Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

2 Cronache

13 1 Abia divenne re di Giuda quando Geroboamo era re d’Israele al nord da diciotto anni.
Rimandi Note al Testo
Abia regnò a Gerusalemme tre anni. Sua madre era Maacà figlia di Urièl della città di Gàbaa. I re Abia e Geroboamo si fecero guerra.
Rimandi Note al Testo
13,2 Abia secondo 11,20 era figlio di Maacà, figlia di Assalonne (vedi anche 1 Re 15,2).
3 Abia schierò un esercito di quattrocentomila soldati ben addestrati e Geroboamo gli oppose un esercito di ottocentomila soldati altrettanto valorosi.
Rimandi Note al Testo
Allora Abia salì sul monte Semaràim nella zona montagnosa di Èfraim, e gridò a Geroboamo e a tutti gli uomini del regno d’Israele: «Ascoltate!
Rimandi Note al Testo
13,4 Semaràim: a circa 30 km a nord di Gerusalemme.
Non ricordate la promessa irrevocabile del Signore, Dio d’Israele? Egli ha dato il dominio su tutto il regno d’Israele a Davide e ai suoi discendenti, per sempre.
Rimandi Note al Testo
13,5 irrevocabile: è questo il senso dell’espressione ebraica: alleanza di sale (vedi Levitico 2,13 e nota).
6 Ma Geroboamo figlio di Nebat, un servo di Salomone figlio di Davide, si è ribellato al suo re.
Rimandi Note al Testo
Con lui si sono messi uomini spregevoli, gente senza scrupoli. Essi sono riusciti a imporre la loro volontà a Roboamo, il figlio di Salomone. Egli era allora giovane e inesperto e non è stato capace di resistere loro.
Rimandi
13,7 uomini spregevoli Dt 13,14.
Note al Testo
Ora anche voi avete la pretesa di opporvi all’autorità del Signore, messa nelle mani dei discendenti di Davide, solo perché siete un grande esercito e avete con voi i vitelli d’oro che Geroboamo ha costruito come vostri dèi.
Rimandi
13,8 i vitelli d’oro 1Re 12,28-30.
Note al Testo
Voi avete mandato via i veri sacerdoti del Signore, discendenti di Aronne, e i leviti, e avete istituito altri sacerdoti come quelli dei popoli stranieri. Se uno voleva ottenere il sacerdozio, portava un toro o sette agnelli, e questo bastava per diventare sacerdote di un dio che non è Dio.
Rimandi
13,9 Geroboamo ha istituito altri sacerdoti 1Re 12,31.
Note al Testo
10 Per noi, invece, il nostro Dio è il Signore, noi non l’abbiamo abbandonato: i nostri sacerdoti, addetti al culto del Signore, sono tutti discendenti di Aronne, e quelli che prestano servizio sono tutti leviti.
Rimandi Note al Testo
Ogni mattina e ogni sera essi offrono in onore del Signore sacrifici completi, bruciano incenso, depongono il pane dell’offerta sulla tavola sacra e ogni sera accendono la lampada sul candelabro d’oro. Nel culto noi rispettiamo tutte le norme del Signore nostro Dio. «Voi, invece, avete abbandonato il Signore.
Rimandi
13,11 pani sulla tavola sacra Lv 24,5-9.
Note al Testo
Ecco perché ora Dio è con noi e ci guida. I suoi sacerdoti sono pronti con le trombe a lanciare il segnale di guerra contro di voi. «Uomini d’Israele, non combattete contro il Signore, Dio dei vostri padri! Non vincerete».
Rimandi
13,12 non combattete contro il Signore 2Mac 7,19; Sap 12,13-14; At 5,39.
Note al Testo
13 Nel frattempo Geroboamo aveva mandato una parte delle truppe alle spalle dell’esercito di Giuda, che si trovò così accerchiato.
Rimandi Note al Testo
14 Quando i soldati di Giuda si accorsero di essere attaccati su due fronti, invocarono l’aiuto del Signore. I sacerdoti suonarono le trombe
Rimandi Note al Testo
15 e l’esercito di Giuda lanciò il grido di guerra. Appena risuonò il grido di guerra, il Signore sconfisse Geroboamo e tutto il suo esercito davanti ad Abia e all’esercito di Giuda.
Rimandi Note al Testo
16 Gli uomini del regno d’Israele si misero a fuggire e così il Signore li diede in potere dei soldati di Giuda.
Rimandi Note al Testo
17 Abia e i suoi uomini ne fecero strage: cinquecentomila soldati scelti caddero sul campo.
Rimandi Note al Testo
Quella volta gli Israeliti del nord furono umiliati, mentre gli uomini di Giuda trionfarono perché si erano affidati al Signore, Dio dei loro padri.
Rimandi
13,18 affidarsi al Signore 14,10; 16,7-8; Is 10,20; 50,10; Mic 3,11.
Note al Testo
19 Abia inseguì Geroboamo e si impadronì delle città di Betel, Iesanà ed Efron e dei villaggi vicini.
Rimandi Note al Testo
20 Geroboamo non si riprese più per tutta la durata del regno di Abia. Alla fine il Signore lo colpì e Geroboamo morì.
Rimandi Note al Testo
21 Abia, invece, divenne sempre più grande. Sposò quattordici mogli ed ebbe ventidue figli e sedici figlie.
Rimandi Note al Testo
22 Gli altri fatti della vita di Abia, le sue vicende e le sue imprese sono raccontate nel libro intitolato ‘Storia del profeta Iddo’.
Rimandi Note al Testo
23 Quando morì, Abia fu sepolto nella Città di Davide. Dopo di lui regnò suo figlio Asa. Durante il regno di Asa il paese fu tranquillo per dieci anni.
Rimandi Note al Testo

Rimandi

13,7uomini spregevoli Dt 13,14.
13,8i vitelli d’oro 1Re 12,28-30.
13,9Geroboamo ha istituito altri sacerdoti 1Re 12,31.
13,11pani sulla tavola sacra Lv 24,5-9.
13,12non combattete contro il Signore 2Mac 7,19; Sap 12,13-14; At 5,39.
13,18affidarsi al Signore 14,10; 16,7-8; Is 10,20; 50,10; Mic 3,11.

Note al Testo

13,2Abia secondo 11,20 era figlio di Maacà, figlia di Assalonne (vedi anche 1 Re 15,2).
13,4Semaràim: a circa 30 km a nord di Gerusalemme.
13,5irrevocabile: è questo il senso dell’espressione ebraica: alleanza di sale (vedi Levitico 2,13 e nota).