Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

2 Cronache

18 Giòsafat divenne molto ricco e famoso e s’imparentò con Acab re d’Israele.
Rimandi Note al Testo
18,1 Per i legami di parentela tra Giòsafat e Acab vedi 2 Re 8,18.
2 Dopo alcuni anni Giòsafat andò a trovare Acab a Samaria. Acab uccise per l’occasione molti buoi e molte pecore per festeggiare Giòsafat e il suo seguito. Cercò poi di persuaderlo ad attaccare, insieme con lui, la città di Ramot di Gàlaad.
Rimandi Note al Testo
3 Gli propose: — Vuoi allearti con me contro Ramot di Gàlaad? — Conta pure su di me e sul mio esercito, — rispose Giòsafat. — Combatterò con te.
Rimandi Note al Testo
Prima però, consultiamo il Signore, oggi stesso.
Rimandi Note al Testo
18,4 consultiamo il Signore: vedi 1 Re 22,5 e nota.
5 Il re Acab convocò i suoi profeti, quattrocento in tutto, e chiese loro: — Possiamo attaccare Ramot di Gàlaad o io devo rinunziare? — Va’ pure all’attacco, — risposero i profeti. — Dio farà cadere la città in tuo potere.
Rimandi Note al Testo
6 Giòsafat chiese: — Non c’è un altro profeta del Signore che ci aiuti a interrogarlo?
Rimandi Note al Testo
7 Il re Acab rispose: — Ce n’è ancora uno: è Michea figlio di Imla. Lui può aiutarci a interrogare il Signore, però io lo detesto perché non mi annunzia mai niente di buono: sempre cose cattive! — Tu, o re, non dovresti parlare così, — replicò Giòsafat.
Rimandi Note al Testo
8 Allora il re Acab chiamò un ministro e gli ordinò di far venire al più presto Michea figlio di Imla.
Rimandi Note al Testo
9 Intanto Acab, re d’Israele, e Giòsafat, re di Giuda, con indosso i loro abiti regali, stavano seduti, ognuno su un trono, sullo spiazzo all’ingresso di Samaria. I profeti pronunziavano oracoli in loro presenza.
Rimandi Note al Testo
10 Uno di loro, Sedecia figlio di Chenaanà, si era fatto un paio di corna di ferro e diceva: «Il Signore ha parlato e ha detto: Con queste schiaccerai gli Aramei».
Rimandi Note al Testo
11 Tutti i profeti dicevano la stessa cosa: «Attacca Ramot di Gàlaad! Ce la farai. Il Signore farà cadere in mano tua la città!».
Rimandi Note al Testo
12 Nel frattempo, il messaggero che era andato a chiamare Michea, gli diceva: — Tutti i profeti, a una sola voce, annunziano al re cose buone. Fa’ anche tu come loro e fagli buone previsioni.
Rimandi Note al Testo
13 Michea rispose: — Com’è vero che il Signore vive, dirò quel che il mio Dio mi farà dire.
Rimandi Note al Testo
14 Michea andò dal re e questi gli chiese: — Possiamo attaccare Ramot di Gàlaad o dobbiamo rinunziare? Michea rispose: — Certo, attaccate pure, ce la farete! Il Signore farà cadere la città in vostro potere!
Rimandi Note al Testo
15 — Anche questa volta, ti scongiuro — disse il re Acab: — dimmi soltanto la verità quando parli in nome del Signore.
Rimandi Note al Testo
16 Allora Michea rispose: — Ho visto il popolo d’Israele disperso sulle montagne, come un gregge senza pastore. Il Signore ha detto: «Questi uomini son senza guida; tornino in pace alle loro case!».
Rimandi Note al Testo
17 Acab disse a Giòsafat: — Te l’avevo detto: quest’uomo non mi annunzia mai niente di buono, ma solo cose cattive!
Rimandi Note al Testo
18 Michea riprese a parlare: — Ascoltate la parola del Signore! Io l’ho visto seduto sul suo trono, con tutti i suoi servitori in piedi alla sua destra e alla sua sinistra.
Rimandi Note al Testo
19 A un certo punto ha chiesto loro: «Chi convincerà Acab re d’Israele ad andare a Ramot di Gàlaad, dove finirà ammazzato?». I servitori davano le risposte più varie,
Rimandi Note al Testo
20 finché uno spirito si è presentato al Signore e ha detto: «Lo convincerò io!». Il Signore gli ha chiesto come avrebbe fatto
Rimandi Note al Testo
21 e lui ha risposto: «Farò uscire menzogne dalla bocca dei profeti». «Va’ pure, ingannalo così! Ci riuscirai», gli ha detto il Signore.
Rimandi Note al Testo
22 E Michea concluse: — Il Signore ha fatto uscire menzogne dalla bocca dei profeti, ma in realtà ha deciso di farti finire male.
Rimandi Note al Testo
23 Sedecia figlio di Chenaanà si avvicinò a Michea, gli diede uno schiaffo e gli disse: — Da che parte lo spirito del Signore è uscito da me per parlare a te?
Rimandi Note al Testo
24 — Lo vedrai il giorno che cercherai un nascondiglio di stanza in stanza, — rispose Michea.
Rimandi Note al Testo
25 Il re Acab ordinò: — Arrestate Michea e consegnatelo ad Amon, governatore della città, e al principe Ioas.
Rimandi Note al Testo
26 Ordinate loro di rinchiuderlo in prigione e di tenerlo a pane e acqua, finché non tornerò sano e salvo dalla guerra!
Rimandi Note al Testo
27 Michea replicò: — Se tornerai sano e salvo vorrà dire che non è stato il Signore a parlare per bocca mia!
Rimandi Note al Testo
28 Il re d’Israele, Acab, e il re di Giuda, Giòsafat, salirono a Ramot di Gàlaad.
Rimandi Note al Testo
Acab disse a Giòsafat: «Per combattere io mi travestirò ma tu tieni i tuoi abiti regali». Il re Acab si travesti e andò a combattere.
Rimandi Note al Testo
18,29 mi travestirò: vedi 1 Re 22,30 e nota.
30 Il re di Aram aveva ordinato ai capi dei suoi carri: «Voi cercate di colpire il re d’Israele e lasciate perdere tutti gli altri».
Rimandi Note al Testo
31 Quando i capi dei carri videro Giòsafat, dissero: «Ecco là il re d’Israele!». E lo circondarono per attaccarlo. Giòsafat si mise a gridare. In quel momento il Signore l’aiutò e Dio fece allontanare da lui quelli che lo aggredivano.
Rimandi Note al Testo
32 I capi dei carri si accorsero che non era lui il re d’Israele e si allontanarono.
Rimandi Note al Testo
33 Un soldato, però, tirò a caso con l’arco e una freccia colpì proprio Acab, infilandosi tra le piastre della sua corazza. «Sono ferito! — gridò Acab al suo cocchiere — Gira il carro e portami lontano dal campo di battaglia».
Rimandi Note al Testo
34 La battaglia infuriò per tutto il giorno e Acab, re d’Israele, dovette stare nel suo carro fino a sera, di fronte allo schieramento arameo. Al tramonto morì.
Rimandi Note al Testo

Rimandi

Note al Testo

18,1Per i legami di parentela tra Giòsafat e Acab vedi 2 Re 8,18.
18,4consultiamo il Signore: vedi 1 Re 22,5 e nota.
18,29mi travestirò: vedi 1 Re 22,30 e nota.