c. 4 inizia qui e pertanto i vv. 33-38 corrispondono a 4,1-6, mentre i vv. 1-17 del c. 5 corrispondono a 4,7-23.
3,34e di concludere… sacrificio?: altri: offriranno sacrifici?