Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12

Daniele

5 Il re Baldassàr invitò a un gran banchetto mille dei suoi più alti funzionari e si mise a bere vino assieme a loro.
Rimandi Note al Testo
5,1 Baldassàr: questo personaggio non era figlio di Nabucodònosor (vedi v. 2), ma dell’ultimo re di Babilonia, Nabonedo, che gli affidò il governo del regno solo per un certo periodo di tempo. Per il significato del nome vedi nota a 4,5.
Quando era già un po’ brillo, diede ordine di portare le coppe d’oro e d’argento che suo padre Nabucodònosor aveva preso dal tempio di Gerusalemme. Le voleva usare per bere assieme ai suoi alti funzionari, alle mogli e alle concubine.
Rimandi Note al Testo
5,2 le coppe… dal tempio di Gerusalemme: vedi 2 Re 25,13.
3 Gli furono perciò portate le coppe d’oro che provenivano dal tempio di Dio, a Gerusalemme, e il re e tutti i presenti se ne servirono per bere.
Rimandi Note al Testo
Quando furono ancora più brilli cominciarono a cantare le lodi degli dèi d’oro e d’argento, di bronzo e di ferro, di legno e di pietra.
Rimandi
5,4 gli dèi d’oro Is 40,19; Ap 9,20.
Note al Testo
5 Ma improvvisamente apparvero le dita di una mano d’uomo di fronte al candelabro. Scrivevano qualcosa sulla parete della sala. Appena il re vide questa mano che scriveva,
Rimandi Note al Testo
6 divenne pallido e i suoi pensieri lo atterrirono; perse la sua sicurezza e le ginocchia cominciarono a tremargli.
Rimandi Note al Testo
Si mise a gridare e ordinò di convocare i saggi di Babilonia: maghi, astrologi e incantatori. Disse loro: «Chiunque leggerà questa scrittura e me ne darà la spiegazione, lo farò rivestire di abiti sontuosi, porterà una collana d’oro attorno al collo e diventerà la terza autorità nel governo del regno».
Rimandi Note al Testo
5,7 la terza autorità: alcuni intendono non in senso gerarchico, ma come membro di un comitato di tre ministri (una specie di triumvirato).
8 Allora si fecero avanti tutti i saggi al servizio del re ma nessuno di loro fu capace di leggere quella scrittura e di darne al re la spiegazione.
Rimandi Note al Testo
9 Baldassàr rimase atterrito e impallidì ancora di più; anche i suoi alti funzionari rimasero sconcertati.
Rimandi Note al Testo
10 La regina madre udì le grida del re e dei suoi alti funzionari. Entrò nella sala del banchetto e disse: «Lunga vita a te, maestà! Non lasciarti atterrire dai tuoi pensieri e non impallidire.
Rimandi Note al Testo
11 Nel tuo regno c’è un uomo animato dallo spirito degli dèi santi. Abbiamo riscontrato in lui, quando era vivo tuo padre, una lucidità, una intelligenza e una saggezza che soltanto gli dèi hanno. Perciò tuo padre, il re Nabucodònosor, lo nominò capo degli indovini, dei maghi, degli astrologi e degli incantatori.
Rimandi Note al Testo
12 Quest’uomo possiede un eccezionale spirito di discernimento e di intelligenza e la capacità di spiegare i sogni, di risolvere gli enigmi e di svelare i misteri. Fa’ venire quest’uomo, chiamato Daniele, e a cui il re aveva dato il nome di Baltassàr: egli rivelerà il significato di questa scritta».
Rimandi Note al Testo
13 Daniele fu quindi condotto davanti al re che gli domandò: — Sei tu Daniele, quell’Ebreo che il re, mio padre, ha deportato dalla terra di Giuda?
Rimandi Note al Testo
14 Ho sentito dire che sei animato dallo spirito degli dèi e che possiedi lucidità, intelligenza e saggezza eccezionale.
Rimandi Note al Testo
15 Poco fa hanno condotto da me i saggi e i maghi per leggermi la scrittura che vedi e per darmene la spiegazione, ma non ne sono stati capaci.
Rimandi Note al Testo
Ho saputo che tu sai spiegare gli enigmi e svelare i misteri. Se riesci a leggere e a spiegarmi questa scrittura ti farò rivestire di abiti sontuosi, mettere una collana d’oro attorno al collo e diventare la terza autorità nel governo del regno.
Rimandi Note al Testo
5,16 la terza autorità: vedi nota al v. 7.
17 Daniele rispose al re: — Maestà, tieni pure per te o da’ ad altri i tuoi regali e i tuoi doni. Da parte mia io ti leggerò la scrittura e te ne darò la spiegazione.
Rimandi Note al Testo
18 Il Dio Altissimo aveva fatto di tuo padre Nabucodònosor un grande re, coperto di gloria e di maestà.
Rimandi Note al Testo
19 Per questa grandezza ricevuta da Dio, la gente di ogni popolo, nazione o lingua tremava davanti a lui. Egli condannava a morte o lasciava in vita quelli che voleva; onorava o umiliava quelli che voleva.
Rimandi Note al Testo
Poi divenne superbo e arrogante. Perciò fu spodestato e privato della sua gloria.
Rimandi
5,20 divenne superbo Dn 11,12; Dt 8,14; Ez 31,10. — arrogante Es 7,13.22.
Note al Testo
21 Fu cacciato di mezzo agli uomini e ridotto a vivere come le bestie: abitò tra gli asini selvatici, si nutri di erba come i buoi e il suo corpo fu bagnato dalla rugiada. Visse così finché non riconobbe che il Dio Altissimo è il signore dei regni e stabilisce chi deve essere re.
Rimandi Note al Testo
22 Tu, Baldassàr, che sei suo figlio, sapevi tutto questo, eppure non ti comporti con umiltà.
Rimandi Note al Testo
23 Hai disprezzato il Dio del cielo facendo portare le coppe sacre del suo tempio e le hai usate per bere il vino tu, i tuoi alti funzionari, le tue spose e le tue concubine. Hai inoltre cantato le lodi degli dèi d’argento e d’oro, di bronzo e di ferro, di legno e di pietra, di divinità che non vedono niente, non odono niente e non sanno niente; ma non hai reso gloria al Dio che tiene in mano la tua vita presente e il tuo destino futuro.
Rimandi Note al Testo
24 Perciò Dio ha inviato una mano a scrivere queste parole.
Rimandi Note al Testo
25 Ecco quel che c’è scritto: Mene, Mene, Tekel, Parsin.
Rimandi Note al Testo
26 Questa è la spiegazione: «Mene significa “contato”: Dio ha fatto i conti sul tuo regno e vi mette fine.
Rimandi Note al Testo
27 Tekel significa “pesato”: tu sei stato pesato sulla bilancia ma sei stato trovato insufficiente.
Rimandi Note al Testo
Peres significa “diviso”: il tuo regno è stato diviso per essere dato ai Medi e ai Persiani».
Rimandi Note al Testo
5,28 Peres o Parsin (v. 25): sono il singolare e il plurale della stessa parola aramaica. L’autore non solo gioca sul suo significato (diviso), ma anche sulla somiglianza con la parola Persiano.
29 Baldassàr diede subito ordine ai suoi servi di rivestire Daniele di abiti sontuosi e di mettergli una collana d’oro attorno collo. Fece anche proclamare Daniele come terza autorità nel governo del regno.
Rimandi Note al Testo
In quella stessa notte, Baldassàr, re dei Caldei, venne ucciso
Rimandi Note al Testo
5,30 Caldei: vedi nota a 1,4.

Rimandi

5,4gli dèi d’oro Is 40,19; Ap 9,20.
5,20divenne superbo Dn 11,12; Dt 8,14; Ez 31,10. — arrogante Es 7,13.22.

Note al Testo

5,1Baldassàr: questo personaggio non era figlio di Nabucodònosor (vedi v. 2), ma dell’ultimo re di Babilonia, Nabonedo, che gli affidò il governo del regno solo per un certo periodo di tempo. Per il significato del nome vedi nota a 4,5.
5,2le coppe… dal tempio di Gerusalemme: vedi 2 Re 25,13.
5,7la terza autorità: alcuni intendono non in senso gerarchico, ma come membro di un comitato di tre ministri (una specie di triumvirato).
5,16la terza autorità: vedi nota al v. 7.
5,28Peres o Parsin (v. 25): sono il singolare e il plurale della stessa parola aramaica. L’autore non solo gioca sul suo significato (diviso), ma anche sulla somiglianza con la parola Persiano.
5,30Caldei: vedi nota a 1,4.