Dimensioni del testo

Carattere

Tema

Evidenzia versetti con note

Stai leggendo

INTERCONFESSIONALE

Interconfessionale

Capitoli
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14

Tobia

9 1 Allora Tobia chiamò Raffaele e gli disse:
Rimandi Note al Testo
«Azaria, amico mio! Prendi con te quattro servi e due cammelli. Va’ tu a Rage, da Gabaèl! Gli consegnerai il documento e ritirerai il denaro. E al ritorno prendi con te Gabaèl e portalo qui alla festa di nozze.
Rimandi Note al Testo
9,2 documento: vedi 5,3 e nota.
3-4 Tu sai che mio padre conta i giorni; se io tarderò anche un solo giorno, starà molto in pensiero. Hai sentito, come me, quel che ha giurato Raguele. Io non posso certo contrariarlo!».
Rimandi Note al Testo
5 Raffaele partì per Rage di Media con quattro servi e due cammelli, e passò la notte da Gabaèl. Gli consegnò il documento di deposito del denaro e lo informò che il figlio di Tobi, Tobia, si era sposato e lo invitava alla festa di nozze. Gabaèl andò in fretta a contare i sacchetti del denaro. Erano ancora tutti sigillati. Poi li caricarono sui cammelli
Rimandi Note al Testo
e partirono tutti insieme, di buon mattino, per andare alle nozze. Quando arrivarono alla casa di Raguele, trovarono Tobia seduto a tavola. Egli si alzò subito e andò a salutare Gabaèl. Gabaèl lo benedisse con le lacrime agli occhi: «Caro ragazzo! — disse — tu sei figlio di un padre carissimo: un uomo davvero giusto e generoso! Il Signore ti benedica dal cielo! Benedica te e la tua sposa, tuo padre e tua madre, tuo suocero e tua suocera. E sia lodato Dio: per me ora è come se vedessi il mio cugino Tobi, tanto assomigli a tuo padre».
Rimandi
9,6 a tavola 8,20. — di un padre carissimo 7,6. — come vedessi il mio cugino Tobi 7,2.
Note al Testo

Rimandi

9,6a tavola 8,20. — di un padre carissimo 7,6. — come vedessi il mio cugino Tobi 7,2.

Note al Testo

9,2documento: vedi 5,3 e nota.