Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Matteo

11 Quando ebbe finito di insegnare ai suoi dodici *discepoli, Gesù partì per andare a predicare e a insegnare nelle città di quella regione.
Rimandi
11,1 dopo questi insegnamenti Mt 7,28+.
Note al Testo
Giovanni era in prigione, ma sentì parlare di quel che faceva il *Cristo. Allora mandò alcuni dei suoi discepoli per domandargli:
Rimandi
11,2 Giovanni il Battezzatore Mt 3,1+. — suoi discepoli Mt 9,14+.
Note al Testo
— Sei tu quello che deve venire oppure dobbiamo aspettare un altro?
Rimandi
11,3 quello che deve venire Mt 3,11+.
Note al Testo
11,3 quello che deve venire: un modo per indicare il futuro Messia.
4 Gesù rispose ai discepoli di Giovanni: — Andate a raccontargli quel che udite e vedete:
Rimandi Note al Testo
i ciechi vedono, gli zoppi camminano, i lebbrosi sono risanati, i sordi odono, i morti risorgono e la salvezza viene annunziata ai poveri.
Rimandi Note al Testo
Beato chi non perderà la fede in me.
Rimandi
11,6 Beato Mt 5,3+. — Gesù occasione di caduta Mt 5,29+.
Note al Testo
11,6 perderà la fede: vedi nota a 5,29.
Mentre quelli se ne andavano Gesù cominciò a parlare di Giovanni alla folla. Diceva: «Che cosa siete andati a vedere nel deserto? Una canna agitata dal vento? No.
Rimandi
11,7 nel deserto Mt 3,1+.
Note al Testo
8 Che cosa, allora? Un uomo vestito con abiti di lusso? Ma quelli che portano abiti di lusso stanno nei palazzi dei re!
Rimandi Note al Testo
Che cosa siete andati a vedere? Un *profeta ? Sì, ve lo dico io, qualcosa di più che un profeta.
Rimandi
11,9 Giovanni il Battezzatore, profeta Mt 14,5; 21,26; Lc 1,76.
Note al Testo
«Nella *Bibbia Dio dice di lui: Io mando il mio messaggero davanti a te: egli ti preparerà la strada.
Rimandi
11,10 il mio messaggero davanti a te Es 23,20; Ml 3,1 (Mc 1,2; Lc 1,76; 7,27); Gv 3,28.
Note al Testo
11,10 Qui Matteo adatta le parole di Malachia 3,1, in cui il messaggero deve preparare la via dinanzi a Dio stesso. In Esodo 23,20 si parla invece di un angelo che Dio manda ad aprire la strada al suo popolo.
11 Anzi, vi assicuro che tra gli uomini nessuno è mai stato più grande di Giovanni il Battezzatore. Eppure, il più piccolo nel *regno di Dio è più grande di lui.
Rimandi Note al Testo
«Dal tempo di Giovanni il Battezzatore fino a oggi il regno di Dio incontra opposizione perché i violenti vi si oppongono.
Rimandi Note al Testo
11,12 Altra traduzione possibile: il regno di Dio soffre violenza e i violenti se ne impadroniscono.
Tutti i profeti e tutta la *legge di Mosè hanno parlato del regno di Dio, fino al tempo di Giovanni.
Rimandi
11,13 i profeti e la Legge Mt 7,12+.
Note al Testo
E se volete credermi, è Giovanni quel profeta *Elia che deve tornare.
Rimandi Note al Testo
Chi ha orecchi, cerchi di capire!».
Rimandi
11,15 aver orecchi per capire Dt 29,3; Sal 115,6; Mt 13,9.43; Lc 8,8; 14,35; Ap 2,7; 13,9; cfr. Mt 19,12.
Note al Testo
Gesù disse ancora: «A chi posso paragonare la gente d’oggi? Sono come bambini seduti in piazza che gridano gli uni contro gli altri:
Rimandi
11,16 la gente d’oggi Mt 12,39-45; 17,17.
Note al Testo
“Vi abbiamo suonato con il flauto una musica allegra, e non avete ballato; vi abbiamo cantato un canto di dolore, e non vi siete battuti il petto”.
Rimandi Note al Testo
11,17 Nel gioco i bambini imitano i gesti di sposalizi o di funerali; a volte per capriccio qualcuno non rispetta le regole del gioco. In modo simile gli Ebrei criticano sia Giovanni che Gesù, per quanto diversi; in questo caso, Gesù indica a chi cerca, anche facendo violenza a se stesso, di entrare dalla porta piccola (vedi 7,13-14); oppure indica il Regno dei cieli, che si apre con forza la strada nel mondo.
«Così avviene oggi. È venuto Giovanni il Battezzatore, il quale non mangia e non beve, e dicono: “È un indemoniato”.
Rimandi
11,18 ascetismo di Giovanni Mt 3,4; 9,14. — era un indemoniato Gv 7,20.
Note al Testo
Poi è venuto il *Figlio dell’uomo, il quale mangia e beve, e dicono: “Questo è un mangione e un beone, amico di quelli delle tasse e di altre persone di cattiva reputazione”. Eppure la Sapienza di Dio è manifestata dalle sue opere».
Rimandi
11,19 Gesù non digiuna Mt 9,14. — amico di quelli delle tasse e dei peccatori Mt 9,11; Lc 15,1-2; 19,7.
Note al Testo
11,19 la Sapienza di Dio: probabilmente si fa riferimento a Gesù. — dalle sue opere: alcuni antichi manoscritti dicono diversamente: per mezzo dei suoi figli.
20 Poi Gesù si mise a parlare severamente contro quelle città nelle quali aveva compiuto la maggior parte dei suoi fatti miracolosi: le rimproverava perché i loro abitanti non avevano cambiato vita.
Rimandi Note al Testo
Diceva: «Guai a voi, abitanti di Corazin! Guai a voi, abitanti di Betsàida! Perché, se i miracoli avvenuti in mezzo a voi fossero stati fatti nelle città pagane di Tiro e Sidone, da tempo i loro abitanti si sarebbero vestiti di sacco e avrebbero messo cenere sul capo per mostrare che volevano cambiare vita.
Rimandi Note al Testo
11,21 Corazin, Betsàida: città della Galilea, poco lontane da Cafàrnao; Tiro e Sidone invece sono città non ebree situate nella Fenicia (attuale Libano). — vestiti di sacco… messo cenere sul capo: tradizionali gesti di penitenza nell’antico mondo ebraico (vedi Isaia 15,3; Geremia 6,26 e nota a Giona 3,5).
11,21–23 Tiro e Sidone, insieme a Sòdoma, erano considerate modelli di empietà.
22 Perciò, vi assicuro che nel giorno del *giudizio gli abitanti di Tiro e di Sidone saranno trattati meno severamente di voi.
Rimandi Note al Testo
E tu, città di Cafàrnao, credi forse che Dio ti innalzerà fino al cielo? No, tu precipiterai nell’abisso! Perché, se i miracoli avvenuti in te fossero stati fatti a Sòdoma, quella città esisterebbe ancor oggi.
Rimandi
11,23 Is 14,13.15. — Sòdoma Mt 10,15+.
Note al Testo
24 Perciò, ti assicuro che nel giorno del giudizio Sòdoma sarà trattata meno severamente di te».
Rimandi Note al Testo
In quel momento Gesù disse: «Ti ringrazio, Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai grandi e ai sapienti e le hai fatte conoscere ai piccoli».
Rimandi
11,25 nascoste ai sapienti Dn 2,3-13; 1Cor 1,17-29. — rivelate Dn 2,18-29; Mt 13,11. — piccoli Mt 10,42.
Note al Testo
26 Sì, Padre, così tu hai voluto.
Rimandi Note al Testo
E disse ancora: «Il Padre ha messo tutto nelle mie mani. Nessuno conosce il Figlio, se non il Padre. Nessuno conosce il Padre, se non il Figlio e quelli ai quali il Figlio lo fa conoscere».
Rimandi
11,27 tutto Mt 28,18; Gv 3,35; 13,3; 17,2; Fil 2,9. — il Padre e il Figlio Mt 21,37; 24,36; Mc 14,36; Gv 1,18; 10,15.
Note al Testo
28 «Venite con me, tutti voi che siete stanchi e oppressi: io vi farò riposare.
Rimandi Note al Testo
Accogliete le mie parole e lasciatevi istruire da me. Io non tratto nessuno con violenza e sono buono con tutti. Voi troverete la pace,
Rimandi Note al Testo
11,29–30 Accogliete le mie parole… perché quel che vi domando: è il senso dell’espressione simbolica: prendete il mio giogo… perché il mio giogo…
30 perché quel che vi comando è per il vostro bene, quel che vi do da portare è un peso leggero».
Rimandi Note al Testo

Rimandi

11,1dopo questi insegnamenti Mt 7,28+.
11,2Giovanni il Battezzatore Mt 3,1+. — suoi discepoli Mt 9,14+.
11,3quello che deve venire Mt 3,11+.
11,6Beato Mt 5,3+. — Gesù occasione di caduta Mt 5,29+.
11,7nel deserto Mt 3,1+.
11,9Giovanni il Battezzatore, profeta Mt 14,5; 21,26; Lc 1,76.
11,10il mio messaggero davanti a te Es 23,20; Ml 3,1 (Mc 1,2; Lc 1,76; 7,27); Gv 3,28.
11,13i profeti e la Legge Mt 7,12+.
11,15aver orecchi per capire Dt 29,3; Sal 115,6; Mt 13,9.43; Lc 8,8; 14,35; Ap 2,7; 13,9; cfr. Mt 19,12.
11,16la gente d’oggi Mt 12,39-45; 17,17.
11,18ascetismo di Giovanni Mt 3,4; 9,14. — era un indemoniato Gv 7,20.
11,19Gesù non digiuna Mt 9,14. — amico di quelli delle tasse e dei peccatori Mt 9,11; Lc 15,1-2; 19,7.
11,23Is 14,13.15. — Sòdoma Mt 10,15+.
11,25nascoste ai sapienti Dn 2,3-13; 1Cor 1,17-29. — rivelate Dn 2,18-29; Mt 13,11. — piccoli Mt 10,42.
11,27tutto Mt 28,18; Gv 3,35; 13,3; 17,2; Fil 2,9. — il Padre e il Figlio Mt 21,37; 24,36; Mc 14,36; Gv 1,18; 10,15.

Note al Testo

11,3quello che deve venire: un modo per indicare il futuro Messia.
11,6perderà la fede: vedi nota a 5,29.
11,10Qui Matteo adatta le parole di Malachia 3,1, in cui il messaggero deve preparare la via dinanzi a Dio stesso. In Esodo 23,20 si parla invece di un angelo che Dio manda ad aprire la strada al suo popolo.
11,12Altra traduzione possibile: il regno di Dio soffre violenza e i violenti se ne impadroniscono.
11,17Nel gioco i bambini imitano i gesti di sposalizi o di funerali; a volte per capriccio qualcuno non rispetta le regole del gioco. In modo simile gli Ebrei criticano sia Giovanni che Gesù, per quanto diversi; in questo caso, Gesù indica a chi cerca, anche facendo violenza a se stesso, di entrare dalla porta piccola (vedi 7,13-14); oppure indica il Regno dei cieli, che si apre con forza la strada nel mondo.
11,19la Sapienza di Dio: probabilmente si fa riferimento a Gesù. — dalle sue opere: alcuni antichi manoscritti dicono diversamente: per mezzo dei suoi figli.
11,21Corazin, Betsàida: città della Galilea, poco lontane da Cafàrnao; Tiro e Sidone invece sono città non ebree situate nella Fenicia (attuale Libano). — vestiti di sacco… messo cenere sul capo: tradizionali gesti di penitenza nell’antico mondo ebraico (vedi Isaia 15,3; Geremia 6,26 e nota a Giona 3,5).
11,21–23Tiro e Sidone, insieme a Sòdoma, erano considerate modelli di empietà.
11,29–30Accogliete le mie parole… perché quel che vi domando: è il senso dell’espressione simbolica: prendete il mio giogo… perché il mio giogo…