Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

2 Cronache

33 1 Manasse divenne re all’età di dodici anni e regnò a Gerusalemme cinquantacinque anni.
Rimandi Note al Testo
2 Egli andò contro la volontà del Signore e seguì le pratiche vergognose di quelle popolazioni che il Signore aveva privato delle loro terre per far posto agli Israeliti.
Rimandi Note al Testo
3 Ricostruì i santuari sulle colline che suo padre Ezechia aveva distrutto, fece altari in onore degli dèi chiamati Baal; innalzò pali sacri alla dea Asera e li venerò. Seguì anche il culto degli astri e li adorò.
Rimandi Note al Testo
4 Costruì altari perfino dentro il tempio di Gerusalemme, dove il Signore aveva promesso di essere presente per sempre.
Rimandi Note al Testo
5 Nei due cortili del tempio pose altari per il culto degli astri.
Rimandi Note al Testo
Bruciò in sacrificio i suoi figli nella valle di Ben-Innom. Praticò magie per conoscere il futuro e stregonerie e consultò quelli che interrogano i morti. Andò continuamente contro la volontà del Signore e provocò il suo sdegno.
Rimandi Note al Testo
33,6 Bruciò: vedi nota a 28,3.
7 Fece anche costruire la statua di un idolo e la pose nel tempio del quale Dio aveva detto a Davide e a Salomone suo figlio: «Io, il Signore, ho scelto Gerusalemme tra tutte le località delle tribù d’Israele e sarò presente in questo tempio per sempre.
Rimandi Note al Testo
8 Ho dato agli Israeliti questa terra e non permetterò che ne siano scacciati, ma a una condizione: devono osservare quel che ho loro comandato per mezzo di Mosè: tutta la legge con le sue prescrizioni e i suoi comandamenti».
Rimandi Note al Testo
9 Manasse, invece, spinse gli abitanti di Gerusalemme e del regno di Giuda a comportarsi ancora peggio delle popolazioni che il Signore aveva distrutto per far posto agli Israeliti.
Rimandi Note al Testo
10 Il Signore mandò avvertimenti a Manasse e al popolo, ma nessuno li ascoltò.
Rimandi Note al Testo
Allora il Signore fece venire l’esercito assiro. Gli ufficiali del re d’Assiria fecero prigioniero Manasse, lo afferrarono con uncini, lo legarono con catene e lo portarono a Babilonia.
Rimandi
33,11 con uncini Ez 19,4.9.
Note al Testo
33,11 Babilonia: in quest’epoca faceva parte dell’impero assiro.
12 Questa umiliazione scosse Manasse. Egli riconobbe le sue colpe davanti al Dio dei suoi padri
Rimandi Note al Testo
13 e pregò il Signore di avere pietà di lui. Dio accolse la sua preghiera ed ebbe pietà di lui. Lo fece ritornare sul trono a Gerusalemme e, da allora, Manasse riconobbe che solo il Signore è Dio.
Rimandi Note al Testo
Tornato a Gerusalemme, Manasse fece costruire un muro di difesa molto alto all’esterno della Città di Davide. A ovest della fonte di Ghicon il muro costeggiava il torrente Cedron fino alla porta dei Pesci e circondava il quartiere dell’Ofel. Inoltre stabilì posti di guardia in tutte le città fortificate del territorio di Giuda.
Rimandi Note al Testo
33,14 Ghicon: vedi nota a 32,3-4. — La porta dei Pesci era a nord del tempio, Ofel invece a sud.
Eliminò i santuari di altre divinità, la statua che lui stesso aveva posto nel tempio e gli altari che aveva fatto costruire sulla collina del tempio e in Gerusalemme. Fece gettare le macerie fuori della città.
Rimandi
33,15 eliminerò i santuari di altre divinità e gli altari Es 23,24+.
Note al Testo
16 Restaurò, invece, l’altare del Signore e fece offrire sacrifici di ringraziamento e celebrare banchetti sacri. Impose in tutto il regno il culto del Signore Dio d’Israele.
Rimandi Note al Testo
17 Il popolo, però, continuò a offrire sacrifici sulle colline, seppure solo al Signore suo Dio.
Rimandi Note al Testo
Il resto della vita di Manasse è raccontato nella ‘Storia dei re d’Israele’. In questa storia si leggono anche le parole che i profeti gli indirizzarono da parte del Signore Dio d’Israele e la preghiera che Manasse rivolse a Dio.
Rimandi Note al Testo
33,18 preghiera: conosciamo un antico scritto, che ci è pervenuto in lingua greca, intitolato Preghiera di Manasse.
Nel libro intitolato ‘Storia dei Profeti’ si descrive come egli pregò e come Dio lo ascoltò e si racconta la storia della sua infedeltà e delle sue colpe. Infine si trova l’elenco delle località nelle quali, prima di riconoscere i suoi errori, egli aveva costruito santuari sulle colline, pali sacri e statue di idoli.
Rimandi Note al Testo
33,19 Storia dei Profeti: altri: Atti di Cozài.
20 Quando morì, Manasse fu sepolto in un terreno di sua proprietà. Dopo di lui regnò suo figlio Amon.
Rimandi Note al Testo
21 Amon divenne re all’età di ventidue anni e regnò a Gerusalemme due anni.
Rimandi Note al Testo
22 Andò contro la volontà del Signore come suo padre Manasse: onorò con sacrifici tutti gli idoli che Manasse aveva fatto.
Rimandi Note al Testo
23 A differenza di Manasse egli non riconobbe mai le sue colpe davanti Signore, anzi le aumentò sempre più.
Rimandi Note al Testo
24 I sui ministri organizzarono una congiura contro di lui e lo uccisero nel suo palazzo.
Rimandi Note al Testo
25 Ma il popolo del paese uccise i congiurati e, al posto di Amon, proclamò re suo figlio Giosia.
Rimandi Note al Testo

Rimandi

33,11con uncini Ez 19,4.9.
33,15eliminerò i santuari di altre divinità e gli altari Es 23,24+.

Note al Testo

33,6Bruciò: vedi nota a 28,3.
33,11Babilonia: in quest’epoca faceva parte dell’impero assiro.
33,14Ghicon: vedi nota a 32,3-4. — La porta dei Pesci era a nord del tempio, Ofel invece a sud.
33,18preghiera: conosciamo un antico scritto, che ci è pervenuto in lingua greca, intitolato Preghiera di Manasse.
33,19Storia dei Profeti: altri: Atti di Cozài.